WRC: ufficializzato il percorso del RIS 2022

Con l’apertura delle iscrizioni e la relativa pubblicazione della tabella tempi-distanze si apre ufficialmente l’edizione 2022 del Rally Italia Sardegna, quinto atto del Mondiale Rally in programma dal 2 al 5 giugno negli sterrati del nord dell’Isola dei Quattro Mori.

Il via alle ostilità è previsto giovedì 2 giugno con la disputa dell’inedito shakedown di Monte Ricciu, località situata a pochi chilometri di distanza da Alghero. Il percorso si concentra in un parco naturalistico nei dintorni della cittadina catalana e offre agli equipaggi e agli spettatori una vera a propria cartolina paesaggistica.

Inedita la PS1 Olbia, in programma nel tardo pomeriggio. La prova si disputerà a pochi passi dal centro storico della città di Olbia e presenta un percorso misto asfalto-terra, con una prima parte (circa un chilometro) da disputarsi nel lungomare cittadino, dopo aver affrontato una rotatoria e un passaggio tra le case in Via dei Lidi, gli equipaggi si tufferanno nello sterrato con tratti altamente spettacolari con traversi e salti in rapida successione.

Il venerdì 3 giugno, il programma prevede quattro speciali da ripetersi due volte col format di successo attuato lo scorso anno, che tanto gradito è stato a pubblico e critica. Si parte la mattina all’alba da Olbia per dirigersi verso due prove sacre del RIS: Terranova (Km 14.36) che tiene la configurazione della passata edizione e la rinnovata Monti di Alà e Buddusò (Km 24.61) che presenta una nuova partenza e un nuovo chilometraggio rispetto all’edizione appena passata.

Infatti, la prova risulta più lunga di quasi due chilometri. Dopo il parco assistenza nel lungomare di Alghero, gli equipaggi affronteranno in rapida successione di crono di Osilo-Tergu (Km 14.63) che quest’anno sarà disputato in versione inedita per il WRC e la confermata Sedini-Castelsardo con lo spettacolare passaggio sulla “vetta” di Monte Ossoni che offre uno scorcio fantastico sul Golfo dell’Asinara.

Durissima la giornata di sabato 4 giugno con otto prove speciali da affrontare senza assistenza, una scelta sicuramente rischiosa che però allo stesso tempo metterà ulteriore pepe ad una gara già dura ed insidiosa di suo. Si parte in mattinata con il doppio passaggio sulla speciale di Tempio Pausania (Km 12.08) e sulla Erula-Tula (Km 15.39), quest’ultima conferma lo spettacolare passaggio nel parco eolico “Sa Turrina” caratterizzato da una serie di salti.

In tarda mattinata dopo una zona pneumatici a Buddusò gli equipaggi affronteranno le mitiche speciali del Lerno, con Coiluna-Loelle (Km 21.72) che viene allungata rispetto alle precedenti edizioni, mantenendo lo stesso fascino con la conferma del salto di Crastazza e il passaggio (per i più pigri) nella Loelle Arena. Novità anche per la Monte Lerno di Pattada (Km 16.96), che verrà affrontata in una versione rivisitata rispetto alle edizioni precedenti.

Chiusura domenica 5 giugno con le classiche prove della domenica algherese, la Cala Flumini (Km 12.54), prova anche questa rivista rispetto alle edizioni precedenti e la power-stage Argentiera (Km 7.13) che chiuderà la gara con il passaggio sul mare e la premiazione sulla spiaggia di Porto Palmas.

Mappa RIS 2022
Mappa RIS 2022

Le 17 aree riservate al pubblico

Sono diciassette le aree esclusive RIS Experience dove il pubblico, in possesso dell’omonimo pass, potrà assistere da vicino alle Prove Speciali del Rally Italia Sardegna dal 2 al 5 giugno, assistendo ai passaggi più spettacolari dei percorsi di gara.
Con l’acquisto dei pacchetti Gold, Platinium e Black Experience, in vendita sul sito www.rallyitaliasardegna.com, è infatti incluso l’accesso ad apposite zone ai lati dei percorsi delle 21 Prove Speciali in programma per la tappa del Campionato del Mondo Rally.
Ecco tutte le aree RIS Experience, riservate ai possessori del pass, da cui seguire l’evento organizzato da Automobile Club d’Italia in collaborazione con la Regione Sardegna, tra spettacolari salti, percorsi a ridosso del mare e affascinanti scorci dell’entroterra sardo.

