Articoli

Damiano De Tommaso e Silvia Rocchi dominano AMR

Sono Damiano De Tommaso, a bordo di una Skoda Fabia R5, e Silvia Rocchi su Peugeot 208 R2B i vincitori de “La Grande Sfida” e del “Trofeo Lady”, le due gare di velocità che nel weekend hanno emozionato il folto pubblico di AMR, che da quest’anno riunisce sotto un solo acronimo AutoMotoRetrò e AutoMotoRacing, le due rassegne dedicate al collezionismo d’epoca, al mondo delle corse e delle alte prestazioni.

Il grande evento per gli appassionati di motori si è chiuso domenica 2 febbraio con oltre 73.000 visitatori accorsi al Lingotto Fiere e all’Oval di Torino, che nei quattro giorni hanno ospitato più di 1.200 espositori (tra cui la nostra rivista) e circa 3.300 vetture tra instant-classic Anni ’90, lussuose berline tedesche, affascinanti spider due posti, inarrestabili 4×4 e ancora, leggerissime moto da trial spagnole, iconiche Delta con livrea Martini Racing e sfrontate vetture da rally.

La grande e variegata platea – composta da appassionati e addetti ai lavori, piloti e curiosi – è arrivata a Torino da tutta Italia ed Europa, ma non solo: si è registrato, infatti, un aumento considerevole di presenze tra gli stranieri, in particolare tra i collezionisti inglesi e giapponesi.

Lo stand della rivista RS e oltre ad AutoMotoRetrò e AutoMotoRacing 2020

L’edizione 2020 è stata un successo anche sul fronte commerciale, con centinaia di trattative private condotte da commercianti e privati che hanno schierato i loro migliori gioielli. In forte rialzo le quotazioni delle Youngtimer, in bella mostra nell’Area tematica realizzata in collaborazione con Catawiki nel Padiglione 2 e assolute protagoniste di AMR: un’auto su quattro in fiera è, infatti, una “giovane d’epoca” – vetture con almeno vent’anni d’età che si apprestano a diventare a tutti gli effetti le storiche di domani – confermando il trend che le vede al centro dell’attenzione dei collezionisti, soprattutto quelli più giovani che si stanno affacciando a questo mondo desiderosi di guidare l’auto che sognavano da bambini.

Miki Biasion e Cesare Fiorio nello stand Sparco Heritage

“In un contesto fieristico in forte contrazione, non può che gratificarci poter riconfermare i numeri dello scorso anno, con un incremento anche dei visitatori stranieri – dichiarano gli organizzatori Beppe e Alberto Gianoglio -. Siamo stati ripagati dagli sforzi fatti per aumentare il livello complessivo degli espositori e la qualità del programma, che hanno fatto sì che in un weekend molto soleggiato migliaia di torinesi scegliessero di venire ad AMR. “La Grande Sfida” e il “Trofeo Lady” sono ormai diventati un appuntamento importante per il nostro pubblico, accorso numeroso per vedere i propri beniamini sfrecciare in pista. Non ci resta che dare appuntamento al 2021 per un’edizione ancora più ricca”.

Tra i festeggiamenti per i compleanni di Pininfarina e Alfa Romeo, i visitatori sono stati positivamente colpiti anche dall’Area tematica dedicata alle moto da trial nel Padiglione 2 e dalle vetture d’epoca in esposizione nei numerosi stand dei club storici, così come dalle esibizioni di guida sportiva che si sono susseguite nell’area esterna, dalle fuoriserie costruite appositamente per incrementarne le prestazioni o per migliorarne estetica e funzionalità e dai raduni in centro città.

Cacioli e la Bruno le star del Trofeo Nord Ovest ad Automotoretrò

Luciano Cacioli, tra i piloti, e Cinzia Bruno, tra i navigatori, sono i vincitori del 4° Trofeo Nord Ovest auto storiche. Hanno ricevuto l’ambito premio, nel corso della cerimonia svoltasi ad Automotoretrò a Torino, dalle mani di Antonella Croce, presidente di Valsangone Promotion, la società che coordina il campionato.

Cacioli ha vinto in virtù del successo ottenuto alla Coppa della Valle d’Aosta, del terzo posto ai Castelli Lomellini ed al quarto posto del Giro Notturno dell’Oltrepò Pavese. Bruno, navigatrice di Mauro Bonfante è prima grazie alla vittoria nel Giro Notturno dell’Oltrepò Pavese, dei Castelli Lomellini e del secondo nel Trofeo Renati.

