Articoli

Giacomo Ogliari abbraccia di nuovo la C3 R5 a Pavia

Non solo Lady Piedono di Ferro e Alfredo Acetulli alla kermesse pavese. Il Motors Rally Show prevista il 2-3 marzo all’interno del Motodromo pavese di Castelletto di Branduzzo vedrà al via anche Giacomo Ogliari. Insieme a Gabriele Falzone, il pilota milanese in forza alla scuderia WRT salirà nuovamente a bordo della Citroen C3 R5 della GCar Sport Racing Team con cui ha debuttato in occasione dello scorso Monza Rally Show. L’obiettivo è quello di ben figurare in un contesto nel quale il driver lombardo si è sempre trovato a suo agio.

“Sono felice di ritornare in auto; sebbene non sia stata una pausa sportiva troppo lunga, il desiderio di pilotare la C3 era davvero tanto. Insieme a Gabriele vogliamo divertirci cercando di sfruttare al meglio le caratteristiche di una vettura fantastica che ha già fatto vedere il suo incredibile potenziale anche con Breen al Città dei Mille e con Tamara Molinaro in Svezia”. La corsa comincerà nella serata di sabato con due speciali e circa quindici chilometri cronometrati; nella giornata di domenica spazio alle altre quattro prove per un complessivo ammontare di cinquantadue chilometri cronometrati.

Clamoroso: Metior Sport porta Craig Breen nel Cir 2019

Un fulmine a ciel sereno, il team Metior Sport, una delle squadre che insieme a DP Autosport si contendeva il programma di Giandomenico Basso nel Cir 2019, ha chiuso un accordo con Craig Breen per disputare il Campionato Italiano Rally 2019. Il pilota irlandese guiderà nel Cir 2019 la Skoda Fabia R5 Evo gommata Michelin. L’obiettivo è quello di contrastare l’avanzata di Citroen con la C3 ufficiale e Luca Rossetti verso il titolo tricolore e a questo punto l’oramai quasi certa scalata del forte pilota veneto con la Skoda Fabia R5 della DP Autosport e con il supporto di Loran.

Craig Breen nasce a Waterford, una bella cittadina dell’Irlanda, il 2 febbraio nel 1990. Inizia la sua carriera nel Campionato Europeo Rally per la Peugeot Rally Academy. È stato il vincitore della S2000 nel WRC, dove ha vinto Rally MonteCarlo, Rally GallesRally Francia e Rally Spagna. Breen è stato anche il campione WRC Academy nel 2011, vincendo il suo primo evento nel 2011 al Rally di Germania. dal 2017 è pilota ufficiale della Citroen con cui guida una C3 WRC nel WRC 2017 e anche nella stagione successiva ma non in tutte le gare alternandosi con Loeb. Metior Sport non ha in programma di disputare tutti gli eventi, ma non si sa mai visto che l’appetito vien correndo…

“Sono davvero felice di poter annunciare che prenderò parte al Campionato Italiano Rally in questa stagione insieme al team Metior Sport, così come avvenuto negli eventi a cui ho preso parte in Irlanda. Mi interessa davvero il Campionato Italiano Rally 2019, è una sfida che mi appassiona molto e, cosa molto più importante, è che quando non correrò mangerò bene, perché in Italia si mangia bene“, ha detto un ironico Craig Breen letteralmente preso per la gola dalla Penisola.

Craig Breen è la star della Ronde Città dei Mille

Alla quattordicesima Ronde Città dei Mille passa lo straniero. Craig Breen, pilota irlandese abituale protagonista del campionato WRC, ha vinto la corsa organizzata dalla Ares Communication e dalla Giesse Promotion insieme alla fidanzata comasca Tamara Molinaro sulla nuova arrivata Citroen C3 R5 della GCar Sport. Per la prima volta sugli asfalti lombardi, l’asso irlandese ha sconfitto una accanita concorrenza grazie ad una condotta perfetta. Dopo aver studiato la situazione nella prima speciale ha sferrato due colpi decisi nelle prove centrali tenendo alla corda i rivali anche nell’ultimo crono, quello vinto da Alessandro Perico.

Proprio il driver bergamasco ha concluso in seconda posizione insieme a Mauro Turati sulla Skoda Fabia R5 (PA Racing) grazie ad una gara senza sbavature culminata con lo scratch in Ps4. Chi ha qualcosa da recriminare è il lecchese Marco Paccagnella in coppia con Maurizio Vitali: i due della BDL Racing erano stati i primi leader della corsa ma un problema all’attuatore delle marce li ha costretti ad utilizzare il cambio manuale nello stage finale: la perdita di 5”5 lo ha fatto scendere in terza posizione assoluta.

