Nella WRC2 Pro Lukasz Pieniazek torna con Jakub Gerber

WRC2: i punti cardine del regolamento sportivo 2021

Il WRC2 2, campionato riconosciuto dalla Fédération Internationale de l’Automobile (FIA), arriva alla sua nona stagione nel 2021. Questa, insieme al WRC3 dedicato ai privati, è una delle serie rallistiche più importante sul pianeta. I norvegesi Mads Østberg e Torstein Eriksen, con la Citroën C3 R5 by PH Sport, e la tedesca Toksport WRT, con le Skoda Fabia Rally2 EVO, sono i campioni in carica.

Con la stagione 2020 appena conclusa, è giunto il momento di guardare avanti verso un 2021 dalle tante incertezze e perplessità. Venerdì 16 dicembre si è riunito il Consiglio Mondiale della FIA, dove nel nostro caso si è discusso e stipulato il regolamento sportivo 2021 FIA per il World Rally Championship.

La serie di suporto del World Rally Championship rimane un campionato dedicato alle squadre semi-ufficiali, dove i piloti e i co-piloti possono utilizzare le vetture Rally2 ed R5 secondo l’art. 12.2 del regolamento sportivo. Ora però entriamo più nello specifico, andando a scoprire i punti cardine del nuovo regolamento dedicato al WRC2 che potrebbe anche cambiare in corso d’opera.

L’art. 6.2.1 del nuovo regolamento recita che, se si vogliono ottenere punti nel campionato WRC2, le squadre supportate da un costruttore o indipendenti devono registrarsi presso la FIA prima della data di chiusura delle iscrizioni del primo rally, ma non oltre la data di chiusura del 5° round della stagione 2021 del Mondiale Rally. L’iscrizione ai campionati WRC2 è fissata a 100.000 euro per le squadre che sono coinvolte dai costruttori, mentre i team indipendenti sborsano ”solo” 10.000 euro. Non viene addebitata alcuna quota d’iscrizione per driver o co-driver.

I team che si registrano per correre nella serie cadetta, secondo l’art. 6.2.2, devono iscrivere due vetture in un massimo di 7 rally incluso un solo rally al di fuori dell’Europa. Entrambe le vetture possono conquistare punti per la classifica generale.

Le squadre, i piloti e i navigatori che corrono gare sporadiche nel WRC2, in base all’art. 6.2.3, devono sempre effettuare l’iscrizione utilizzando lo standard FIA, ovvero bisogna compilare un modulo d’iscrizione online a nome del concorrente come indicato sulla licenza utilizzata per registrarsi in questo campionato di supporto. Nell’iscrizione è obbligatorio nominare se il team, il pilota o il co-pilota vogliono ottenere punti nella serie WRC2. Una squadra, ad ogni modo, può anche registrare una sola auto e un solo equipaggio.

Per l’assegnazione dei punti (art. 6.4.1), come negli anni precedenti, verrà stipulata una classifica dedicata alle squadre, ai piloti e ai co-piloti che possono segnare punti negli specifici rally. Il titolo di campione WRC2 per gli equipaggi e le squadre (art. 6.4.2 & 6.4.3), verrà assegnato a chi ottiene il maggior numero di punti in sei round.

In conclusione dell’articolo, è importante ricordare che Pirelli sostituirà Michelin come unico fornitore di pneumatici e, in base ai termini del concordato, l’azienda milanese approvvigionerà pneumatici a tutte le squadre del mondiale. Gli equipaggi che competono nella categoria WRC2 potranno anche conquistare per la prima volta i punti bonus della famosa Power Stage.