Articoli

Rally Valli Cuneesi: solo rally nazionale e storico

Salta la parte internazionale del 25° Rally Valli Cuneesi, in programma il 26 e 27 aprile a Dronero e dintorni: gli organizzatori dello Sport Rally Team, coordinato da Piero Capello, a causa della scarsità di iscritti hanno deciso di annullare la porzione internazionale dell’evento, che era la prova di apertura della serie  europea TER –Tour European Rally, unica tappa italiana delle sei in calendario.

Nella stessa data rimangono invece confermati la porzione nazionale, primo appuntamento a massimo coefficiente 1,5 della nuova Coppa Rally di Zona istituita da questa stagione da AciSport, valido pure per svariati Trofei, così come il 12° rally storico delle Valli Cuneesi. La sofferta decisione deriva dai soli 7 equipaggi iscritti ad oggi, di cui due al Ter. Per tutti gli altri, ad oggi già una sessantina, prosegue invece la raccolta di adesioni, la cui chiusura è fissata, come da regolamento, per venerdì 19 aprile.

Amareggiato, patron Capello preferisce optare per il realismo di una scelta drastica: “In 38 anni di organizzazione di gare rallistiche, è la prima volta che ci succede. Ci scusiamo per l’inconveniente ma per il rispetto che portiamo al mondo dei rally ci vediamo costretti ad annullare la quota internazionale, nonostante l’evento abbia già tutte le autorizzazioni, e addirittura fosse stato asfaltato a nuovo il percorso che avrebbe dovuto ospitarla”. Dunque, niente prova speciale di Montoso del venerdì 26 aprile. La gara, a questo punto doppia e non più trina, si svolgerà tutta nella giornata di sabato 27 aprile, con nuovi orari in fase di riformulazione.

Il Tour European Rally 2019 parte dal Rally Valli Cuneesi

Sono aperte le iscrizioni al Rally Valli Cuneesi. La gara tradizionalmente organizzata dallo Sport Rally Team di Piero Capello & C giunge quest’anno alla sua venticinquesima edizione. Che si profila infatti di caratura speciale. Intanto perché, a causa delle sue validità, il Valli Cuneesi 2019 sarà uno e trino. Nel senso che, nella stessa due-giorni, si disputeranno contestualmente: una gara di profilo internazionale, una gara di validità nazionale, entrambe queste per vetture moderne, e una terza gara riservata invece alle vetture storiche, cioè il 12° rally storico delle Valli Cuneesi.

Il teatro di gara sarà lo stesso di sempre, le Valli Occitane della Provincia Granda, di nuovo con quartier generale a Dronero. Eccezionalmente a fine aprile. Ognuna delle tre gare avrà regole, modalità di iscrizione, classifiche e percorsi a sé. Il Valli Cuneesi di profilo internazionale costituirà l’unica data italiana della serie europea Tour European Rally, grande novità di quest’anno, di cui nel 2019 aprirà il calendario. Il circuito, che prende corpo da sei blasonati appuntamenti, ha scelto quest’anno il Cuneese come tappa di elezione italiana. Seguiranno il Rallye Antibes Cote d’Azur in Francia, il Rallye de Ferrol in Spagna, il Transilvania Rally in Romania, il Rally du Valais in Svizzera, l’Omloop van Vlaanderen in Belgio.

Nella sua versione internazionale – con tratti cronometrati quindi più lunghi rispetto ai classici standard – il Rally Valli Cuneesi 2019 si svolgerà su 146,41 km di prove speciali. Le prove, in questo caso nove, sono ricavate su 4 percorsi che abbracceranno tutte le vallate, da quelle pinerolesi intorno a Bagnolo Piemonte e Bibiana, fino alla Valle Grana. Aprirà la prova speciale di Montoso di 25 km, a seguire Brondello (7 km), Valmala (20 km), la nuova Montemale (11,8 km), mentre non avrà luogo quest’anno una delle classiche come la Madonna del Colletto (15 km). Potranno partecipare anche le spettacolari Word Rally Car. Verifiche sportive e tecniche a Dronero venerdì 26 aprile dalle 09,30 alle 12; shakedown a Roccabruna dalle 10,30 alle 14. Cerimonia di partenza a Dronero venerdì 26 aprile ore 16,01, arrivo sabato 27 verso le 19.

