Monza: Ogier chiude il Day 2 al comando e vede il titolo

WRC, Sebastien Ogier: ”Occhio, non è ancora finita”

Saranno nuovamente gli asfalti della bergamasca e le speciali misto terra-asfalto dell’Autodromo Nazionale di Monza a decidere le sorti del WRC 2021. A giocarsi il titolo saranno nuovamente Sébastien Ogier e Elfyn Evans, per una battaglia tutta interna al team Toyota.

Il “lupo di Gap” arriva a Monza con 204 punti in classifica, frutto di quattro vittorie e di due terzi posti, a cui vanno aggiunti i piazzamenti nella top five in tutte le gare disputate ad eccezione dell’Arctic Rally disputato lo scorso febbraio a Rovaniemi. In numeri spiccioli, durante la stagione Ogier ha raccolto quattro vittorie (Monte-Carlo, Croazia, Italia-Sardegna e Kenya Safari), due terzi posti (Portogallo e Grecia), realizzando 38 scratch. Il sette volte Campione del Mondo sa che questo sarà il suo “ultimo ballo” iridato con il collega di sempre, Julien Ingrassia che si ritirerà a fine stagione.

“Questo sarà l’ultimo capitolo sportivo assieme a Julien, ma non sto pensando a questo. Il nostro obbiettivo è quello di affrontare questa gara dando il massimo come sempre, in maniera tale da concentrarci al massimo sui nostri due obbiettivi, ovvero la conquista dei due titoli. Certo, la situazione in classifica quest’anno è più favorevole rispetto allo scorsa edizione, ma non è ancora finita per la lotta per il titolo, dobbiamo restare concentrati. Abbiamo svolto una sessione di test molto buona in Italia, spero di iniziare il rally con il giusto ritmo e di poter lottare per portare a casa un buon risultato, tenendo sempre presente l’obbiettivo Campionato”.

A quest’ultima gara Sébastien Ogier ci arriva con 17 punti di vantaggio su Evans, così può diventare campione del mondo matematicamente se finisce nelle prime tre posizioni della gara a prescindere dal risultato di Evans. Ogier vince il Mondiale anche nei seguenti casi: se arriva quarto e prende un punto nella power-stage; se arriva quinto e prende tre punti sulla power-stage oppure arrivando in sesta posizione vincendo la power-stage. Con tutte queste combinazioni, il risultato di Evans sarà ininfluente. Il francese si porta a casa il titolo anche finendo due posizioni dietro il gallese.