Articoli

Under 25: Emanuele Rosso e la febbre da CIR

Cordiale, determinato e già navigato nel mondo delle corse, Emanuele Rosso si presenta così e ci accoglie nel suo centro di simulazione Asti Racing Simulator per un’intervista che racconterà molto di più che una semplice stagione da vivere intensamente all’interno del Campionato Italiano Rally Junior.

Sarà la terza annata all’interno della serie nazionale per il venticinquenne “marchiato” Meteco Corse che da quel Rally del Tartufo di sette anni fa ne ha vista di acqua passare sotto i ponti, dal perfezionamento continuo nella guida al rapporto ormai consolidato con Andrea Ferrari, navigatore ligure.

Esperto sì, ma mai comparso tra le fila dello Junior che quest’anno si preannuncia molto combattuto al volante delle Ford Fiesta turbocompresse messe a disposizione dalla Motorsport Italia di Max Rendina.

Come vivi l’imminente debutto nello Junior?

“Sicuramente sarà un’esperienza nuova, innanzitutto perché correremo sullo sterrato. Affrontare tre appuntamenti su asfalto e tre sulla terra secondo me è la formula giusta per imparare, in Italia sappiamo che manca un po’ la filosofia dello sterrato. Inoltre ci sarà il Rally di Sardegna, corsa dal lungo chilometraggio e palcoscenico di livello mondiale; stiamo già programmando di svolgerlo tutto, tre tappe contrariamente al CIR che di regola corre solo la prima frazione”.

Questo è un contenuto premium. Continua la tua lettura sul giornale. Scarica l’app o accedi da PC, abbonati e immergiti nella tua più grande passione

Quanto costa abbonarsi ad RS e oltre

  • Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito
  • Le nostre app sono gratuite
  • Dopo aver effettuato la registrazione (clicca qui), ci si potrà abbonare

Si avranno tre opzioni di acquisto, che riportiamo di seguito:

  • La singola copia di RS a 2 euro
  • L’abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) a 25 euro*
  • L’abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) a 60 euro*

Si può scegliere se leggere il giornale sul PC o su smartphone e tablet (tramite l’apposita app di Android e IOS) o se farsi leggere gli articoli, ascoltandone i contenuti. Si può accedere all’archivio storico di RS gratuitamente per tutta la durata dell’abbonamento.

Suzuki Rally Cup: Emanuele Rosso ‘samurai’ in Sicilia

Il terzo appuntamento della Suzuki Rally Cup, la Targa Florio, ha dato spettacolo regalando adrenalina, agonismo ed emozioni. Sono state le sfide tra i dodici equipaggi trofeisti ad elettrizzare il fine settimana siciliano, durante il quale le prestazioni delle compatte sportive della Casa di Hamamatsu hanno consentito ai giovani di salire alla ribalta del proscenio ed aggiudicarsi, al contempo, la classifica del Campionato Italiano R1.

Emanuele Rosso firma la sua prima prestazione vincente nel trofeo Suzuki e nella serie Tricolore Aci Sport. Il ventenne astigiano aveva dato dimostrazione di qualità e sensibilità di guida non comuni sin dalle prime prove dell’anno; assimilate le caratteristiche della Swift della Meteco, Rosso si è presentato a Palermo con all’attivo un quarto piazzamento al recente Rallye Elba, prova valevole per il Girone “WRC” della Suzuki Rally Cup, inequivocabile segno di crescita. “Maturazione” dovuta alla maggior conoscenza nell’utilizzo delle gomme Toyo Tire, che alla Targa ha dato i suoi frutti mettendolo in lizza per il vertice assoluto della classifica, sin dalle primissime battute di gara.

Primi chilometri cronometrati, delle diciassette mitiche prove speciali sulle Madonie e non solo, che hanno lanciato ai primi posti il parmense Simone Rivia, ma che alla quinta piesse ha lasciato il testimone a Rosso, per riprenderselo, poi, nelle prove successive. Terzo, sornione, si era posto il vicentino Andrea Scalzotto, il migliore sulla PS3 “Cefalù” e sulla PS4 “Tribune 1”, prima frazione del sabato.

Due scratch che sarebbero valsi a Scalzotto la terza posizione nella classifica del monomarca a 5″4. Corrado Peloso ha imposto il suo ritmo sul primo passaggio della “Targa”, la designata Power Stage al quale non ha dato seguito, dovendosi ritirare per noie al cambio. Il ligure Fabio Poggio, invece, non ha ingranato e si è attestato al quarto posto con un distacco di 12’’ da Rosso per poi ritirarsi per via di un distaccamento di un filo e la conseguente rottura di una candela nella sesta prova.

