La bandiera del Giappone sventolerà anche sul rally

WRC 2022, atto finale al Rally del Giappone: le sfide

Ultima ”campanella” della stagione per i protagonisti del Mondiale WRC 2022 in Giappone in una gara completamente rinnovata. Ecco come sarà schierato il plotone dei piloti delle Rally1.

Mancano poche ore al Rally del Giappone, ultimo atto del Mondiale Rally 2022. Appena nove le vetture Rally1 in gara con M-Sport che ha dovuto rinunciare alla presenza del francese Adrien Fourmaux per questioni di costi, rinnovando la fiducia al “prezioso” pilota francese in ottica 2023. Confermate, invece, le line-up delle altre Case, con Toyota e Hyundai che confermano in blocco le formazioni già viste all’opera in Catalogna.

M-Sport

Il team britannico si schiererà in Giappone con sole due vetture, affidate all’irlandese Craig Breen e al britannico Gus Greensmith. Assente per motivi economici Adrien Fourmaux, mentre Jourdan Serderidis ha dato forfait per motivi lavorativi.

“Siamo felici di tornare a correre in Giappone – dichiara Rich Millener – Era due anni che aspettavamo questa trasferta e siamo felicissimi di essere al via della gara. Il ritorno del Giappone nel WRC è molto importante, specialmente per Toyota. Voglio ringraziare tutto il mio team per l’enorme lavoro svolto in una stagione molto difficile”.

Dopo le parole del Team Principal, parola hai piloti. Craig Breen: “Sarà una gara nuova per tutti, a prima vista il rally sembra molto tecnico e impegnativo. Sarà una bella sfida, speriamo di portare a casa un buon risultato. Alle parole dell’irlandese, fa eco Gus Greensmith: “Ho sempre sognato di visitare il Giappone, il fatto di riuscirci e correrci è fantastico. Puntiamo ad un buon risultato questo fine settimana”.

Hyundai

Il team coreano si presenta in Giappone con la stessa formazione con cui ha corso in Spagna. “Sapevamo che questa stagione sarebbe stata difficile, visto il cambio di regolamento – dichiara Julien Moncet – Ma dobbiamo ritenerci soddisfatti di quanto fatto. Il nostro obbiettivo è quello di far bene nell’ultima gara della stagione in Giappone”.

“Non sappiamo cosa aspettarci – dice l’eterno secondo e nuovo “aspirante” team manager Thierry Neuville – Il nostro obbiettivo è quello di dare il massimo e di conquistare un risultato positivo in Giappone”. Insomma, nulla di diverso da quello che ha sempre detto.

Sulla stessa linea le dichiarazioni dell’estone Ott Tanak: “Il Giappone è una nuova sfida per tutti, sono entusiasta di correre su queste speciali. Le ricognizioni e le informazioni che trarremo da queste saranno fondamentali per far bene in gara”. Infine, le dichiarazioni di Dani Sordo, che a queste latitudini ha già corso quando la gara era su fondo sterrato: “Ho corso in Giappone quando la gara si disputava su fondo sterrato, sono entusiasta di correre nuovamente da queste parti. Proveremo a salire sul podio”.

Toyota

Gara di casa per il team nipponico che si presenta sulle strade amiche con in tasca il titolo Costruttori e quello piloti. Entusiasmo e tanta voglia di far bene nelle file del team nipponico, questo emerge nelle parole del team principal Jari-Matti Latvala: “Il ritorno del Giappone nel WRC è fantastico, per noi di Toyota sarà il rally di casa. Ci presenteremmo al via con meno pressione sulle spalle rispetto alle altre gare, ma correremo con l’obbiettivo di vincere il rally. Sarà una gara molto difficile con strade strette e cambi di aderenza continui”.

Entusiasmo anche nelle parole dei piloti, in primis Sébastien Ogier che sulle strade nipponiche cerca la vittoria numero due di questo 2022. “Sono felice di correre in Giappone, finalmente riusciamo a correre questa gara dopo due anni in cui veniva cancellata a causa del Covid. Amo questo Paese e i ricordi sono bellissimi, in quanto ho vinto diversi anni fa. Sarà un rally difficile e nuovo per tutti, sarà una bella sfida”.

Di gara insidiosa parla anche Elfyn Evans: “Sono contento di correre in Giappone, l’obbiettivo è quello di ottenere un risultato positivo sulle strade di casa del team. L’ultima gara in Spagna non è stata positiva per me e voglio riscattarmi. Infine, il neo campione del mondo rally, Kalle Rovanpera: “Sono molto felice di essere al via del Japan Rally, la gara si preannuncia molto complicata e difficile. Le strade sono molto insidiose con tratti larghi che seguono tratti stretti e sporchi. Sarà una bellissima sfida”.