Articoli

Alessio Profeta testa in Sardegna in vista del RIS

Alessio Profeta si prepara al debutto sulla terra, in programma a metà giugno in Sardegna. Il pilota siciliano dopo aver conquistato i primi punti tricolore al Targa Florio, ha infatti effettuato una giornata di test al volante della Skoda Fabia R5 gestita dalla RSport. Sugli sterrati in provincia di Cuneo, il portacolori di Island Motorsport ha così preso confidenza con un terreno del tutto sconosciuto, provando vari setup sulla vettura in vista dell’impegnativo appuntamento Tricolore in Sardegna, affiancato al mondiale rally, in programma dal 13 al 16 giugno prossimi.

“Primi chilometri su un fondo del tutto nuovo. Sono veramente contento delle sensazioni acquisite in questa giornata di test. – continua Profeta – La terra è un tassello fondamentale per la crescita di ogni pilota, pertanto era giunto il momento di compiere questo passo verso i fondi sterrati.”

Al fianco del giovane siciliano sarà presente Sergio Raccuia che, nel suo curriculum, annovera la partecipazione al Rally di Montecarlo nel 2013.

“E’ fantastico ritornare sulle strade del mondiale, seppur le difficoltà aumentano notevolmente con i soli due passaggi di ricognizione consentiti a prova. Sono felicissimo di portare Alessio al debutto sui blasonati sterrati sardi.” – afferma Raccuia.

La nostra guida interattiva sempre aggiornata al Rally Italia Sardegna la trovi qui.

Guida al RIS 2019: percorso, tabella tempi distanze…

Aperta la vendita per accedere all’Ittiri Arena Show, prova spettacolo d’apertura per il Rally Italia Sardegna, tappa italiana del WRC quest’anno valida anche per il Campionato Italiano Rally e per il Cir Terra. Il primo start della gara sarà proprio su questa speciale, programmata per giovedì 13 giugno a partire dalle ore 17.00. L’apertura dei cancelli è prevista dalle ore 14.00. Il biglietto è gratuito per gli Under 14, mentre sono previsti importanti sconti per i Soci Aci e Soci Aci Storico. Accesso e zone riservate all’interno dell’Arena sono invece inclusi per i possessori di “Gold Pass Unlimited” e “Gold Pass Daily” per la giornata di giovedì.

Il percorso del 16° Rally Italia Sardegna, manifestazione organizzata dall’Automobile Club d’Italia con la partnership della Regione Sardegna, ha confermato la scelta delle ultime tre edizioni di avere l’intera corsa raccolta nel nord dell’isola. La gara, ottava manche del Campionato del Mondo Rally in programma dal 13 al 16 giugno, sarà anche valida per il Campionato Italiano Rally, per il Cir Junior e per il Campionato Italiano Rally Terra.

Proprio per venire in soccorso alle esigenze del caso, con molti partecipanti e appassionati delle serie nazionali che dovranno raggiungere l’Isola a ridosso dell’evento, AciSport ha provveduto a rinnovare l’accordo con la Compagnia di Navigazione Grimaldi Lines. La partnership è stata studiata appunto per accompagnare spettatori e concorrenti verso il RIS, con l’obiettivo di favorire i trasferimenti grazie a prezzi fortemente agevolati sulle moderne navi della flotta Grimaldi.

Il rally avrà un percorso composto da diciannove prove speciali suddivise in tre tappe per complessivi 313,04 chilometri cronometrati. Per il sesto anno consecutivo è stata confermata la location di Alghero, con il parco assistenza allestito anche stavolta tra le banchine del porto turistico, le ramblas ed il piazzale della Pace, mentre sala stampa, direzione di gara e quartier generale della manifestazione saranno ospitati anche stavolta nella prestigiosa location di Lu Qualté.

