Jari-Matti Latvala al Rally di Australia 2018

WRC: quattro auto a squadra subito e ibrido nel 2022

Anche il Mondiale Rally seguirà le tendenze del mondo automotive per quel che riguarda la tecnologia ibrida elettrificata: con la ratifica delle linee guida da parte del Consiglio Mondiale della FIA, è stata indicata la strada maestra verso la rivoluzione tecnica del 2022.

Dal punto di vista estetico, le vetture saranno aggressive e potenti come le conosciamo oggi, nella veste di WRC Plus. Ma il loro cuore pulsante sarà molto diverso rispetto a ora perché sulla scena farà il suo ingresso la tecnologia ibrida. In particolar modo, la FIA – grazie alla collaborazione dei costruttori – ha dettato uno standard ibrido elettrico uguale per tutti (sia hardware che software) che darà alle vetture 100 kW di potenza aggiuntivi. Il sistema ibrido sarà utilizzato solo nelle città o nelle Special Stage.

Novità anche nell’immediato: dopo l’improvviso ritiro della Citroen Racing dal campionato, il Mondiale Rally darà agli attuali team la possibilità di schierare – oltre alle tre ufficiali – anche una quarta vettura, affidandola a un team privato.

Questa non contribuirà alla raccolta dei punti per il campionato costruttori, ma potrebbe rappresentare l’opportunità per alcuni piloti di mettersi ugualmente in lotta per vittorie e, potenzialmente, per il titolo. Pare che ad approfittarne potrebbero essere subito sia Hyundai che Toyota, mentre M-Sport, alle prese con bilanci non felicissimi, continuerà a schierare solo due vetture.