,

WRC,Croazia: trionfa Elfyn Evans nel ricordo di Breen

fuzruq5wyae0mbj

L’equipaggio Toyota torna alla vittoria dopo un’anno e mezzo, con loro sul podio Ott Tänak e Esapekka Lappi.

Una vittoria triste, senza sorrisi e festeggiamenti quella di Elfyn Evans e Scott Martin in Croazia. L’equipaggio Toyota torna a vincere un rally dopo 567 giorni è lo fa in un rally che nel 2021 gli era scivolato via proprio sulla power-stage finale. Con questo risultato Evans entra nella storia, diventando il primo pilota ad aver vinto un rally, senza esser stato nominato dalla sua squadra per segnare punti nel Campionato Costruttori. Dopo quattro gare la classifica del WRC è semplicemente esplosiva, con quattro piloti racchiusi in appena quattro punti.

Una vittoria meritata quella del pilota gallese, visibilmente emozionato, frutto di una gestione gara attenta e misurata, evitando inutili rischi soprattutto nella seconda parte del rally. “La vittoria in un momento come questo è insignificante, certo l’abbiamo inseguita per molto tempo, ma è sorprendente quanto valga poco in questo momento.”, il suo commento al termine della power-stage finale. “La mancanza del nostro amico si torna a far sentire, quando arrivi al traguardo i pensieri tornano tutti a lui. Avevamo promesso alla famiglia di Craig che ci saremmo “goduti” il fine settimana è così é stato, sono sicuro che ci stava seguendo.”

Seconda posizione per Ott Tänak, il quale , nonostante una Puma rally1 bersagliata da qualche problema tecnico di troppo, ha disputato un rally di alto spessore facendo segnare alcuni scratch. Completa il podio Esapekka Lappi. Il pilota Hyundai ha corso una gara prudente e attenta, in una situazione mentale pesantissima che avrebbe schiacciato qualunque persona, meno che questo ragazzo e i suoi compagni (di team e avversari). “Non so da dove iniziare. Grazie mille alla mia squadra, perché venire qui a correre questo fine settimana non è stato facile.”, ha dichiarato il finlandese al termine della power-stage. “E’ stata dura, ma abbiamo corso una gara intelligente cercando di tenere sempre la testa “libera” è siamo riusciti a centrare il podio, regalando al team un risultato importante.”

Dopo una prima giornata da scordare Kalle RovanpeSébastien Ogier, hanno alzato il ritmo gara nelle due restanti giornate di gara facendo segnare scratch su scratch e dando vita ad un bellissimo duello per la quarta piazza. Duello che si risolto a favore del finlandese, mentre il “lupo di Gap” ha praticamente quasi ufficializzato la sua presenza al Rally Italia Sardegna 2023, in programma dal 1 al 4 giugno a Olbia. Sesta piazza per l’altra Yaris rally1, quella del nipponico Takamoto Katsuta, che ha preceduto Pierre-Louis Loubet. Il pilota corso, dopo un’avvio più che positivo, è stato rallentato da alcuni problemi meccanici alla sua Puma rally1.

Gara da scordare, se si esclude la power-stage finale, per Thierry Neuville. Il pilota belga è incappato in un’errore da matita rossa ad inizio della seconda giornata che l’ha costretto al ritiro. “Non so cosa dire, sono deluso per la squadra e per noi dopo tutto quello che è successo.” , ha commentato TN11 al termine della power-stage. “E’ un momento difficile, volevamo fortemente la vittoria, volevamo rendere Craig orgoglioso, ma abbiamo perso l’occasione. Abbiamo dato tutto.”

Nel WRC2 trionfo per Yoann Rossel (Citroen C3 rally2), con il francese che conquista così la seconda vittoria della stagione, dopo quella di Montecarlo, che lo lancia per la conquista del titolo assoluto. Alle sue spalle, in seconda posizione, (primo di WRC2 Challenge) chiude Nikolay Gryazin, mentre il podio è completato da Emil Lindholm. La top five è completata da Adrien Fourmaux (Ford Fiesta rally2) e da Sami Pajari (Skoda Fabia RS rally2). Vittoria irlandese nel WRC3 e nel J-WRC, grazie a Eamonn Kelly. Tra le RC4 da segnalare la splendida vittoria di Marco Oldani e Pietro D’Agostino su Peugeot 208 rally4.