Nella gara invece di profilo Nazionale, il Valli Cuneesi 2019 costituirà il primo appuntamento, a coefficiente 1,5, della nuova Coppa Rally di Zona istituita da questa stagione da AciSport e suddivisa in nove zone su tutto il territorio nazionale, con finalissima a ottobre a Como. La gara, inoltre valida per alcuni Trofei Renault: Corri con Clio, Clio R3, Clio R3T, assegnerà anche tre premi alla memoria, il Memorial Jhonny Cornaglia, Trofeo Gianfranco Giorsetti e il Trofeo Gianpiero Turletti.

Il Valli Cuneesi in versione nazionale si svolgerà in questo caso su 84 km di prove speciali, il massimo consentito per gare di questo tipo. Le prove sono quattro, ognuna da ripetere: la Brondello (km 7,00) la Valmala Santuario (km 10,00), la Lemma (km 6), la Montemale (11,8). Vincitori dell’edizione 2018 l’equipaggio Gino Ravera su Ford Fiesta WRC. Cerimonia di partenza sabato 27 aprile alle ore 8.41 e arrivo sabato intorno alle 19 con premiazione a seguire. Verifiche sportive e tecniche a Dronero venerdì 26 aprile dalle 15 alle 18.30; shakedown sempre a Roccabruna dalle 16 alle 19.

Infine in programma il 12° Rally Storico Cuneese, che sarà il secondo appuntamento della Zona 1. In gara, le più belle vetture da rally ante anni ’90. Gli equipaggi avranno 84 km da percorrere in prova speciale (il massimo consentito), lungo 4 tratti cronometrati ripetuti due volte. La Brondello (km 7,00) la Valmala Santuario (km 10,00), la Lemma (km 6) la Montemale (11,8). Verifiche sportive e tecniche a Dronero venerdì 26 aprile dalle 15 alle 18.30, shakedown sempre a Roccabruna dalle 16.00 alle 19.00. Partenza sabato 27 aprile alle 8,41 con arrivo e premiazione la sera stessa verso le 19. La gara è valida per la Coppa 127 Pro Energy Motorsport dedicata alle vetture Fiat 127.

Vincitori dell’edizione 2018 l’equipaggio Claudio Vona e Erik Rollandin su Lancia Delta HF Integrale. A Dronero si prefigura dunque un lunghissimo weekend nel segno dei motori e dell’internazionalità, con svariati eventi collaterali. Il Ter ha intanto aperto le iscrizioni il mese a inizio anno. Fra gli iscritti, diversi hanno già preannunciato la loro presenza a Dronero. Fra loro, il campione del Lussemburgo Steve Fernandes, il belga Joachim Wagemans, due volte vincitore della Ter 2 Cup e vicecampione assoluto Ter 2018, ed il rumeno Alexandru Filip, vincitore della classifica riservata alle 2RM nel Ter 2018.

BRC e Giandomenico Basso insieme ad Automotoracing 2019

Si riuniscono, anche se solo per un weekend, le strade di Brc Gas Equipment e Giandomenico Basso. Dopo quattro anni di intensa collaborazione culminati con la vittoria del Campionato Italiano Rally 2016 e del Tour European Rally 2017, il team ed il pilota trevigiano saranno infatti protagonisti dell’evento motoristico “La grande Sfida” che si terrà al Lingotto Fiere il 2 e 3 febbraio prossimi.

I più blasonati piloti di fama nazionale, si troveranno a gareggiare in una spettacolare prova ad inseguimento, che si svolgerà all’interno di una pista ricavata nell’area esterna del polo fieristico torinese. Il pubblico avrà la possibilità di ammirare da vicino i propri beniamini che, di fronte ad un titolo in palio, non si risparmieranno e regaleranno senza dubbio una due giorni adrenalinica e di puro spettacolo. Giandomenico Basso sarà al via con la performante Hyundai i20 R5 che lui stesso ha già portato alla vittoria continentale nel 2017.