Kalle Rovanpera

Kalle Rovanpera e le Toyota volano al Rally di Svezia

Il day2 del Rally di Svezia si chiude all’insegna del dominio Toyota Gazoo Racing, che piazza quattro piloti nei primi cinque posti della generale. Una dimostrazione di forza, quella della casa nipponica che sulle strade “di casa” dimostra di avere una line-up di equipaggi di altissimo livello.

Al comando troviamo Kalle Rovanpera, il finlandese autore di tre scratch in questo sabato di gara, ha preso il comando della classifica generale nella prima prova di giornata e dopo aver battagliato con il compagno di squadra Elfyn Evans, ha deciso di alzare il ritmo sulle ultime prove di giornata disputate in notturna, chiudendo la giornata con un vantaggio di 8”3 sul gallese. Il classe 2000 si è detto soddisfatto della sua giornata: “Ho corso dando sempre il 100& in queste due giornate, ma nelle ultime due speciali penso di essere andato al 110%! Sono felicissimo, le condizioni sono veramente molto impegnative e difficili, domani ci aspetta una bellissima battaglia”.

Terzo gradino del podio per un più che positivo Thierry Neuville, bravo a difendersi dagli attacchi di Esapekka Lappi, quarto al suo ritorno in Toyota. Quinta piazza per Takamoto Katsuta, in versione formichina, abile e molto fortunato a sfruttare a suo vantaggio un problema meccanico alla i20 Rally1 di uno sfortunato Oliver Solberg, fino a quel momento quinto. Lo svedese è comunque riuscito a ripartire, ma ha perso due posizioni precipitando in settima posizione superato anche da Gus Greensmith, unico superstite del team M-Sport.

A proposito di M-Sport, giornata nera per il team britannico, nuovo ritiro per Craig Breen causa noie meccaniche e grossi problemi per Adrien Fourmaux, autore fino a quel momento di una prova dignitosa. Giornata difficile anche per Ott Tanak, che dopo una mattinata contraddistinta da tempi interessanti, nel giro pomeridiano è apparso in difficoltà di set-up. Nel WRC2 comanda sempre Andreas Mikkelsen sul connazionale Ole Christian Veiby e sul russo Nikolay Gryazin.

Immagine