Intervista Johannes Keferböck: ”Quest’anno Campionato Austriaco”

Continuano le nostre interviste con i vari protagonisti dei rally nazionali e internazionali. Abbiamo parlato con Johannes Keferböck, pilota austriaco (classe 1972) impegnato in questa stagione nel WRC3, in attesa di partecipare al Campionato Austriaco Rally che dovrebbe iniziare (pandemia permettendo) ad inizio estate. Con Johannes abbiamo affrontato vari argomenti, dagli esordi alla vittoria allo Janner Rally, passando per la sua unica esperienza in Italia, avvenuta sulle strade bianche del Liburna.

Ciao Johannes, benvenuto a RallySlalom e oltre. Debutti nella stagione 2003, disputando come tuo primo rally in carriera il Rallye Leiben con una Madza 323 4WD, che ricordi hai dei tuoi primi passi nel mondo dell’automobilismo?

“Ciao Matteo, ciao a lettori di RallySlalom e un caro saluto a tutti gli appassionati Italiani. Come hai correttamente detto tu, il mio debutto nei rally avviene nella stagione 2003. Ricordo perfettamente quella gara e quella giornata, con noi avevamo solamente un crick per sollevare la vettura e un ricambio di olio motore. Per me era tutto nuovo, stavo scoprendo il tutto prova dopo prova, ma ricordo che fin da subito avevamo una buona velocità. Tu pensa che alcuni piloti, comprarono pneumatici nuovi per starci davanti, perché noi eravamo più veloci di loro”.

Se ti dico Janner Rally cosa ti viene in mente? Sbaglio, o questa per te è una gara dai tanti significati, proprio su queste strade attorno a Freistadt hai colto il tuo primo successo in carriera…

“Il Janner Rally mi ha sempre entusiasmato, fin da quando ero bambino è andavo con mio padre a vedere Franz Witthman. Successivamente son riuscito a parteciparvi da concorrente varie volte e nel 2018 sono riuscito a vincerlo. Quell’anno ho anche concluso secondo nel Campionato Austriaco”.

Nel 2015 debutti nel WRC, gareggiando al Monte-Carlo a bordo di una Peugeot 207 S2000. Che ricordi hai di quella gara?

“Nel 2015 disputai il Monte-Carlo, con la Peugeot 207 S2000 del team italiano Motor Team. E’ stata un’esperienza travolgente, dentro di me sapevo che sarei tornato nuovamente su quelle mitiche strade”.

Da un paio di stagioni condividi l’abitacolo con Ilka Minor, una delle co-equiper più brave e affermate in Austria. Quanto è importante la sua figura nel tuo percorso sportivo attuale?

“Nel 2018 ho deciso di ottimizzare il mio team e quindi ho scelto di avere al mio fianco il miglior co-driver possibile. Con Ilka sono cresciuto tantissimo ed ho imparato molto, ha portato all’interno del team e dell’abitacolo tutta la sua esperienza. Il suo supporto è totale ed in più tra noi c’è una grande amicizia”.

Hai corso in Italia solo una volta, al Rally Liburna 2018. Che ricordi hai di quella gara? Ti rivedremo al via di qualche gara in Italia nel prossimo futuro?

“Avevamo usato il Liburna Rally nel 2018 per un test. Sono rimasto colpito dalla prova e dal calore dei tifosi e degli appassionati Italiani. La prova era stupenda, corsa in uno scenario da favola con tanti tifosi, l’entusiasmo dei tifosi Italiani mi piace tantissimo. Al momento non posso dire nulla di preciso su quando tornerò a correre nel vostro Paese, ma potrebbe essere che già quest’anno disputeremmo un rally test in Italia. Non vedo l’ora di riassaporare il calore e l’entusiasmo dei tifosi Italiani”.

Come si evolverà la tua stagione 2021?

“Saremmo al via del Campionato Austriaco Rally, che dovrebbe ripartire a giugno…”.