Rally del Portogallo 2021

WRC, Rally del Portogallo: 100 team iscritti, è record

Un numero record di iscrizioni segna il debutto su sterrato delle nuove vetture ibride all’edizione numero 55 del Rally del Portogallo. Tra il 19 e il 22 maggio si svolgeranno 21 prove nel nord e nel centro del Paese e questa gara sarà il fulcro delle celebrazioni del 50° anniversario del WRC con un gruppo di piloti leggendari: Markku Alén, Marcus Grönholm, Carlos Sainz, Miki Biasion e Walter Röhrl, tra gli altri.

Con 100 squadre iscritte, tre campioni del mondo – Sébastien Ogier, Sébastien Loeb e Ott Tanak in gara – e i tre contendenti al titolo Mondiale – Toyota Gazoo Racing WRT, Hyundai Shell Mobis WRT e M-Sport Ford WRT – al via le aspettative sono alte per quanto riguarda il rally sponsorizzato da Vodafone. La gara segna il debutto sulla terra dei nuovi modelli Rally1, con tecnologia ibrida e carburante sostenibile.

Exponor, a Matosinhos, ospiteranno il centro operativo e il parco assistenza per le squadre partecipanti. Qui tutto inizia e finisce e qui i fan possono vedere da vicino i protagonisti del Vodafone Rally de Portugal. L’ingresso sarà gratuito. Il programma del Rally del Portogallo inizia giovedì 19 maggio, con lo shakedown, a Baltar, Paredes. I primi chilometri ufficiali su sterrato del nuovo WRC saranno anche l’ultima gara test che i piloti e i team avranno a disposizione per definire o correggere i settaggi.

Nella stessa giornata è in programma l’inizio delle ostilità del Rally del Portogallo, con la cerimonia di partenza e la super speciale a Coimbra. Una prima assoluta, a partire dalle 19:03. Una PS lunga appena tre chilometri, disegnato nel perimetro urbano della città di Mondego, che promette di regalare tanto spettacolo. È la prima volta che il programma di gara prevede tre super speciali, due delle quali urbane.

Il 20 maggio, venerdì, si svolgeranno quattro delle qualificazioni più emblematiche del centro del Paese: Lousã, Góis, Arganil e Mortágua. Successivamente, la carovana si dirige a nord, dove, nel tardo pomeriggio (19.03), è prevista la Lousada super speciale. In totale, 122,88 chilometri di sezioni, che aiuteranno a capire chi ha reali possibilità di vittoria.

Sabato 21 maggio le squadre affronteranno tre doppi passaggi attraverso le PS di Vieira do Minho, Cabeceiras de Basto e Amarante, quest’ultima con partenza da Mondim de Basto. La conclusione della giornata è attesa sulla Porto super speciale, a Foz, in programma alle 19:03. Un totale di 159,14 chilometri cronometrati sono la sfida di questa giornata.

Le prove, sempre spettacolari, della Fafe sono in programma per l’ultima giornata del Vodafone Rally de Portugal. Domenica i concorrenti affronteranno i tratti di Felgueiras, Montim e Fafe, per un totale di 58,22 chilometri. E, come negli ultimi anni, il secondo passaggio sulla Fafe speciale tornerà ad essere power stage.

In totale, l’edizione 2022 del Vodafone Rally del Portogallo prevede 21 prove, per una distanza totale di 1.535,35 chilometri, di cui 343,30 cronometrati. Il Vodafone Rally de Portugal è la quarta prova del calendario 2022 del Mondiale Rally.

Spettacolo nello spettacolo al Rally del Portogallo

Uno spettacolo all’interno dello spettacolo, questo promettono di essere le competizioni WRC2 (Open, Junior e Masters) e WRC3 (Open e Junior), che ancora una volta supportano la serie principale. Oltre alla validità per il Campionato Portoghese Rally (CPR), il Rally del Portogallo ha tanti motivi di interesse, tra cui l’obiettivo di conquistare lo status di miglior rally portoghese. Giocato esclusivamente durante la prima tappa (fino alla PS9 – Lousada Super Special), l’evento CPR riunisce i principali protagonisti di questa competizione, quindi è prevedibile un’aspra contesa per le prime posizioni.

Degne di menzione anche i trofei monomarca Peugeot Rally Cup Iberian e Toyota Gazoo Racing Iberian Cup, disputate rispettivamente con la Peugeot 208 Rally4 a trazione anteriore e la Toyota GR Yaris a trazione integrale.