Articoli

Norbert Herczig al via dell’ERC 2021

Norbert Herczig prenderà il via della stagione 2021 dell’ERC con una Skoda Fabia Rally2 Evo. “Pare proprio che non riesca a staccarmi da questo marchio. Ho iniziato a correre con la Škoda dal 1997 e ho vinto 3 titoli nazionali con una Fabia, centrando poi due podi europei con una Fabia R5”, ha affermato Herczig.

La vettura dell’equipaggio mangiaro sarà gestita dalla Skoda Rally Team Hungary e dalla Topp-Cars Rally Team. Il team ungherese fornì nella scorsa stagione europea la vettura ceca ad Andreas Mikkelsen ed Ola Fløene. “Il grande cambiamento sarà il team perché dopo 9 anni in BRR, passiamo ora al Topp-Cars. Abbiamo imparato moltissimo in questi anni con loro, ma avevamo deciso di avere una macchina preparata in Ungheria per l’ERC e sappiamo che qui non manca l’esperienza”, conclude Herczig.

Il tetra-campione ungherese di rally (2009, 2015, 2016 e 2017) sarà coadiuvato alle note ancora una volta da Ramón Ferencz, esperto navigatore ungherese. Attualmente Herczig e Ferencz, con la Baumschlager Rallye & Racing, hanno conquistato due podi nell’ERC: un secondo posto all’Acropolis Rally e un terzo posto al Cyprus Rally.

Erc 2019 al via: ecco chi ci sarà e chi combatterà per il titolo continentale

Il prossimo non sarà solo il weekend d’apertura del Cir 2019, ma anche del primo appuntamento del Erc 2019: il Rally delle Azzorre che nel suo spettacolare tracciato comprende anche una speciale intorno alla bocca di un vulcano. A far scintille si annunciano 21 vetture R5 di cinque marchi diversi (Citroën, Ford, Hyundai, Skoda e Volkswagen) e 18 piloti Junior, compresi i già campioni nazionali di Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Polonia e Portogallo!

Uomo da battere il campione in carica Alexey Lukyanuk che dellla vincente stagione scorsa ha conservato solo il navigatore Alexey Arnautov. Quest’anno sarà infatti al volante di una Citroen C3 R5 del team francese Sainteloc Racing. Viste le forze in campo l’unico pronostico difficilmente smentibile è che dopo quattro anni di dominio il titolo continentale non sarà più di una Ford, visto che anche tutti i suoi principali avversari si sono indirizzati su Skoda, Volkswagen e Hyundai.

Fra questi spiccano il tedesco Marijan Griebel con la Vw Polo – già campione Junior U27 prima e Junior U28 – la Skoda del francese Pierre Louis Loubet – figlio di Yves che vinse il titolo europeo giusto trent’anni fa con una Delta della Grifone – e Bruno Magalhaes con la Hyundai i20 ufficiale portoghese.

Fra gli outsider più accreditati l’esperto ungherese Norbert Herczig con una seconda Polo del team Buamschlager e la 27enne speranza del rallysmo ceco Filip Mareš, che correrà con una Skoda Fabia R5 curata dal Roman Kresta Racing. Da non dimenticare anche il campione nazionale polacco Łukasz  Habaj, che avrà una Skoda Fabia R5 del team Sports  Racing  Technologies. Con una Citroen C3 R5 ci sarà anche la spagnola Emma Falcon, vincitrice del tiolo femminile lo scorso anno.

I candidati per il titolo Junior Under 28 sono lo svedese Mattias Adielsson (Citroen C3), le Fabia dei portoghesi Pedro Almeida e Miguel Corria e del cipriota Alexandros Tsouloftas (Skoda Fabia). E soprattutto le Skoda dell’inglese Chris Ingram e del francese Pierre Louis Loubet.

Fra gli Junior Under 27 la squadra ufficiale Opel va a caccia del quinto titolo consecutivo con due ventenni cresciuti con la Opel Adam R1: il vincitore dell’Adac Opel  Rally Cup  in  Germania, lo svedese Elias  Lundberg,  ed il lussemburghese Grégoire  Munster, figlio dell’ex campione belga Bernard  Munster, campione junior belga del 2018. Tante le Peugeot 208 R2B fra cui quelle dei quattro giovani piloti supportati dalle rispettive federazioni nazionali: Efrén  Llarena (Rally  Team  Spain  initiative), Pedro Antunes (FPAK Portugal Team) ed i cechi Dominik Broz e Jan Talas (Czech Rally Team).

La curiosità sarà l’americano Sean Johnston, che si è affermato ai videogame (Gran Turismo 5), il che gli ha aperto le porta della Nissan GT  Academy dove ha iniziato la sua carriera con le auto reali, prima in pista ed ora nei rally europei.

Norbert Herczig e Ramón Ferencz e la VW Polo GTI R5 nell’Europeo Rally

Mol Racing Team parteciperà anche nel 2019 al Campionato Europeo Rally, per la seconda stagione consecutiva, ma che questa volta con la nuova Volkswagen Polo GTI R5 guidata da Norbert Herczig e Ramón Ferencz. Dopo aver ottenuto due podi nella prima stagione Erc nel 2018, Herczig e Ferencz stanno progettando una stagione europea di sette eventi con la Polo GTI R5 del Baumschlager Rallye & Racing. “Nove anni fa siamo stati tra i primi a scommettere sulla Skoda Fabia S2000 e dopo sulla Skoda Fabia R5”, ha detto Herczig. “Così abbiamo investito nove anni meravigliosi insieme con la Casa, vincendo il campionato ungherese tre volte e salendo due volte sul podio dell’Europeo”.

“E’ stato difficile decidere di cambiare, ma ho fiducia: saremo in grado di raggiungere risultati simili o ancora migliori con la Volkswagen Polo GTI R5”. Herczig ha sulle spalle un totale di quattro titoli ungheresi vinti, la prima arrivata nel 2009 al volante di una Subaru Impreza WRC. Il passaggio a Skoda avviene nel 2010 e poi arriva un trio di titoli ungheresi tra 2015-2017, prima di salire dal livello nazionale a quello internazionale nel 2018. Dopo aver segnato punti al suo esordio di campionato, al Rallye Azores dello scorso marzo, Herczig finisce sul podio in Grecia e Cipro nel mese di giugno ed è sesto nella classifica finale del Campionato Europeo Rally. Il calendario gare dell’Erc 2019 vede quattro eventi su terra e quattro su asfalto, tra cui la gara di chiusura in Ungheria, dall’8 al 10 novembre nella città di Nyíregyháza.