“Sono soddisfatto per avere condiviso questa vittoria con Tamara, al suo primo successo in carriera. Era importante provare la nuova C3 R5 della GCar per metterle chilometri e testarla in modo corretto facendo capire a tutti qual è il suo reale potenziale; oggi ci siamo divertiti molto” ha detto l’asso irlandese Craig Breen. Craig Breen si aggiudica il Trofeo Città di Alzano in quanto primo assoluto. Il miglior Under 25 è Enrico Oldati che conquista così il Memorial Renato Pasquali. Il Memorial Gimondi va invece ai camuni Daniel Reghenzani-Diego Castelnovi che sono il più giovane equipaggio all’arrivo: meno di 40 anni in due!

Quarta posizione finale per il bergamasco Ilario Nodari: il pilota di Gandino ha chiuso secondo tra le Wrc insieme a Mometti su Ford Fiesta (Tam Auto). Quinta piazza per Stefano Capelli, tornato a guidare una Wrc (la Citroen DS3) dopo alcuni anni; insieme a lui Fabrizio Carrara. Alle loro spalle chiude a podio di R5 un altro duo locale: Giaconia-Torri sono quinti sulla Skoda Fabia R5 (PA Racing) mentre è da classificare positivamente il debutto di Bissa-Pulicisu con una R5: è 7° la Skoda del team HK. Ottavo posto nella caselllna finale per Mauro e Simone Miele: i due varesini della DS3 Wrc “pagano” due manovre nelle prove centrali. Noni a 37” i fidanzati Gianluca Acerbis ed Anna Frezzato, su Skoda R5 (Roger) mentre chiude la top ten un altro equipaggio… di famiglia: papà Danilo Scanzi affiancato dal figlio Alberto, utilizzava per la seconda volta la Ford Fiesta Wrc (Erreffe).

Lotte nelle altre classi della Ronde Città dei Mille

Vincitore tra le due ruote motrici è risultato il duo parmense Vescovi-Guzzi che si è aggiudicato anche la classe S1600 davanti ai compagni di team Roggiani-Dentella: entrambi erano su Renault Clio S1600. In R3C il successo è stato ad appannaggio dell’equipaggio locale composto da Igor Cugini e Maurizio Della Torre, bravi su Clio GMA a svettare sui rivali tra i quali il sardo Gessa e l’evergreen Lozza. Gli elvetici Cominelli-Fieni (Peugeot 208) vincono tutte le prove della classe R2 risultandone automaticamente i migliori. I locale Grigis-Grigis fanno loro la A5 su Peugeot 106.

In A6 Ghirardi e Tirone battono tutti (Peugeot 106) mentre la A7 è vinta dalla Renault Clio di Nussio-Amato. Spettacolo garantito dalla BMW di Marchetto Zamboni (A8) e dalla Peugeot 306 di Grudina-Turco (Peugeot 306 Kit). La K10 è per Sanvito-Muffatti mentre la N1 per Reghenzani-Castelnovo (Peugeot 106). Pennino-Varisco (Peugeot 106) si impongono in N2 dopo l’iniziale leadership di Fortunato: al fotofinish hanno la meglio per 1”5 su Gardini-De Vincenzi. Dopo anni di successi in N2 primeggiano anche in N3 i locali Albrigoni-Paganelli (Citroen Saxo) bravi a contenere la furia di Targon (Honda Civic).

La N4 è vinta da Muzio-Magni su Subaru Impreza. Nonostante un timbro fallace Larosa e Minelli si aggiudicano in solitaria la R1B su Suzuki Swift. Anche per Brocchi e Rosa (Mitsubishi Lancer Evo IX) si tratta di una vittoria in solitaria nella R4 dopo il ritiro per incidente di Merelli. Moscardi-Ferrari vincono agevolmente la RS 1.6 sulla loro Citroen Saxo mentre parla sardo il vincitore della RS1.6 TB: festeggiano Fois-Tocco su Mini Cooper. Pezzetta e la Melesi sono primi tra le RS Plus. I bresciani Rizziero e “Ludo” Zigliani sono i vincitori della S2000 sui due Allieri per solo 3”6.

Top ten assoluta della Ronde Città dei Mille

1. Breen-Molinaro (Citroen C3 R5) in 21’12’0; 2. Perico-Turati (Skoda Fabia R5) in 21’13”2 a 1”2; 3. Paccagnella-Vitali (Ford Focus Wrc) in 21’16”3 a 4”3; 4. Nodari-Mometti (Ford Fiesta Wrc) in 21’26” a 14”0; 5. Capelli-Cattaneo (Citroen DS3 Wrc) in 21’31”8 a 19”8; 6. Giaconia-Torri (Skoda Fabia R5) in 21’35”7; 7. Bissa – Pulici (Skoda Fabia R5) in 21’44”4 a 32”4; 8. Miele-Miele (Citroen DS3 Wrc) in 21’48”3 a 36”3; 9. Acerbis-Frezzato (Skoda Fabia R5) in 21’49”7 a 37”7; 10. Scanzi-Scanzi (Ford Fiesta Wrc) in 22’02”8 a 50”8.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Albo d’oro Ronde Città dei Mille

