,

CIRA, Pinzano-Turati in festa all’arrivo di Como

PINZANO

Il biellese si regala il primo successo stagionale. Secondi Albertini-Fappani, in testa al tricolore. Podio amaro a Como per Fontana-Arena, rallentati da una foratura. A Bassano sarà Albertini vs Campedelli per il titolo

Meglio di così non poteva andare per Corrado Pinzano e Mauro Turati, vincitori del 42° Trofeo Villa d’Este ACI Como, sesto e penultimo atto del Campionato Italiano Rally Asfalto. Prima all’attacco, poi in difesa, il duo sulla Volkswagen Polo Rally2-PA Racing ha dato il massimo da subito per conquistare la prima gioia stagionale nella serie tricolore dedicata agli specialisti del fondo scuro, arrivati in riva a Lario per capire chi di loro avrebbe potuto continuare a lottare per il titolo fino all’ultimo round.

Un’affermazione costruita soprattutto con coraggio, quello messo in strada dal pilota biellese, al secondo successo tricolore in carriera, che ha fatto la differenza nell’avvio in notturna. È stata decisiva la seconda prova speciale “Val Cavargna”, la più lunga del rally con i suoi 21 km, conosciuta come una delle più difficili d’Italia, affrontata in condizioni rese estreme dal temporale e dalla nebbia. Lì Pinzano ha fiutato l’occasione e ha messo un distacco di oltre 20’’ su tutti gli avversari, amministrato poi nelle quattro prove del sabato fino all’arrivo finale in Piazza Cavour, nel centro di Como.

Nonostante la vittoria, il driver piemontese ha visto comunque sfumare le ultime possibilità di puntare ancora allo scudetto, cancellate dal risultato dei capofila del CIRA, Stefano Albertini e Danilo Fappani, secondi sul podio a 8.7’’ di distacco. I bresciani sulla Skoda Fabia hanno dimostrato anche stavolta una consapevolezza invidiabile; non hanno forzato nella fase più complessa della gara al venerdì sera, ma hanno provato la rimonta con un ottimo scratch al sabato mattina sulla prova “Bellagio”. Alla fine il secondo posto permette ad Albertini di aumentare il suo bottino a 72 punti, un riferimento ormai inarrivabile sia per Pinzano che per tutti gli altri avversari presenti a Como. Il titolo infatti verrà assegnato solo a Bassano, con l’ultima gara a massimo coefficiente di punteggio, in un testa a testa tra Albertini-Fappani e Campedelli-Canton, assenti giustificati sugli asfalti comaschi.

Lultima occasione di rimanere aggrappati alla lotta scudetto è sfuggita per primi a Luca Rossetti e Manuel Fenoli. Partito forte con il miglior crono in apertura del rally sulla breve “Grandola”, sotto una pioggia torrenziale, dove ha dato 3’’ a Pinzano e 7’’ ad Albertini, il pordenonese è stato costretto subito dopo al ritiro per problemi all’impianto elettrico della sua Hyundai i20 Rally2. Sogni tricolori sfumati anche per Corrado Fontana e Nicola Arena, ancora una volta tra i migliori equipaggi del campionato in gara ma condizionati dagli episodi nel risultato finale. Stavolta un colpo all’anteriore destra sulla “Bellagio”, quarta prova a ridosso dell’intervallo, gli ha causato una foratura e gli ha fatto perdere oltre 40’’ proprio mentre sembravano in netta rimonta verso il vertice. Al pilota comasco sulla Hyundai i20 WRC non è bastata la vittoria in tre delle quattro prove speciali del sabato, che gli hanno concesso alla fine solo il gradino del podio con 32.8’’ di margine.

