Articoli

Piero Longhi ha una lunga storia con i rally su terra

Piero Longhi nel Campionato Italiano Rally Terra con Twister Corse

L’onda lunga del mercato piloti per il settore rally sta coinvolgendo anche il Campionato Italiano Rally Terra. Con la definizione del calendario per la prossima stagione sportiva, molti tra i principali attori delle serie italiane si apprestano a cambiare tuta o vettura. Tra questi ci potrebbe essere anche qualche ritorno importante allo start del tricolore Terra. Il nome è quello di Piero Longhi e non ha bisogno di troppe presentazioni.

Il pluricampione è quasi pronto a rientrare ufficialmente in gara in un Campionato Italiano, affiancato dalla Twister Corse che lo ha accompagnato negli ultimi anni. Il driver novarese sembra vicino a formalizzare un programma basato su un’uscita di allenamento nel Valtiberina e poi successivamente le date del Cirt nel Rally Adriatico, Rally San Marino e Tuscan Rewind. Tutte da affrontare al volante di una vettura di categoria R5.

Piero, nato a Borgomanero il 12 dicembre 1965, ha esordito nel 1986 nei rally con una Opel Kadett GT/E 1.8. È stato campione italiano rally nel 2000, con la Toyota Corolla WRC e nel 2005 con la Subaru Impreza. Nel 2001 ha partecipato a qualche gara del Trofeo Italiano Rally vincendo il Rally Asinara. Nel 2003 e nel 2005 è stato anche Campione Italiano Rally Gruppo N.

Nel 2006, Longhi ha corso con la Subaru Impreza dell’Aimont Racing, di cui è diventato proprietario alla fine del 2005. In quella stagione ha vinto i Rally Adriatico e quello di San Marino. Nel 2007 si è imposto nei rally di San Marino e della Costa Smeralda, classificandosi quinto nel Campionato italiano. Ha vinto tante edizioni del Rally 111 Minuti, con le Renault Clio Williams Gruppo A e con le Super 1600. Ha partecipato ad alcune edizioni dei Rally Valli Ossolane con la Renault GT Turbo.

Nel 2008 ha vinto il Master Show a Monza. Alla fine dei 2 giorni di gara al Monza Rally Show è arrivato terzo con la Subaru Impreza WRC navigato da Capitan Ventosa. Nel dicembre 2008 al Motor Show di Bologna si è aggiudicato il WRC Italia aggiudicandosi così di diritto la partecipazione al Memorial Bettega. Il 4 ottobre 2009, Piero ha preso parte alla quinta edizione del Memorial Cristian Zonca al volante della Skoda Fabia Super2000.

L’11 febbraio 2010, Piero Longhi è passato alla Twister Corse e ha corso con la Peugeot 207 Super2000, che ha iniziato a testare poco dopo sul circuito di Franciacorta. Nel 2011 ha vinto il Campionato Sloveno Rally con la Skoda Fabia Super2000. Negli ultimi anni ha corso in pista, nella Formula 2000 Light nel team Twister Corse, insieme a Paolo Viero.

Il numero di febbario 2019 di RS e oltre

RS e oltre: il numero di febbraio 2019

E’ disponibile presso tutte le migliori edicole il numero di RS e oltre di febbraio. Tanti gli approfondimenti che troverete sulla rivista. Immancabile il reportage dal Rally MonteCarlo del nostro inviato Gabriele Cogni con le splendide immagini di Magnano Foto. Troverete tante pagine dedicate a tutti gli equipaggi italiani che hanno preso parte alla grande sfida monegasca. Di ciascuno, immagini e commenti esclusivi. Ma non solo, parliamo di Cir 2019 e di mercato piloti. Ma anche di trofei di marca, come i Trofei Peugeot e quelli Suzuki.

Il nostro direttore, Gianni Cogni, ha ben pensato di rendere pubbliche le sue statistiche, raccolte rally per rally, e di assegnare gli Oscar di RS, coinvolgendo tutto il corpo redazionale. Non è stato facile stabilire a chi assegnare gli Oscar 2018 di RS, ma abbiamo adottato un metodo meritocratico, per cui alla fine abbiamo deciso che il premio Top Driver della nostra rivista venisse assegnato a Luca Rossetti, con sul podio anche Stefano Albertini e Alessandro Gino. Ovviamente, abbiamo assegnato ancora tanti premi e continueremo a farlo anche sul numero di marzo: gli Oscar di Rs e oltre sono una lunga festa…

Ci piace l’idea di parlare con gli appassionati del settore e di capire cosa succede intorno a noi e questo ci ha portato a ricercare delle storie curiose, uniche. Storie di sport, in cui la passione vince sempre. Su RS di febbraio c’è la storia di Maurizio Stivi Tiveron, un cervello fuggito all’estero, e quella di tre rallysti, due uomini e una donna, malati di sclerosi multipla. Loro ci hanno raccontato come i rally li aiutano a fronteggiare il disagio della loro malattia, facendoci comprendere ancor di più l’importanza dello sport e della sportività.

M non solo. Siamo andati a scoprire il nuovo simulatore Sim-Rally che si trova nella Etabeta Rally Academy. Massimo ‘Freem’ Foffano e Federico Bologni, che hanno scelto Giandomenico Basso, Renato Travaglia, Gigi Pirollo, Simone Scattolin e Piero Longhi, hanno fatto un lavoro straordinario e sono davvero riusciti a mettere la tecnologia al servizio dei rally moderni. Come sempre, infine, servizi sulle gare del Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio, Campionato Italiano Velocità Montagna, Campionato Italiano Slalom e così via. Obiettività e indipendenza rendono imperdibile anche questo numero di RS e oltre!