Tra i piloti seconda piazza per Mauro Bonfante, primo all’Oltrepò e ai Castelli Lomellini, e terza per Diego Garilli, terzo alla Coppa della Valle d’Aosta e sesto nell’Oltrepò. Seguono Roberto Boracco, Andrea Malucelli e Giovanni Omarchi. Alle spalle di Cinzia Bruno concludono Francesco Giammarino, primo in Valle d’Aosta e Angela Bossi, seconda al Notturno, seguiti da Monica Bernuzzi, Roberta Pinotti e Laura Butturini.

Nella speciale classifica Under 30, tra i piloti si è imposto Matteo Lozza, classe 1995, e tra i navigatori Alessandro Torti, classe 2006. Per la vetture Vintage ha vinto Aldo Biselli, con un’Alfa Romeo Brera. In totale sono stati premiati 35 piloti e 25 navigatori sugli oltre 200 equipaggi che hanno preso parte al Trofeo.

Il Trofeo Nord Ovest 2018 si è disputato con l’XI Giro Notturno dell’Oltrepò Pavese, la Nissa – Coni, il XX Trofeo Renati, il Raduno dei Castelli Lomellini, La Coppa della Valle d’Aosta ed il Remember Frank Pozzi. Partner del Trofeo Nord Ovest, che ha come brainstorm “la sicurezza stradale inizia dalla vista”, è l’Oftalmica Galileo che ha messo in palio per i primi tre classificati dell’assoluta e per gli under 30 premi speciali consistenti in lenti di ultima generazione speciali per guida.

Nell’occasione della premiazione si è anche celebrato il decennale del Trofeo, nato nel 2009 come Campionato Nord Ovest e trasformatosi in Trofeo nel 2015. Ad inventarlo fu la Sanremo Corse nelle persone di Piera Calvini e Bruno Lanteri che hanno ricevuto una Targa commemorativa.

Come ogni anno è poi stato assegnato il Trofeo Luciano Botto, in memoria del pilota ed organizzatore scomparso alcuni anni fa. Quest’anno è stato assegnato a Fulvio Negrini quale nuova linfa del Trofeo Nord Ovest regolarità auto storiche per la sua instancabile attività e preziosa collaborazione.

Premiazione dei Trofei Renault Rally ad Automotoretrò a Torino

La decima edizione dell’Automotoracing di Torino ha ospitato, come vuole ormai la tradizione, la premiazione dei Trofei Renault Rally 2018. A salire sul palco è stato il vincitore del Clio R3 Top Ivan Ferrarotti, che sotto i colori della Gima Autosport ha aggiunto la propria firma nel palmares di questo importante trofeo dopo Luca Rossetti, Luca Panzani e Kevin Gilardoni. Una calorosa accoglienza è stata rivolta al vicecampione Riccardo Canzian, il quale nel corso della stagione ha dato prova di poter ambire al titolo in più di un’occasione. Presente anche Emanuele Rosso, terzo classificato, quest’anno al volante di una millesei turbo by Gima.

Le celebrazioni sono proseguite con i campioni del Twingo R1 Top: Alberto Paris e Sonia Benellini (La Superba), seguiti da Gabriele Catalini, secondo classificato, e da Riccardo Pederzani, quest’ultimo vincitore della classifica Junior. Non sono mancati i protagonisti del Clio R3 Open con il vincitore Federico Bottoni, che si è aggiudicato questo importante primato grazie ai 147 punti ottenuti nelle sei gare a cui ha preso parte con la navigatrice Daiana Ramacciotti. Applausi, anche se assenti, per Federico Gasperetti e Federico Ferrari (Pistoia Corse), secondi a solo due punti di distacco e per Gianluca Quaderno e Lara Zanolo (Speed Fire Racing) terzi assoluti.

La premiazione dei trofei Open è andata avanti con il raggruppamento dedicato alla Twingo R1, classe in cui a svettare su tutti è stato proprio Catalini. Oltre all’alfiere della scuderia Costa Ovest, a ricevere la medaglia d’argento è stato Giacomo Matteuzzi (Jag Sport ASD), mentre la terza piazza è andata a Lorenzo Lanteri (XRT Scuderia). Tra i 22 equipaggi che hanno gareggiato nel Corri con Clio N3 Open, sono stati premiati i campioni Gianluigi Zilocchi e Maurizio Della Torre (Scuderia Rally Time), che con 145 punti nel carniere hanno preceduto Riccardo Tondina (New Turbomark) ed Alessandro Boschetti (Omega).