CIWRC: Elba ”corto” e ricco di soddisfazioni per Luca Pedersoli

Il 54° Rally Elba, prima prova del CIWRC, si è concluso con la splendida affermazione di Luca Pedersoli e Anna Tomasi su Citroën DS3 WRC. Il pilota bresciano, vincitore del CIWRC nel 2014 e 2019, fin dall’inizio ha subito fatto capire quali erano le sue intenzioni, andando a vincere le prime tre prove in programma e chiudendo la prima tappa con un margine di 5″6 sul suo rivale più accreditato, ovvero Luca Rossetti al volante della Hyundai I20 Rally2 della BRC.

Il forte pilota friulano nella tappa di oggi partiva a “pancia bassa” e sulla prova “Due Mari” rifilava ben 5″4 a Pedersoli, riducendo il distacco dalla vetta a soli due decimi e facendo presagire un finale davvero thrilling. Ovviamente non si faceva attendere la risposta del bresciano, il quale andava a vincere la prova successiva e riallungava in testa alla generale. Un risultato, unito alla cancellazione dell’ultima prova a causa della presenza di troppo pubblico lungo la speciale, che consegnava nelle mani del pilota della Citroën la vittoria del primo appuntamento del CIWRC, iscrivendo inoltre per la prima volta il proprio nome nell’albo d’oro della gara elbana.

Al secondo posto hanno così terminato Luca Rossetti e Manuel Fenoli (Hyundai I20 Rally2), staccati dalla vetta di soli 9″6. Purtroppo un problema ai freni posteriori della loro Hyundai I20 nel corso della prova “Lavacchio-San Piero” non gli ha permesso di difendersi come dovuto dall’attacco portato dal bresciano della DS3 WRC. Nonostante il rammarico per quello che poteva essere e non è stato, il pilota della Hyundai ha messo in mostra un ottimo potenziale, il quale fan ben sperare per il proseguo del campionato. Comunque il pordenonese può guardare il bicchiere mezzo pieno, perchè con il secondo posto si è aggiudicato la vittoria nella gara della Coppa Rally di Zona 6.

Completano il podio Andrea Carella ed Elia De Guio sulla Skoda Fabia Rally2 Evo del team MS Munaretto. Bisogna dire che la gara del piacentino è stata parzialmente compromessa da una toccata con una pietra sulla PS1, cosa che gli ha fatto perdere fin da subito una trentina di secondi. Nonostante il piccolo inconveniente è riuscito via via a migliorare il proprio ritmo riuscendo a mantenere ben salda la terza posizione. Ai piedi del podio hanno concluso la loro gara Giuseppe Testa e Giulia Zanchetta al volante della Skoda Fabia. Il molisano, dopo un breve periodo di inattività, ha ripreso pian piano confidenza con la vettura boema, riuscendo a cogliere un risultato più che positivo. In quinta e sesta posizione troviamo il locale Andrea Volpi (Skoda Fabia), navigato da Michele Maffoni, e Totò Riolo (Volkswagen Polo), in coppia con Alessandro Floris.

Settimo posto assoluto per la Volkswagen Polo GTI Rally2 di Leopoldo Maestrini e Fabrizia Pons, i quali hanno preceduto la Skoda Fabia Rally2 Evo del piemontese Alessandro Gino, navigato da Daniele Michi. Chiudono i primi dieci le due Skoda Fabia Rally2 Evo di Rudy Andriolo e Lorenzo Grani. Tra i ritiri illustri ci sono quelli di Simone Miele, fermato da un problema alla centralina della Citroën DS3 WRC, di Corrado Pinzano, rallentato prima da noie meccaniche ed infine da una toccata sulla PS2. Sfortunate anche le gare di Corrado Fontana, fermato per una toccata sulla PS4, e di Ivan Ferrarotti, ritirato anch’egli a seguito di una toccata ma sulla PS5.

Il CIWRC si trasferirà tra un mese sugli splendidi asfalti del Rally del Salento, dove sicuramente non si farà attendere la risposta di Luca Rossetti già vincitore della gara salentina nel lontano 2007 a bordo della Peugeot 207 S2000 della Peugeot Italia.