WRC ibride, Andrea Adamo teme un forte aumento dei costi

Andrea Adamo elogia il lavoro di Thierry Neuville e Ott Tanak

Andrea Adamo, team principal di Hyundai Motorsport, dice cose carine al sito DirtFish, che è lo sponsor del suo pilota estone. Ha tutti i buoni motivi per farlo, visto che le sue macchine hanno vinto e si presentano al via della stagione come le auto da rally da battere. Adamo elogia il team che ha reso quelle vetture più veloci, rally dopo rally.

Il mese scorso, è stato annunciato che Dani Sordo e Craig Breen si sarebbero alternati sulla terza Hyundai i20 Coupé WRC (che correrà a tempo pieno), iscritta alla stagione del Campionato del Mondo Rally 2021. I due avevano precedentemente condiviso l’auto con Sébastien Loeb. Le due vetture principali mantengono i piloti del 2020, Thierry Neuville e Ott Tänak, piloti che Adamo stia molto.

Usa belle parole dopo che si sono assicurati il titolo Costruttori per il secondo anno consecutivo e hanno trasformato la i20 Coupe WRC in una vettura straordinaria. “Tutti coloro che hanno guidato per Hyundai nel 2019 e nel 2020 meritano di essere seriamente supportati da me personalmente come ringraziamento per tutti i lavori che hanno svolto”, ha detto Adamo al sito americano.

“Thierry ha svolto nel 2019 e nel 2020 un lavoro straordinario. Nel 2019 era sempre lì. Stava spingendo. Nel 2020 ha iniziato a vincere a MonteCarlo, ha avuto dei problemi, ha commesso un errore in qualche modo in Estonia se vogliamo definirlo un errore. A Monza ha commesso un errore”. Per com’è fatto Andrea Adamo, che esterna ciò che pensa con estrema facilità e in modo diretto, lo sta riempiendo di complimenti.

“Ho fatto tanti errori nel mio lavoro, che nessuno mi ha fatto notare, perché non sono sempre sotto la telecamera. Ma lui rimane con noi, sta sostenendo tutti, e questo mi piace molto”. Poi c’è il “capitolo Tänak”, che è diventato campione del mondo di rally con la Toyota nel 2019 e poi ha subito abbandonato la squadra giapponese per unirsi a quella coreana. “Ott, cosa posso dire? È davvero una persona molto intelligente, molto chiara, sta lavorando molto bene con Thierry”.

“Penso che insieme ci abbiano permesso di aumentare molto le prestazioni della vettura perché lavorano insieme in modo chiaro, condividono opinioni, condividono informazioni, e questo ci ha permesso di crescere in termini di prestazioni. Dobbiamo essere onesti con noi stessi nella vita. Nel 2019 abbiamo vinto il titolo Costruttori perché eravamo più affidabili, non più veloci. Quest’anno direi che siamo stati molto più veloci dell’anno scorso, e abbiamo gareggiato in ogni rally per averne il comando”.