Giovedì 13 giugno alle ore 9 i piloti dopo lo shakedown di Olmedo (3,84 chilometri), in versione inedita con partenza dalla spettacolare miniera di bauxite, prenderanno il via della corsa alle ore 17 con la classica super speciale di Ittiri Arena (2 chilometri). La prima tappa proseguirà poi la mattina di venerdì 14 giugno con un programma di 8 crono (4 ripetuti due volte), quelli di Tula (22,28 chilometri), Castelsardo (14,69 chilometri), Tergu-Osilo (14,14 chilometri) e Monte Baranta (10,90 chilometri) per un totale di 124,02 chilometri cronometrati.

Un passaggio della scorsa edizione del Rally Italia Sardegna
Un passaggio dell’edizione 2018 del Rally Italia Sardegna

Sabato 15 giugno è poi in programma la tappa più lunga dell’intera corsa composta da sei speciali per complessivi 144,98 chilometri cronometrati con due passaggi a Coiluna-Loelle (14,97 chilometri), Monti di Alà (28,44 chilometri) e Monte Lerno (29,08 chilometri). Infine domenica 16 giugno sono 42,04 i chilometri cronometrati da percorrere suddivisi in quattro speciali, vale a dire i due passaggi a Cala Flumini (14,06 chilometri) e nella power stage di Sassari-Argentiera (6,96 chilometri), che nel secondo passaggio delle ore 12.18 andrà in onda in diretta televisiva in tutto il mondo. Solo allora sapremo con certezza il nome del vincitore di questa 16a edizione dell’appuntamento tricolore del mondiale rally, che poi come da tradizione si tufferà insieme a tutto il team nelle acque del porto di Alghero.

Il programma si conferma quindi molto stimolante. Non mancheranno i motivi di interesse sportivo, poiché la tappa italiana andrà in scena di nuovo nella fase calda del WRC, stavolta con l’affiancamento dei protagonisti nazionali ad aumentare lo spettacolo. Diverse anche le occasioni per seguire l’evento in diretta. Come le altre tappe anche il RIS verrà trasmesso sulla piattaforma WRC Plus, oltre allo streaming e on demand su Dazn che offrirà i passaggi di giovedì con l’Ittiri Arena ore 17.00, sabato con la Coiluna-Loelle ore 8.08 e 16.08, quindi il gran finale di domenica sulla Sassari-Argentiera ore 9.08 e 12.18. Alla consueta programmazione mondiale garantita dal promotore, si aggiungerà quella data da RAI Sport che dedicherà lunghi collegamenti con dirette, differite ed approfondimenti dedicati. Si prospetta quindi un ventaglio di offerte televisive consistente, consolidato in base al successo dell’ultima edizione.

Il RIS 2018 infatti aveva fatto registrare dati significativi, piazzandosi al primo posto nel ranking WRC sotto il profilo delle trasmissioni worldwide, che raggiunsero le 1515 ore. Un dato importante che dimostra l’interesse globale verso la manifestazione italiana, con risvolti positivi anche per l’economia locale in quanto a ricavi e movimento per il turismo. Da sottolineare anche l’aspetto audience, che negli ultimi tre anni fa segnalare un incremento notevole per il RIS, indice positivo ottenuto solamente da Montecarlo, Francia e Spagna.

Guida al percorso del Rally Italia Sardegna 2019

Mappa-generale-con-dettagli-RIS-2019

Dani Sordo al Rally Italia Sardegna
Dani Sordo al Rally Italia Sardegna

Tabella tempi distanze Rally Italia Sardegna 2019

Tabella-tempi-distanze-Ris-2019

Validità Rally Italia Sardegna 2019

FIA Campionato del Mondo per Piloti

FIA Campionato del Mondo per Co-Piloti

FIA Campionato del Mondo per Costruttori

FIA Campionato WRC2 PRO per Teams

FIA Campionato WRC2 PRO per Piloti

FIA Campionato WRC2 PRO per Co-Piloti

FIA Campionato WRC2 per Teams

FIA Campionato WRC2 per Piloti

FIA Campionato WRC2 per Co-Piloti

FIA Campionato JUNIOR per Piloti

FIA Campionato JUNIOR per Co-Piloti

Campionato Italiano Rally

Campionato Italiano Rally Junior

Campionato Italiano Rally Terra

RIS 2019: Breen e Andreucci i grandi ‘esclusi’