Alghero Shakedown – SD – 1,9 km dalla partenza
Lo Shakedown di quest’anno è una novità assoluta per il Rally Italia Sardegna. Per la prima volta il percorso interessa la zona di Monte Ricciu, un parco naturalistico a pochi chilometri da Alghero. Il percorso è costruito su un altopiano che si affaccia sul golfo di Alghero, interessante dal punto vista sportivo e spettacolare per lo scenario paesaggistico.

Tilibas – SS1 – 2,0 km dalla partenza
La cittadina di Olbia ospita la super speciale che apre il Rally Italia Sardegna. La prova, anche questa inedita, si sviluppa tra il centro abitato e un’area verde archeologica situata all’interno del comune. La conformazione del percorso, ricco di emozionanti salti in successione, offre agli spettatori un’ampia visuale sui tratti cronometrati.

Terranova’s Jump – SS2/4 – 2,7 km dalla partenza
Il Terranova’s Jump è un classico del programma del RIS. Nel corso delle edizioni, il percorso all’interno dei cantieri forestali sardi è stato proposto in varie versioni ma sempre con la presenza dello spettacolare salto che prende il nome dalla prova speciale e che è oramai entrato nel cuore degli appassionati. Il tracciato su cui ha trionfato lo scorso anno l’equipaggio Tänak – Järveoja rimane invariato per l’edizione 2022.

Alà Arena – SS3/5 – 0,4 km dalla partenza
Altra novità per Rally Italia Sardegna è la partenza della prova Monti di Alà all’interno dell’arena. L’area Experience dell’Alà Arena offre un’ampia visuale sugli spettacolari larghi traversi. L’area è di facile accesso venendo da Alà dei Sardi.

Santa Reparata – SS3/5 – 10 km dalla partenza
L’area di “Santa Reparata” propone un’ampia visuale e molteplici punti di osservazione in corrispondenza del cambio di fondo stradale del percorso: da asfalto a terra. L’Area Experience è posizionata nei pressi della centrale elettrica del parco eolico di Buddusò/Alà. Per evitare ingorghi è consigliabile effettuare l’accesso con largo anticipo rispetto alla partenza, infatti la strada risulta sempre molto trafficata.

Quadrivio – SS6/8 – 10 km dalla partenza
Area Experience con ampia e spettacolare visuale adiacente al famoso quadrivio della prova speciale Tergu-Osilo. Si tratta del punto del percorso in cui le vetture sono impegnate in un veloce cambio di fondo stradale: prima terra poi asfalto e poi di nuovo terra. In questo Rally Italia Sardegna 2022 la prova speciale sarà percorsa con senso di marcia opposto rispetto a quello che ha caratterizzato le ultime edizioni.

Roccia dell’Elefante – SS7/9 – 4,6 km dalla partenza
L’area “Roccia dell’Elefante” si trova proprio in prossimità dell’omonimo masso dal forte color ruggine e dal singolare aspetto di un pachiderma seduto. Dalla postazione è possibile assistere alla ormai famosa inversione da terra a asfalto considerata suggestiva e spettacolare.

Monte Ossoni Downhill – SS7/9 – 12,5 km dalla partenza
Area in prossimità della discesa panoramica della prova speciale di Castelsardo con una scenografica visuale sul Golfo dell’Asinara. Il panorama davvero emozionante fa di questa zona la tappa preferita di tutti i fotografi che cercano scatti memorabili. Sullo sfondo c’è il piccolo comune di Castelsardo a picco sul e una serie di salti in successione del percorso di gara.

Rinaggiu – SS10/12 – 0,2 km dalla partenza
L’Area Experience “Rinaggiu” si trova in prossimità della partenza della prova speciale di Tempio Pausania. Questa prova è da diversi anni tappa fissa del Rally Italia Sardegna e si rivela sempre molto insidiosa per avere caratteristiche tecniche completamente differenti dalle altre prove della giornata. La partenza situata all’interno del parco naturale alle porte della cittadina di Tempio Pausania è particolarmente interessante dal punto di vista tecnico.

Turrina’s Jump – SS11/13 – 5,0 km dalla partenza
Il “Turrina’s Jump” è un’area collocata in corrispondenza di una serie di salti considerati di elevata spettacolarità. Si trova sul percorso della prova di Tula, una speciale in versione rivisitata per questa edizione della manifestazione sarda: meno chilometri ma sempre affascinante soprattutto nella sezione dedicata a questa Area Experience.

