Kalle Rovanpera, Rally Acropolis 2021

Hyundai in equilibrio precario, Toyota leader all’Acropoli

Kalle Rovanperä ha preso di forza la vetta della classifica dell’Acropolis Rally dopo un venerdì mattina pieno di incidenti sulle aspre strade sterrate vicino ad Atene. Quarto nei 17,54 chilometri di apertura ad Aghii Theodori, il ventenne finlandese con la sua Toyota Yaris World Rally Car. È salito in cima alla classifica con il miglior tempo nei successivi 19,40 km della PS Loutraki, precedendo Ott Tänak di 3″0.

Dopo la brevissima prova “scalda gomme” della sera prima (si spera sia un caso unico e irripetibile una PS ridicola di appena 980 metri) attraverso il centro della capitale, l’azione si è spostata su strade dure nella penisola del Peloponneso, vicino al Canale di Corinto. Come tutti i primi, Rovanperä ha optato per le Pirelli Scorpion a mescola dura per le speciali asciutte e dure.

“Condizioni difficili con il grip di questo pneumatico – ha ammesso Kalle -. Devo ancora pensare a come guidare la macchina senza usare troppo le gomme. La seconda PS è andata un po’ meglio. Ho visto la gomma consumarsi dopo la PS1 e ho gestito la situazione. Poi ho provato a spingere un po’”. Tänak è stato il più veloce sulla Aghii Theodori e ha rubato la leadership notturna a Sébastien Ogier che, ricordiamolo, ha l’ingrato compito di pulire le strade. Terzo a Loutraki, l’estone si è lanciato all’inseguimento di Rovanperä nonostante la sua Hyundai i20 World Rally Car non sia facile da guidare su questo percorso.

“Nelle prove tortuose il motore si spegne. Ho faticato a gestirlo e anche l’ammortizzatore si sta surriscaldando un po’, quindi è abbastanza difficile guidare in questo momento”, ha spiegato il freddo estone. L’apripista Ogier è terzo: ha affrontato egregiamente i suoi compiti di “spazzino” e si è ritrovato a 1″3 da Tänak. I due della Hyundai, Dani Sordo e Thierry Neuville, si sono piazzati rispettivamente quarto e quinto. Lo spagnolo Sordo ha incassato una penalità di 10″ per una partenza anticipata a Loutraki, mentre Neuville non era soddisfatto della gestione della sua i20 WRC. “Non sono sicuro al 100% del comportamento della vettura. A volte perdo il posteriore e a volte perdo l’anteriore. Abbiamo apportato alcune modifiche e ci siamo sentiti un po’ meglio, ma non è abbastanza”, ha detto il belga.

Peggio accadde a Elfyn Evans. Il gallese era terzo dopo l’apertura, ma problemi di trasmissione hanno colpito la sua Yaris quando era in direzione Loutraki. Ha lavorato sulla macchina prima del test, ma ha preso una penalità di 40″ per essere partito in ritardo. L’auto sembrava viaggiare con una marcia bloccata e infatti ha chiuso a più di un minuto, al tredicesimo posto.

Adrien Fourmaux ha completato i primi sei con la Fiesta. Il francese ha perso quasi mezzo minuto dal primo e ha solo una manciata di secondi di vantaggio sul compagno di squadra Gus Greensmith, che ha faticato con la sua Fiesta e con due ruote di scorta a bordo. Pierre-Louis Loubet è arrivato ottavo sulla sua i20, nonostante abbia anche subito una penalità per partenza anticipata, con il leader della WRC2 Oliver Solberg, seguito da Andreas Mikkelsen, che completano la classifica.

In edicola e in digitale

Copertina RS RallySlalom Settembre 2021