Articoli

Umberto Scandola e Guido D’Amore ci credono in questo Sanremo

Sarà un Rallye di Sanremo ridotto nel chilometraggio ma decisamente appassionante, quello che si disputerà nel week-end del 2-3 ottobre. Tra i sicuri protagonisti della quinta prova del Campionato Italiano Rally 2020 (il Rally di Roma era composto da due rally distinti) Umberto Scandola e Guido D’Amore, pronti a difendere i colori di Hyundai Rally Team Italia al volante della i20 R5.

Per il pilota veronese e il navigatore imperiese il Sanremo sarà un gradito rientro nel Campionato Italiano dopo il Rally di Roma Capitale. L’obiettivo del pilota Hyundai è quello di lottare per le posizioni che contano in un rally che conosce bene avendolo disputato per ben 14 edizioni, salendo parecchie volte sul podio e vincendolo nel 2014. Le tortuose prove speciali dell’entroterra ligure, che per tanti anni sono state protagoniste del mondiale rally, serviranno anche come severo banco prova per verificare le ultime novità messe a punto da Hyundai Motorsport Customer Racing. La stessa Michelin ha deciso di portare a Sanremo una nuova gamma di pneumatici, che in base alle condizioni climatiche che ci saranno, potrebbero essere utilizzati sulle vetture seguite ufficialmente.

Coppa Città di Lucca: attesi Umberto Scandola e Guido D’Amore

Riprende questo fine settimana la stagione sportiva di Umberto Scandola e Guido D’Amore con la 55° edizione del Rally Città di Lucca – Coppa Ville Lucchesi. Hyundai Rally Team Italia ha deciso di correre questo rally, valevole per la Coppa Rally di Zona, in preparazione dell’imminente esordio stagionale nel Campionato Italiano Rally e del FIA European Rally Championship al Rally di Roma Capitale.

“In comune accordo con il team e con Hyundai Motorsport Customer Racing abbiamo deciso di
correre una gara nazionale in preparazione dei prossimi appuntamenti internazionali. Affrontare un
rally impegnativo come il Città di Lucca avrà il duplice ruolo di test e sarà un valido allenamento per
me e per tutta la squadra, a distanza di sei mesi dall’ultima volta che io e Guido abbiamo messo il
casco al Rally di MonteCarlo”, racconta Umberto Scandola (a sinistra nella foto con Guido D’Amore).

“È un rally che non ho mai disputato ma mi hanno parlato molto bene delle prove speciali e sarà interessante confrontarci con i forti piloti locali che hanno dominato su queste strade negli ultimi anni. Indubbiamente non avremo obiettivi particolari di risultato, bensì di provare alcune soluzioni di assetto e di pneumatici Michelin in previsione del Rally di Roma Capitale della prossima settimana. Non vogliamo lasciare nulla al caso e per questo abbiamo deciso assieme a mio fratello Riccardo di ritornare a respirare l’adrenalina di una corsa vera, sempre con il massimo impegno ma con un pelo di pressione in meno sulle spalle”.

Scandola rimette in moto le Hyundai: CIR, ERC e WRC 3

Umberto Scandola su tre fronti, tra CIR, ERC e WRC. “Non ci siamo mai fermati e ora siamo pronti per affrontare le prossime sfide nella maniera migliore”, racconta Riccardo Scandola, responsabile di Hyundai Rally Team Italia. Evoluzioni tecniche, sessioni di test, accordi con nuovi equipaggi, eventi sportivi e finalmente il ritorno alle competizioni. In questi mesi non si è corso, ma a Settimo di Pescantina sede della squadra, si è rimasti al passo con l’evolversi della situazione.

La ridefinizione dei calendari di gare ha permesso di identificare i primi obiettivi nei Campionati Italiani (CIR), Europeo (ERC) e Mondiale (WRC 3) con le Hyundai i20 R5. “Abbiamo recentemente riacceso i motori al Ciocco con il Riders Meet Rally, un’occasione unica dove abbiamo riunito nell’abitacolo delle Hyundai i20 WRC Plus e R5, i campioni dei rally con quelli delle due ruote”.

Il programma principale ruota sull’impegno di Umberto Scandola e Guido D’Amore in ben tre serie. Il Rally di Roma Capitale in programma dal 24 al 26 luglio, sarà la prima doppia sfida valevole per il Campionato Italiano Rally (CIR) e del FIA European Rally Championship (ERC), a seguire arriveranno anche gli impegni nel Campionato del Mondo Rally (WRC 3).

“È stato bello ritornare al volante dopo tre mesi trascorsi a curare principalmente la preparazione fisica” racconta Umberto Scandola. “I primi test sull’asfalto toscano mi hanno permesso di togliere la
ruggine, ma anche di provare tanti nuovi dettagli a livello di assetto e regolazioni, assieme a
un’elettronica del motore ancora più efficace, arrivati direttamente dalla fabbrica ad Alzenau (D). Sono
contento di aver trovato un buon compromesso con il mio stile di guida e penso che fin da Roma
riusciremo ad essere molto veloci, anche ripensando alle mie due precedenti vittorie. Poi nei prossimi
mesi abbiamo in serbo altre novità e la stessa Michelin ci darà una grossa mano con un lavoro di
sviluppo per essere sempre più competitivi”
.