Sfoglia RS di febbraio 2019 e corri in edicola

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quanto costa abbonarsi ad RS e oltre

Registrarsi per attivare un account è del tutto gratuito. Dopo aver effettuato la registrazione qui, l’utente potrà abbonarsi: si avranno tre opzioni di acquisto, che riportiamo di seguito:

La singola copia di RS costa 2 euro

L’abbonamento digitale di 12 numeri (12 mesi) costa 25 euro

L’abbonamento al solo magazine cartaceo di 12 numeri (12 mesi) costa 50 euro

L’abbonamento Plus digitale rivista cartacea + rivista elettronica di 12 numeri (12 mesi) costa 60 euro

Clicca e scopri RS digitale

RS e l'abbonamento digitale

I partecipanti al Supercorso Federale, Aci Sport Rally

Supercorso Federale Aci Sport Rally nel segno di Oldrati e Mazzocchi

Si è concluso a Tempio Pausania il quindicesimo Supercorso Federale Aci Sport settore rally, Italian Shoot-Out 2018, organizzato dalla Scuola Federale Aci Sport con la partnership della Pirelli. La vittoria del Supercorso è stata appannaggio di Enrico Oldrati e Elia De Guio, mentre Andrea Mazzocchi e Silvia Gallotti si sono aggiudicati la prima edizione dell’Italian Shoot-Out, che permetterà all’equipaggio vincitore di avere in premio pagate tutte le tasse d’iscrizione alle gare del Campionato Italiano Rally Junior 2019, un premio che però avrà validità solo in caso di partecipazione a tutte le sei gare previste nella prossima stagione.

I due equipaggi partecipanti selezionati per il Super Corso Federale Oldrati-Di Guio e Di Pietro-Pirollo, e i sei equipaggi iscritti all’Italian Shoot Out Cogni-Zanni, Lucchesi-Pollicino, Mabellini-Lenzi, Mazzocchi-Gallotti, Nerobutto-Ometto e Pederzani-Brovelli, al volante di una vettura stradale hanno preso questa mattina le note sulla celebre prova speciale sterrata di La Prugnola lunga 3,3 km. Poi sia al mattino che nel pomeriggio sotto la guida del direttore della Scuola Federale Raffaele Giammaria e degli istruttori Paolo Andreucci, Alessandro Bettega, Piero Longhi, Anna Andreussi, Lorenzo Granai e Massimiliano Bosi, tutti gli equipaggi hanno iniziato l’ultima prova pratica percorrendo sei giri a testa, durante i quali il giovanissimo Gabriel Di Pietro è stato protagonista di un fuori programma con un’uscita di strada.

Vincitori e premiazioni Supercorso Federale Aci Sport Rally

“Siamo tutti contenti – ha commentato a fine corso il direttore della Scuola Federale Raffaele Giammaria – perché grazie al grande lavoro di MSport e di Pirelli siamo riusciti a raccogliere tutte le informazioni utili per valutare i vari partecipanti. Inoltre grazie ai dati raccolti con il sistema RCST Human System Telemetry siamo riusciti a monitorare i ragazzi nelle varie prove speciali, e a fornire loro indicazioni sulle loro reazioni emotive durante i vari test di guida. Vorrei infine ricordare che ieri ci ha fatto visita Luca Bottarelli, pilota di Aci Team Italia, che navigato da Lorenzo Granai ha partecipato alla sessione di prove su asfalto”. Interessante anche il parere di Terenzio Testoni. “Ogni anno si vedono facce nuove e ragazzi giovani – ha dichiarato il “Rally Activity Manager” della Pirelli – segno evidente che in Italia il movimento rallistico è sempre presente e vivace. Lo spirito dello Shoot Out è quello di aiutare i giovani e contribuire a migliorarli, da qui a un anno vedremo in quanti tra i partecipanti al corso avranno fatto dei progressi importanti”.

“Innanzitutto – ha commentato soddisfatto il 23enne pilota bergamasco Enrico Oldrati – è stato un piacere essere qua con la Scuola Federale e la Pirelli che mi hanno invitato, visti i progressi che ho fatto durante la stagione. Sono contento di aver vinto con il mio navigatore Elia De Guio, ho avuto modo di avere degli importanti spunti da parte degli istruttori sui quali dovrò lavorare per migliorare la mia guida e il mio modo di correre in vista della mia prossima partecipazione al Mondiale Junior nel 2019”. Anche il suo navigatore, il 22enne di Thiene Elia De Guio era su di giri. “Sono contento – ha detto – e mi sono divertito, è decisamente aumentato il feeling con Enrico e poi abbiamo migliorato la nostra intesa sull’asfalto. C’era una bella atmosfera che mi è servita per affinare il mio lavoro ed un ottimo rapporto con gli istruttori, sempre prodighi di consigli. Ho poi avuto modo anche di conoscere gli altri partecipanti che non conoscevo”. Il vincitore dello Shoot Out Andrea Mazzocchi era anche lui molto contento. “Una bella esperienza – ha commentato il 24enne driver piacentino – perché gli istruttori sono stati molto bravi a farci capire quali fossero le nostre aree di miglioramento sia sulle note che nella guida”. “E’ stato tutto molto bello – ha evidenziato la sua navigatrice, la pavese Silvia Gallotti – in particolare gli istruttori sono stati prodighi di utili consigli”.