Definitivamente fuori dalla lotta per il titolo anche Giuseppe Testa con Nicolò Lazzarini, su altra Skoda, condizionati sin dalle prime battute da noie tecniche. Prima un problema alla wastegate, poi alla turbina, hanno costretto il pilota molisano ad una prova di resistenza piuttosto che di velocità, fino a chiudere in quarta posizione che vale l’aspra consolazione della vittoria per la Coppa Rally di 2^ Zona, che a Como ha offerto l’ultimo round. In quinta posizione l’esperto driver di casa Felice Re, in coppia con Mara Bariani su Skoda, che ha saputo mettersi in mostra sugli asfalti amici nel confronto con i migliori specialisti del tricolore, davanti a tanti altri equipaggi locali. Il Trofeo ACI Como rappresenta da sempre una seconda gara di casa anche per il varesotto Riccardo Pederzani, il miglior Under 25 in gara, che ha fatto bella figura alla guida della VW Polo insieme ad Edoardo Brovelli e si è preparato al meglio per il prossimo round del CIR Junior a Sanremo, il suo principale impegno stagionale. È apparso in netta crescita al volante della nuova Skoda RS il vicentino Paolo Menegatti, settimo assoluto insieme a Nicola Rutigliano, che ha ottenuto il miglior risultato stagionale ed ora è chiamato al gran finale nella gara di casa. Applausi, non solo da parte del pubblico amico, per l’esperto comasco Maurizio Mauri con Rolando Bozzo, davanti agli altri locali Manuel Bracchi con Debora Fancoli e Marco Roncoroni con Paolo Brusadelli, tutti su Skoda a completare le prime dieci posizioni assolute.

La conoscenza delle strade ha permesso ad Alex Vittalini, in coppia con Roberto Zampetti, di spiazzare tutta la concorrenza sia di classe sia assoluta. Il pilota comasco ha sfruttato perfettamente la sua Citroen DS3 R3 e ha messo in scena una prestazione perfetta, ottenendo un incredibile 14° posto assoluto con una vettura a trazione anteriore e piazzandosi davanti a numerose vetture più giovani e prestazionali. Vittalini così ha dominato la classifica della Coppa ACI Sport Due Ruote Motrici, riuscendo anche a tamponare il giovane Matteo Fontana, sempre all’arrembaggio in tutte le gare tricolori affrontate. Anche nel Trofeo ACI Como, il suo rally, il talento della famiglia Fontana si è ben difeso sulla Peugeot 208 condivisa assieme all’amico Alessandro Arnaboldi, vent’anni a testa, ottenendo infine un gran 18° posto assoluto e la vetta di classe Rally4. Incredulo per la prestazione fornita invece Simone Fumagalli, in coppia con Federico Capilli su Renault Clio Super1600, in 15^ posizione assoluta. Tutti e tre questi piloti, mostrando di non temere buio e bufera, hanno saputo fare la differenza per il risultato finale nella notte della “Val Cavargna”. Alle spalle di Fumagalli, il sedicesimo posto è valso il successo in gara per la Coppa ACI Sport 4WD a Tommaso Paleari navigato da Harshana Ratnayake sulla Toyota GR Yaris R1T 4×4.

Classifica finale: 1. Pinzano-Turati (Volkswagen Polo GTI R5) in 59’46.0; 2. Albertini-Fappani (Skoda Fabia Rally2 evo) a 8.7; 3. Fontana-Arena (Hyundai i20 New WRC) a 32.8; 4. Testa-Lazzarini (Skoda Fabia R5) a 1’23.4; 5. Re-Bariani (Skoda Fabia R5) a 1’30.3; 6. Pederzani-Brovelli (Volkswagen Polo GTI R5) a 1’54.2; 7. Menegatti-Rutigliano (Skoda Fabia RS Rally2) a 2’22.7; 8. Mauri-Bozzo (Skoda Fabia Rally2 evo) a 2’48.1; 9. Bracchi-Fancoli (Skoda Fabia R5) a 3’06.8; 10. Roncoroni-Brusadelli (Skoda Fabia Rally2 evo) a 3’18.3;

Campionato Italiano Rally Asfalto: 1. Albertini 72 pt; 2. Campedelli 58.5; 3. C. Fontana 48; 4. Pinzano 44,5; 5. Testa 36; 6. Rossetti 30; 7. Pedersoli 28; 8. Mabellini 15.