Il finale della “cursa” 2019 ha riservato ancora sorprese: Simone Rivia al comando della classifica tra le SWIFT R1B. Secondo Andrea Scalzotto che aveva sorpassato Emanuele Rosso sull’ultima speciale di Collesano. Dopo le quindici prove speciali a due dal termine, al comando della classifica c’era il parmense Simone Rivia con 6″3 di vantaggio sul vicentino ed otto sull’astigiano. Quarto il toscano Stefano Martinelli, autore di una buona gara e migliore sulla prova di Collesano 2. La penultima piesse, terzo passaggio sulla prova Tribune, ha visto il siciliano Giorgio Fichera più veloce di tutti con la BALENO 1.0 Boosterjet, per quattro decimi su Rivia che allungava a 7″2 il vantaggio sugli inseguitori.

Un margine che non è stato sufficiente a contenere la rimonta di Rosso. Il ventenne piemontese dava tutto nell’impegno finale, segnando il miglior tempo che gli consentiva di superare a piè pari sia Scalzotto, che Rivia, andando a vincere. Quarto al traguardo il toscano Martinelli, quinto Costantino, autore di uno scratch nella quattordicesima prova di Geraci. Sesto Fichera, esaltandosi sulle strade di casa, portando a livello assoluto la Baleno 1.0 Boosterjet.

È uno sconsolato Stefano Strabello a chiudere in settima piazza, poco usuale per il veronese che ha lottato per il vertice della Suzuki Rally Cup nelle passate edizioni. Ottavo Simone Borgato a precedere il duo siciliano “Pinopic”, nono, e Sergio Denaro decimo, incredulo nel non riuscire a prendere il passo del quale è capace alla guida della Suzuki SWIFT 1.6 Sport dell’Alma Racing.

Classifica Suzuki Rally Cup al Rally Targa Florio

1. E. Rosso e A. Ferrari (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – meteco Corse) in 1h48’54.4; 2. S. Rivia e A. Dresti (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet R1 – N.C.) a 6.6; 3. A. Scalzotto e D. Cazzador (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Funny Team) a 20.3; 4. S. Martinelli e F. Grilli (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – G.R. Motorsport) a 59.4; 5. D. Costantino e A. Parodi (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Meteco Corse) a 1’06.5; 6. G. Fichera e S. Duro (Suzuki Baleno 1.0 Boosterjet R1 – R1B – Team Automobilistico Phoenix) a 1’08.7; 7. S. Strabello e S. D’ambrosio (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet R1 – Destra 4) a 1’15.5; 8. S. Borgato e E. Dinelli (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Versilia Rally Team) a 1’43.7; 9. ‘Pinopic’ e G. Barbaro (Suzuki Swift 1.6 Sport R1B – Project Team) a 3’25.8; 10. S. Denaro e M. De Paoli (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Alma Racing) a 3’42.2  

Classifica Suzuki Rally Cup Girone CIR

1. Poggio punti 40 (Rally Il Ciocco e Rally Sanremo); 2. Scalzotto 35; 3. Rivia 34; 4. Rosso 27 (Targa Florio); 4. Peloso 27; 6. Denaro 23; 7. Martinelli 17; 8. Costantino 15; 9. Borgato 14; 10. Strabello e Fichera 12; 12. “Pinopic” 9; 13. Iacconi 8; 14 Soliani 7; 15. Lunelli 2

Breen passa a Meteco Corse dal Rally Sanremo

L’accordo è stato raggiunto alla vigilia del Rally Sanremo. Il patron di Meteco Corse, il vulcanico e sempre attivo Luciano Chiaramello, anche editore del nostro sito e giornale, si è accordato con il driver irlandese, Craig Breen, classe 1990, che nel 2019 sarà portacolori della storica scuderia torinese nella stagione tricolore programmata in Italia. Un altro importante successo che conferma la passione Meteco per i rally e per gli equipaggi giovani e promettenti, oltre che per quelli ‘navigati’ e gentleman.

Nel Rally Sanremo 2019, infatti, sono diversi i portacolori di primo piano del sodalizio piemontese, oltre al nuovo ingresso irlandese che corre con la Skoda Fabia R5 del team Metior: alla gara matuziana partecipa anche l’equipaggio astigiano-savonese composto dal Emanuele Rosso e dal copilota Andrea Ferrari con la Suzuki Swift, il campione italiano Giorgio Cogni navigato da Gabriele Zanni con la Peugeot 208 R2, Danilo Costantino e Alessandro Parodi con un’altra Swift, senza dimenticare il giovane talento francese Jean Baptiste Franceschi, con alle note Haut-Labourdette Florian, anche loro su una Fabia R5 ma Sportec.