Le iscrizioni del RIS 2019 sono ufficialmente chiuse e i due principali nomi che mancano sono proprio quello di Craig Breen, atteso al confronto con Giandomenico Basso, Simone Campedelli e Luca Rossetti sulla difficile terra sarda, e quello di Paolo Andreucci, che sognava di disputare il Rally italia Sardegna con Rudy Briani ma alla fine non è riuscito nell’intento. Mentre di Ucci c’era pieno sentore del forfait in una manifestazione come il Rally Italia Sardegna, la notizia di Breen giunge come fulmine a ciel sereno. E soprattutto non ci si aspettava un’assenza così lunga nella serie tricolore, che inevitabilmente finirà per penalizzarlo in classifica: quella sarda sarà già la seconda prova che il driver irlandese che ha dovuto ripiegare sul Cir 2019 salterà.

A ben vedere non sembra proprio il miglior periodo per Breen, pilota di indubbio talento che continua a lottare contro avversità economiche senza smettere neppure per un minuto di credere nel proprio valore sportivo. Dopo aver dovuto rinunciare al Rally Targa Florio 2019, dove era atteso da tantissimi appassionati e tifosi, ora è costretto a rinunciare anche al Rally Italia Sardegna. Il team manager della Metior, Vittorio Sala, aveva spiegato così la scelta della Sardegna: “C’è un maggiore ritorno d’immagine, che per noi che siamo un piccolissimo team è una cosa importantissima, Craig Breen sulla terra è un osso duro, lui stesso desiderava tornare a correre in un evento WRC…”.

Sala aveva anche aggiunto: “A questo si aggiunga che la spesa per affrontare la gara siciliana e quella per effettuare la trasferta in Sardegna è praticamente identica. Però, o si andava in Sicilia o si andava in Sardegna. E visto che le tappe sulla terraferma non sono in discussione, allora mi è sembrata la cosa più giusta da fare. A Craig dispiace molto non essere al Rally Targa Florio, però non posso nascondere che anche l’idea di andare a correre il Rally Italia Sardegna è parecchio stimolante per tutti”. Peccato, la fine di un sogno. La fine di un incontro atteso, Craig e la Sardegna, lì dove le strade di Breen e quelle del Mondiale Rally si sarebbero di nuovo incrociate.

Michelin Rally Cup: il bilancio post Targa Florio

Continua il momento favorevole dei piloti Michelin nel Campionato Italiano Rally Asfalto, serie che si disputa all’interno del Campionato Italiano Rally, che ha vissuto il suo terzo appuntamento in Sicilia nello scorso fine settimana in occasione della 103esima edizione della Targa Florio. Migliore in assoluto dei piloti Michelin è stato Giandomenico Basso, affiancato da Lorenzo Granai che ha ottenuto la quarta piazza nella classifica finale con la Škoda Fabia R5, risultato che permette al pilota veneto di mantenere la seconda piazza fra i conduttori nella classifica assoluta del Campionato.

Due gradini del podio sono stati conquistati dai piloti Michelin nella classifica dei piloti iscritti al Campionato Italiano Rally Asfalto con Stefano Albertini, navigato da Danilo Fappani, che ha chiuso al secondo posto del CIRA (quinto assoluto) con la Škoda Fabia R5, rimediando così al passo falso del Sanremo e ritornando a pieno titolo per la vittoria finale del CIRA. Ottima prova del toscano Rudy Michelini, con Michele Perna a dargli il ritmo, che si è dimostrato anche nella gara siciliana costante terza forza del Campionato Italiano Rally Asfalto (sesto assoluto) con la sua Škoda Fabia R5, costanza che gli permette di essere in testa al CIRA grazie alla seconda piazza del Ciocco di inizio anno e ai due terzi posti di Sanremo e Targa Florio.

