Carlos Sainz inizia come aveva finito: vincendo

Carlos Sainz inizia come aveva finito: vincendo

Sono Toby Price e Carlos Sainz i vincitori della prima tappa della Dakar 2021. Dopo il prologo di ieri, il primo confronto diretto della 43esima edizione del rally raid più prestigioso ed importante al mondo viene aggiudicato dall’australiano della Red Bull KTM Factory Racing, per quanto riguarda la categoria delle moto. Tra le auto, invece, la frazione da Jedda a Bisha viene vinta dal pilota spagnolo, campione in carica, con una grande rimonta.

La prima tappa della Maratona del Deserto di quest’anno ha proposto già un centinaio di chilometri molto interessanti e insidiosi, a causa della presenza di numerosi sentieri rocciosi che possono causare forature e di conseguenza importanti perdite di tempo. A differenza, però, di quello che è successo nelle moto, il campione in carica della corsa nella categoria riservata alle auto la fa da padrone: il veteranissimo Carlo Sainz s’impone infatti nei 277 chilometri competitivi che vanno da Jedda a Bisha.

L’alfiere del team X-Raid Mini Jcw (nonché papà del prossimo pilota della Ferrari in Formula 1) s’impone con 25 secondi di margine sul francese e suo compagno di squadra Stéphane Peterhansel e 3’18” sul ceco Martin Prokop (Benzina Orlen Team). Un grande risultato quello ottenuto dall’iberico che, partito sensibilmente dopo per via del riscontro nel prologo di ieri (28°), mette la sua zampata da fuoriclasse.

Il figlio si congratula con lui su Twitter: “Un anno dopo il Matador inizia la Dakar come l’aveva finita. Vincente!”. A completare il quadro della top-5 ci sono il francese Mathieu Serradori (SRT Racing), a 6’33”, e il saudita Yasir Seaidan (SRT Racing), a 8’10”. Arretrati sia il qatariano Nasser Al-Attiyah (Toyota), 10° a 12’34”, sia il francese Sébastien Loeb (Bahrain Raid Xtreme), a 24’14” da Sainz.