Sa Mela – SS11/13 – 8,4 km dalla partenza
Altra area sulla prova speciale di Tula in versione “accorciata”. Si tratta di un’area già riproposta nelle scorse edizioni quindi collaudata e di sicuro successo. Offre un’ampissima visuale sulla fascia tagliafuoco dove è possibile ammirare le vetture impegnate in tratti in contropendenza che richiedono grande abilità di guida.

Coiluna’s Jump – SS14/16 – 2,8 km dalla partenza
Uno dei salti più lunghi e spettacolari di tutto il campionato del mondo rally è senza dubbio il Coiluna’s Jump. Proprio in corrispondenza di questo, sul percorso della prova speciale di Coiluna-Loelle, c’è un’area experience con accessibilità limitata a causa della trada accidentata, proprio per questo il consiglio è di muoversi con ampio margine per essere sicuri di arrivare in tempo.

Loelle Arena – SS14/16 – 19,5 km dalla partenza
La Loelle Arena, tappa diventata fissa per gli amanti del rally su terra, quest’anno propone due aree nella stessa Area Experience. All’esterno del percorso c’è un guado scenografico, all’interno del percorso invece si possono ammirare ampi traversi e un insidioso salto.

Monte Lerno’s Jump – SS15/17 – 0,5 km dalla partenza
La prova speciale del Monte Lerno ha scritto la storia del Rally Italia Sardegna. Una prova bella, dura, tecnica, persino temuta dai migliori rallisti. Icona della prova è senza alcun dubbio il Micky’s Jump o il salto di Monte Lerno, uno dei passaggi più suggestivi del RIS e di tutto il WRC. L’area Experience è proprio lì, dove gli spettatori trattengono il fiato vedendo le vetture “volare”.

Rena Majore – SS18/20 – 1,1 km dalla partenza
In questa edizione del Rally Italia Sardegna anche la prova speciale di Cala Flumini si propone con una inedita versione che fa la differenza per la sua alta componente tecnica. L’area Experience è collocata in un segmento di percorso con un lungo rettilineo pieno di dossi ed offre, senza alcun dubbio, un appassionante spettacolo.

Ebi Dozzi – SS19/21 – 5,9 km dalla partenza
Nella prova valida anche come “Power Stage” il paesaggio unico fa da sfondo alle vetture che sfrecciano a pochi metri dalla costa del mare. In questa edizione del Rally Italia Sardegna viene proposta l’area experience di Ebi Dozzi che emoziona gli spettatori con un’ampia visuale sulla discesa mozzafiato a cui segue una potente inversione delle vetture che si lanciano a tutta velocità sul tratto di scogliera.

Porto Palmas – SS19/21 – 4,7 km dalla partenza
Sempre nella prova speciale “Sassari-Argentiera” è ricavata un’altra area Experience, quella di Porto Palmas. L’area è caratterizzata dall’opportunità di assistere ad un doppio passaggio delle vetture in gara e dalla possibilità di avere una visuale anche sul traguardo di fine prova. Arricchisce il tutto la vicinanza alla spiaggia di Porto Palmas dove si celebra il podio della Power Stage. Sono soprattutto questi i motivi che hanno scatenato l’interesse per quest’area da parte degli spettatori delle ultime edizioni.

Le iniziative del Rally Italia Sardegna

Da sottolineare inoltre che quest’anno ci sarà un’attività ludico turistica ad Alghero con il villaggio della Coldiretti, e una presenza importante del Villaggio Sardegna, e che ci saranno anche una serie di attività legate alla speciale di Olbia, per festeggiare il 50° compleanno del mondiale rally, il 60° anniversario della Costa Smeralda ed il 150° della Pirelli.

Ci sarà anche l’importante ritorno di RIS Experience, con apposite aree privilegiate a pagamento previste per quegli spettatori che vorranno usufruirne, un’iniziativa che era già stata adottata con successo sino al 2019.

Infine, grazie al rinnovo dell’interessante accordo con la Grimaldi Lines, ci saranno ancora speciali agevolazioni molto convenienti con uno sconto del 30% sulle destinazioni di Olbia e Porto Torres sia per i concorrenti che per il pubblico che vorranno recarsi via nave in Sardegna per prendere parte o assistere alla gara. Il pubblico potrà usufruire delle speciali condizioni prenotando dal 1° aprile al 1° giugno 2022 per le partenze dal 23 maggio al 19 giugno nei collegamenti marittimi: Barcellona-Porto Torres, Livorno-Olbia, Civitavecchia-Porto Torres, Civitavecchia-Olbia. I team in gara godranno invece sulle stesse tratte di condizioni tariffarie dedicate ai loro staff, alle vetture e alle bisarche con cui raggiungeranno la Sardegna.