Giandomenico Basso

Gian Domenico Basso campione d’Italia al Due Valli

Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, Skoda Fabia R5 Evo, si sono aggiudicati il 39° Rally Due Valli, ed il titolo tricolore assoluto. Il trevigiano, ha portato così a quattro i suoi titoli italiani, ai quali si sommano anche quattro allori europei, con una gara di anticipo rispetto alla regolare conclusione del Campionato Italiano Rally Sparco.

Alle sue spalle si sono piazzati Stefano Albertini e Danilo Fappani, Skoda Fabia R5 Evo, che oltre al secondo posto si sono aggiudicati anche la serie tricolore riservata agli specialisti dei rally su asfalto, il CIRA. Bella e difficile la gara, come tutte quelle di fine stagione decisive per l’assegnazione dei campionati, pesantemente indirizzata nel suo svolgimento anche dai clamorosi ritiri, nella prima metà della corsa, di Fabio Andolfi, il pilota di ACI Team Italia su Skoda Fabia R5 condivisa con Stefano Savoia, fermo dopo aver staccato una ruota, e di Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto sulla Hyundai i20 N Rally2, finiti fuori strada.

Fuori alcuni dei preventivati protagonisti, a rendere bellissima la gara ci hanno pensato altri piloti in particolare Tommaso Ciuffi con Nicolò Gonella, Skoda Fabia R5, uno dei piloti emergenti del rallismo tricolore che, di prepotenza e classe, è andato a prendersi uno straordinario terzo posto nell’assoluta. Quarto un altro pilota di grande prospetto il varesino Damiano De Tommaso con Giorgia Ascalone, leader della categoria Under 25, su Citroen C3 R5 che però non ha mai dato l’impressione di poter tenere il ritmo degli altri.

Quinto ha terminato invece Giacomo Scattolon, con Giovanni Bernacchini, VW Polo R5, rallentato a fine gara quando era in lotta con Ciuffi per la terza posizione. Ottima prova chiudendo con il sesto posto per il  principe Albert Von Thurn Un Taxis, su VW Polo, autore di una bella gare.

Settimo posto ed alla sua migliore prestazione stagionale ha concluso Alessio Profeta in coppia con Sergio Raccuia anche loro Fabia, come buone anche le prove di Antonio Rusce in coppia con Giulia Paganoni su una Skoda Fabia R5, di Alberto Dall’Era insieme a Roberto Mometti, VW Polo R5, e di “Dedo” in coppia con Nicolò Salgaro su VW Polo.

Da sottolineare anche l’undicesimo posto assoluto di Andrea Mabellini e Virginia Renzi, con una Renault Clio R4, mentre tra gli iscritti al Campionato Italiano Due Ruote Motrici la vittoria in gara è stata di Christopher Lucchesi Jr, navigato dalla mamma Titti Ghilardi, mentre il titolo è andato a i fratelli siciliani Nucita, Peugeot 208 Rally4, qui assenti. In gara ha chiuso al secondo posto il pistoiese Daniele Campanaro, con alla destra Irene Porcu, sulla Ford Fiesta, mentre al terzo il vicentino Nicola Cazzaro, in tandem con Giovanni Brunaporto su un’altra R2 del Leone.

Altra soddisfazione nella corsa per il titolo tricolore R1 con il dominio di Davide Nicelli e Tiziano Pieri su Renault Clio RS dall’inizio alla fine, ma ad aggiudicarsi il Campionato Italiano R1 sono Simone Goldoni e Eric Macori, già vincitori del Suzuki Rally Cup. Successo nel trofeo Suzuki Italia invece per Giorgio Fichera davanti al giovane Igor Iani in una bella lotta su Swift Hybrid.  Tra gli sfidanti del GR Yaris Rally Cup si aggiudica il terzo atto Marco Gianesini, con solo mezzo secondo di vantaggio sul giovane Federico Romagnoli. Terzo del trofeo firmato Toyota Tommaso Paleari a 2”2 dal primo.

Classifica assoluta Rally Due Valli

1. Basso-Granai (Skoda Fabia) in 1:02’04.0; 2. Albertini-Fappani (Skoda Fabia) a 7.0; 3. Ciuffi-Gonella (Skoda Fabia Evo) a 38.7; 4. De Tommaso-Ascalone (Citroen C3) a 59; 5. Scattolon-Bernacchini (VW Polo) a 2’14.0; 6. Von Thurn und Taxis-Bernhard (Volkswagen Polo) a 2’18.2; 7. Profeta-Raccuia (Skoda Fabia Evo 2) a 2’28.4; 8. Rusce-Paganoni (Skoda Fabia Evo 2) a 2’49.4; 9. Dall’Era-Mometti (Skoda Fabia) a 3’25.8; 10.Dedo-Salgaro (Renault Clio N5) a 5’14.1