2018: Breen-Molinaro (Citroen C3 R5)

2017: Paccagnella-Bianco (Ford Focus Wrc)

2016: Perico-Turati (Ford Fiesta Wrc)

2015: Paccagnella-Bozzo (Ford Focus Wrc)

2014: Perico-Turati (Peugeot 208 T16 R5)

2013: Perico-Reboldi (Citroen C4 Wrc)

2011: Gamba-Inglesi (Peugeot 207 S2000)

2010: Perico-Carrara (Citroen Xsara Wrc)

2009: Gaspartto-BIzzotto (Ford Focus Wrc)

2008: Oldrati-Romano (Peugeot 206 Wrc)

2007: Gregis-Concaro(Peugeot 206 Wrc)

2006: Perico-Carrara (Peugeot 206 Wrc)

2005: Oldrati-Romano (Peugeot 206 Wrc)

2004: Zanchi-Florean (Toyota Corolla Wrc)

 

Ronde Città dei Mille: cambia l’assoluta dopo la PS3

Craig Breen e Tamara Molinaro hanno messo la freccia. Nel corso della PS3 i due fidanzati della GCar Sport, a bordo della Citroen C3 R5, hanno preso il sopravvento vincendo la speciale e collocandosi in cima alla graduatoria assoluta. Il tempo di 5’16” è pressoché identico a quello realizzato nella PS2 e come nella tornata precedente è stato utile all’irlandese del WRC per prevalere un’altra volta. Ora manca una speciale alla conclusione e fino all’ultimo si dovrà stare col fiato sospeso in quanto il vantaggio di Breen è di solo 0”3 su Paccagnella e 2”7 su Perico, ancora terzo in prova.

Ilario Nodari si conferma quarto con la Fiesta Wrc mentre alle sue spalle mantiene la quinta posizione la DS3 Wrc di Capelli e Cattaneo. Buona prova di Giaconia e Bissa (quest’ultimo al debutto in R5) mentre perde posizioni il duo varesino Miele-Miele su DS3 Wrc. Roberto Vescovi, 16° assoluto, è primo tra le due ruote motrici e di S1600 (Renault Clio) davanti al compagno di team (Erreffe) Roggiani, sempre su Clio. In R2 il mattatore è l’elvetico Ivan Cominelli su Peugeot 208 mentre nell’altra classe numerosa, la N2, i primi due classificati in PS1 sono stati costretti al ritiro lasciando a Pennino una comoda leadership.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fortunato e Trinca Colonel sono stati fermati da guasti meccanici. Albrigoni, alle prime armi con la Renault Clio, comanda la N3, classe nella quale sia Maci che Marini hanno dovuto alzare bandiera bianca per problemi. Merelli è out per incidente al debutto su Mitsubishi Lancer Evo X R4. Anche Spataro figura tra i ritirati: un problema alla scatola guida pone fine alla sua gara già partita in maniera tribolata.

Ronde Città dei Mille: lotta tra Paccagnella, Breen e Perico

La Ronde Città dei Mille entra nel vivo e la sfida diventa emozionante: dopo lo scratch iniziale di Marco Paccagnella e Maurizio Vitali su Ford Focus Wrc (BDL Racing), sono Craig Breen e Tamara Molinaro a firmare la seconda prova con la Citroen C3 R5 (GCar Sport); terzo e primo dei bergamaschi è il plurivincitore della gara Alessandro Perico (Skoda Fabia PA Racing) che tallona proprio Breen sia nella generale che in R5. Dopo due prove, e cioè a metà corsa, il vantaggio di “Pacca” è risicatissimo e l’impressione è che sarà l’ultima prova, col relativo buio, a decidere le sorti; ora infatti il lecchese conta 1” di vantaggio su Breen e 1”4 su Perico con quarto l’equipaggio Nodari-Mometti su Fiesta Wrc Tam Auto a 8”6.

Tra i ritirati da citare le defezioni di Feliciani e Rota, nemmeno entrati in Ps1, Spataro (guasto meccanico) e Pasquali (rottura cambio). Nonostante le temperature rigide, sulla prova sono presenti moltissimi spettatori a testimonianza del numeroso seguito che la gara riesce sempre ad esercitare nei confronti degli appassionati. Va segnalato l’utilizzo dell’elicottero da parte del comitato organizzatore che, attraverso questo sistema utilizzato anche nelle gare del WRC – il mondiale rally – riesce a controllare e gestire rapidamente alcune dinamiche di gara.