Giandomenico Basso

CIR, Due Valli: Basso-Granai subito all’attacco

È iniziata nel migliore dei modi la due giorni di Giandomenico Basso e Lorenzo Granai sulla Skoda Fabia R5 Evo. Il trevigiano tre volte campione italiano, ha infatti conquistato, oltre che il primo posto nella classifica provvisoria, anche i tre punti tricolori messi in palio per il vincitore di questa power stage televisiva. Il breve tratto cronometrato non ha naturalmente permesso che i distacchi assumessero dimensioni rilevanti.

La classifica ha visto infatti i primi tre equipaggi racchiusi in 1”, con Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto sulla Hyundai i20 N Rally2, che hanno chiuso con il secondo tempo a 7 decimi, mentre terzi a pochi centesimi da loro hanno terminato al terzo posto Fabio Andolfi, pilota di ACI Team Italia su Skoda Fabia R5 condivisa con Stefano Savoia, quest’ultimo primo tra gli iscritti al Campionato Italiano Rally Asfalto. A Crugnola e Andolfi sono andati rispettivamente 2 punti ed 1 punto per la loro classifica tricolore. Sotto al podio si sono quindi piazzate le due Skoda Fabia del bresciano Stefano Albertini e Danilo Fappani, e del fiorentino Tommaso Ciuffi con Nicolò Gonella.

Sotto al podio si sono quindi piazzate le due Skoda Fabia del bresciano Stefano Albertini e Danilo Fappani, e del fiorentino Tommaso Ciuffi con Nicolò Gonella. Nella seconda metà della top ten hanno quindi concluso la VW Polo R5 del pavese Giacomo Scattolon, affiancato da Giovanni Bernacchini, la Citroen C3 R5 del varesino Damiano De Tommaso con Giorgia Ascalone, il sorprendente bresciano Alberto dell’Era insieme a Roberto Mometti, VW Polo R5, il siciliano portacolori di ACI Team Italia, Alessandro Profeta in coppia con Sergio Raccuia, leader della categoria Under 25, Fabia R5, e l’altro portacolori di ACI Team Italia il piacentino Andrea Mazzocchi con Daniele Mangiarotti su Skoda Fabia R5. Ottimo undicesimo tempo per il principe Albert Von Thurn Un Taxis, VW Polo, nobile esponente di una delle famiglie più ricche d’Europa con la passione per la corse in auto.

Avvincente anche il primo passaggio delle Due Ruote Motrici. Subito in evidenza i giovani su Peugeot 208 Rally4 capitanati dal pisano Mirco Straffi, affiancato da Marco Nesti, che strappa lo scratch per la categoria in 1’35.3 e la soddisfazione del quindicesimo crono assoluto nella prova televisiva d’apertura. Appena tre decimi alle sue spalle si piazza Christopher Lucchesi Jr, navigato da mamma Titti Ghilardi, arrivato a Verona da nuovo campione del CIR Due Ruote Motrici Asfalto. Completa un terzetto da vertice tutto toscano il pistoiese Daniele Campanaro, alla destra Irene Porcu sulla Ford Fiesta, a sette decimi di secondo dal migliore. Più staccati gli altri, a partire dal vicentino Nicola Cazzaro, in tandem con Giovanni Brunaporto su altra R2 del Leone, quarto ma a ben 2.6’’ dal leader provvisorio Straffi.

Primi chilometri di riscaldamento nella power stage per le Yaris GR Rally Cup, vetture di classe R1T Naz. 4×4 al loro terzo round stagionale dove il giovane Federico Romagnoli si impone con il miglior crono sul padovano Edoardo De Antoni e l’altro under Angelo Pucci Grossi. Lotte aperte partite anche tra le vetture in corsa per il tricolore R1 dove la prima affermazione è quella di Davide Nicelli con Tiziano Pieri con la Renault Clio RS, davanti alla vettura gemella di Mattia Zanin in coppia con Fabio Pizzol staccando tutti gli altri di oltre cinque secondi. Scratch d’apertura tra le Swift del Suzuki Rally Cup per Simone Goldoni e Eric Macori, già vincitore nel trofeo, davanti al messinese Giorgio Fichera insieme a Ronny Celli e, al giovane Igor Iani con Nicola Puliani che hanno aperto la power stage tra le Swift R1 Sport Hybrid Sport 1.4.

Domani prenderà il via anche l’ultimo round della Coppa Rally di 3^ Zona ACI Sport che raccoglie i rally del Trentino e gran parte del Veneto, quinto round per decretare i vincitori della CRZ, ma anche per stilare la lista dei qualificati alla prossima Finale Nazionale ACI Sport Rally Cup Italia 2021, a Modena nell’ultimo weekend di ottobre.

In edicola e in digitale

Copertina RS ottobre 2021