ERC, Rally delle Azzorre: Mikkelsen in volata su Sordo

Possiamo dire che è stata una sfida all’Ultimo O.K Corral, per citare il famoso film di John Sturges, il duello tra Andreas Mikkelsen e Dani Sordo al Rally delle Azzorre, quinta prova del Campionato Europeo. Dopo 201,74 km di prove cronometrate a spuntarla è stato il bravo norvegese della Skoda, il quale ha ottenuto il suo primo successo nell’ERC 2021 e la seconda vittoria in carriera sull’isola portoghese.

Alle sue spalle, staccata di 14”8, troviamo la Hyundai I20 R5 di Sordo. Il cantabrico, al debutto stagionale nella serie europea per continuare lo sviluppo delle gomme MRF Tyres, si è reso protagonista di una gara di altissimo livello, riuscendo a portarsi al comando della gara al termine della prima giornata. Nella seconda ed ultima tappa la lotta con Mikkelsen si è fatta davvero incandescente, con i due che si sono alternati più volte al comando, fino a quando il driver Skoda non ha preso il largo involandosi verso il meritato trionfo.

Al traguardo l’iberico si è comunque dichiarato soddisfatto, soprattutto per gli ottimi riscontri ottenuti, i quali potranno tornare utili per lo sviluppo degli pneumatici indiani. Tornando al pilota della Toksport, questo risultato gli permette di allungare decisamente in vetta alla serie continentale, grazie all’ennesimo passo falso di Alexey Lukyanuk.

Il russo è incappato in un weekend davvero sfortunato, con una foratura nella prima prova speciale che gli ha fatto perdere fin da subito due minuti e con essa ogni possibilità di aggiudicarsi la gara. Nonostante ciò il campione europeo in carica si è “rimboccato le maniche” chiudendo la prima tappa in settima posizione, ma nella giornata di sabato una doppia foratura l’ha costretto alla resa definitiva. Ora la rincorsa al titolo si fa davvero in salita, visto che i punti di distacco da Mikkelsen sono saliti a 69 lunghezze.

Sul terzo terzo gradino del podio è salito lo spagnolo Efrén Llarena (Skoda Fabia), il quale ha ottenuto il suo primo podio stagionale grazie all’errore commesso dal locale Ricardo Moura, capottatosi nel corso dell’ultima prova speciale, dovendo così lasciare il piazzamento a podio per soli 3”2. Per lui si è trattata comunque di un’ottima gara, nella quale era anche riuscito a passare brevemente al comando nelle prime speciali. A seguire, in quinta e sesta posizione, la Skoda Fabia del polacco Miko Marczyk e la Hyundai I20 del “nostro” Umberto Scandola, affiancato da Danilo Fappani. Il veronese ha ottenuto il suo miglior piazzamento nell’ERC 2021, dichiarandosi soddisfatto per aver aumentato via via il feeling con le speciali portoghesi e per come si sono comportate la vettura e le gomme Pirelli nel corso del fine settimana.

Settimo posto per il portoghese Luis Rego (Skoda Fabia), mentre in ottava e nona posizione hanno concluso la loro gara il messicano Benito Guerra e il locale Rafael Botelho (Skoda Fabia). Chiude i primi dieci Javier Pardo Siotand con la Suzuki Swift R4LLY S.