Riccardo Tondina: il ragazzo del Trofeo Peugeot

Riccardo Tondina: il ragazzo del Trofeo Peugeot

Il Rally Trofeo Aci Como ha detto molto bene a Riccardo Tondina, pilota novarese classe 1993 che nella finale della Coppa Italia ha fatto brillare ancora una volta le sue qualità. A bordo della Peugeot 208 R2B del team Valsesia Motors di Paruzzaro, Tondina ha completato alle spalle del solo Guglielmini una corsa che vedeva al via ben ventisei pretendenti provenienti da tutte le parti d’Italia. Insieme a Davide Cecchetto, cugino e navigatore, Tondina ha tenuto un ritmo sostenuto risultando alla fine quattordicesimo assoluto: l’ottimo risultato conseguito al Trofeo Aci Como ha portato alle stelle il bilancio stagionale fatto di cinque podi in altrettante gare arricchiti da due vittorie.

Disputando il Rally Lana, l’Alba, il Città di Torino, il Rubinetto ed il Como, il pilota della Vaemenica Historic ha potuto competere in più ambiti risultando così vincitore della finale nel Trofeo Peugeot Competition, nell’R Italian Trophy di Zona1 (2° Raggruppamento) e nel Trofeo Pirelli Accademia relativamente alla classe R2B e trovando la seconda posizione nella classe R2B della Coppa Aci Sport, nel R Italian Trophy assoluto-2° Raggruppamento ed anche nella categoria 2 Ruote Motrici del Pirelli Accademia.

Un filotto incredibile che ripaga, sia in termini di soddisfazione morale che economica, gli sforzi di Tondina e del team Valsesia oltre a quelli degli sponsor che lo hanno sostenuto: “è stata davvero strana ed incredibile questa stagione: dall’essere “zoppa” a causa del Covid è finita con l’essere ricca di gare concentrate in pochi mesi; tutto è andato per il verso giusto perché il team mi ha sempre fornito una vettura fenomenale, ho conosciuto delle gomme, le Pirelli, che mi hanno colpito per le loro capacità prestazionali e ho consolidato i rapporti con i miei sostenitori: voglio dedicare i miei successi sportivi a Fabio e a Giacomo che mi hanno seguito e supportato in ogni gara con grande impegno e determinazione” ha commentato Tondina. “Non da ultimo, vorrei ringraziare Davide, mio cugino ed abile navigatore, che grazie alla sua esperienza e alle sue doti, è riuscito a farmi crescere ancora.”