Risultati soddisfacenti arrivano anche dagli altri conduttori calzati Michelin, tutti fra i primi dieci della classifica assoluta, a cominciare dal giovane elvetico Kevin Gilardoni, navigato dal ligure Corrado Bonato settimo assoluto e quarto nel CIRA con la Hyundai i20, che ha superato in volata per 6”1 l’altro equipaggio Michelin formato da Marcello Razzini-Gianmaria Marcomini con la Škoda Fabia R5. Torna il sorriso sulle labbra per il ventitreenne Alessio Profeta, in vettura con Sergio Raccuia, decimo assoluto che raccoglie i primi punti stagionali con la Škoda Fabia R5 dopo l’uscita di strada del Ciocco e il ritiro del Sanremo.

Campionati Italiani Rally: elenco iscritti 2019 (AGGIORNATO)

Ecco tutte le candidature ufficiali per i diversi titoli in palio, con le iscrizioni per i vari Campionati Italiani Rally. Ecco Un elenco iscritti sempre aggiornato piloti iscritti ai Campionati Italiani Rally.

Elenco iscritti Campionati Italiani

CAMPIONATO ITALIANO RALLY 2019

Albertini Stefano

Basso Giandomenico

Breen Craig

Campedelli Simone

Crugnola Andrea

Gilardoni Kevin

Michelini Rudy

Profeta Alessio

Razzini Marcello

Rossetti Luca

Rusce Antonio

Scattolon Giacomo

CAMPIONATO ITALIANO 2 RUOTE MOTRICI 2019

Ciuffi Tommaso

Lucchesi Christopher

Nicelli Davide

Panzani Luca

Perosino Patrizia

Somaschini Rachele

Trevisani Jacopo

CAMPIONATO ITALIANO JUNIOR 2019

Bernardi Giorgio

Bottarelli Luca

Mazzocchi Andrea

Pollara Marco

Pucella Pasquale

Testa Giuseppe

Vita Mattia

CAMPIONATO ITALIANO RALLY ASFALTO 2019

Albertini Stefano

Crugnola Andrea

Gilardoni Kevin

Michelini Rudy

Profeta Alessio

Razzini Marcello

Rusce Antonio

Scattolon Giacomo

CAMPIONATO ITALIANO COSTRUTTORI 2019

Citroen Italia

Ford Italia

CAMPIONATO ITALIANO COSTRUTTORI 2 RUOTE MOTRICI 2019

Ford Italia

Peugeot Automobili Italia

CAMPIONATO ITALIANO WRC 2019

Andriolo Rudy

Bizzotto Giampaolo

Fontana Corrado

Fontana Luigi

Santini Federico

Schileo Nicola

Signor Marco

Zigliani Rizziero

CAMPIONATO ITALIANO RALLY TERRA 2019

Andreucci Paolo 

Baldinini Filippo 

Battilani Fabio 

Barone Jr. 

Cagni Davide 

Campagnoli Gabriele 

Ceccoli Daniele 

Cobbe Luciano 

Codato Mattia 

Consani Stephane 

Costenaro Giacomo 

Dalmazzini Andrea 

Fanari Francesco 

Gallu Andrea 

Hoebling Luca 

Liceri Michele 

Manfrinato Giovanni 

Marchioro Nicolò 

Maspoli Luca 

Messori Giuseppe 

Ricci Luigi 

Scandola Umberto 

Squarcialupi Massimo 

Tali Francesco 

Tonso Massimiliano 

Versace Tullio Luigi

TROFEO GRUPPO N – 4 RUOTE MOTRICI 2019

Bardini James 

Bedini Piergiorgio 

Codato Mattia 

Gabbarini Christian 

Ioriatti Armando

Ultimo aggiornamento 15 maggio 2019 ore 9.00