Giandomenico Basso

Rivoluzione francese per i Campionati Italiani Rally

I Campionati Italiani Rally 2022 prendono forma e, adesso, mancano le date. Come trapelato nei mesi scorsi, è stata messa in atto una sorta di rivoluzione francese: il Campionato Italiano Rally va interamente su asfalto con 120 chilometri minimo di prove speciali. Confermata l’apertura con il Ciocco, poi Sanremo e Targa Florio. Entra il Rally di Alba, che da anni aspettava questa promozione e che ha il merito di riportare il CIR in Piemonte dopo gli anni di oblio del post-Lana. Confermati anche Roma Capitale, 1000 Miglia e Due Valli, per un totale di sette prove.

Calendario CIR (asfalto)

  • Rally Il Ciocco
  • Rallye Sanremo
  • Targa Florio
  • Rally Alba
  • Rally di Roma Capitale
  • Rally 1000 Miglia
  • Rally Due Valli

Sei le gare del Campionato Italiano Rally Terra che parte con il Val d’Orcia e segue con Adriatico, San Marino, Vermentino, Arezzo e Liburna. Con un CIR solo asfalto, in cui probabilmente confluiranno anche i trofei monomarca, si sperava in un CIRT di pari entità, con una gara in più. In ogni caso, la chiave del successo sarà rappresentata dal montepremi.

Calendario CIRT (terra)

  • Rally Val d’Orcia
  • Rally Adriatico
  • Rally San Marino
  • Rally del Vermentino
  • Rally Città di Arezzo Valtiberina
  • Rally Liburna Terra

E il CIWRC? Viene rinominato in CIRA. Così si spegnerà la polemica sul termine WRC per un Campionato con due o al massimo tre WRC. Però, ora sembra un doppione perfetto e in formato smart del Campionato Italiano Rally. Questo mini-CIR inizierà con Elba, Salento e Lana (novità che prende il posto di Alba), poi Marca, San Martino, Como e Modena. Uscirà, quindi, dal calendario il Friuli, che potrebbe diventare Finale della Coppa Italia.

Calendario CIRA (asfalto)

  • Rally Elba
  • Rally del Salento
  • Rally Lana
  • Rally della Marca
  • Rally San Martino
  • Rally Trofeo Aci Como
  • Rally Città di Modena

In edicola e in digitale

Copertina RS e oltre novembre 2021