Kalle Rovanpera

WRC, Nuova Zelanda: Rovanperä lancia la sfida a Tänak

Il pilota estone occupa una posizione di testa molto fragile con solo 0″2 di margine dal più diretto inseguitore, un distacco aneddotico rispetto al terreno e alle condizioni attese per la seconda tappa. Kalle Rovanperä non regalerà decimi di secondo a nessuno. Ben posizionato al quarto posto alla fine della prima tappa, pronto allo scatto in avanti…

Ancora una volta contro le Toyota GR Yaris Rally1, Ott Tänak ha lottato bene durante la prima tappa, senza commettere errori e diventando finalmente il più costante di tutti. Ma l’estone occupa una posizione di testa molto fragile con solo 0″2 di margine sul più diretto inseguitore, un distacco aneddotico rispetto al terreno e alle condizioni attese per la seconda tappa. Se vuole vincere, il pilota Hyundai dovrà alzare l’asticella e rischiare con la sua i20N Rally1 per giocarsi la vittoria fino alla fine. Perché Kalle non regalerà decimi di secondo a nessuno.

“È stata una giornata molto lunga con una sveglia molto mattutina e una notte finita tardi. In un certo senso, è stata una giornata normale. Le condizioni non erano brutte, almeno per noi, anche se alcune prove erano peggiori di altre. Questo pomeriggio abbiamo avuto forte pioggia ma a parte questo, va tutto bene. Le strade sono davvero divertenti, è bello guidarci, ma è difficile trovare il ritmo giusto. Serve fiducia nella macchina per prendere un buon ritmo e dobbiamo assolutamente cercare di migliorare. Sembra che il tempo peggiorerà molto, quindi quei decimi di secondo in più non significano nulla: dovremo vedere cosa succede nella seconda tappa”.

Kalle Rovanperä

Dicevamo che Kalle Rovanperä non regalerà decimi di secondo a nessuno. Ben posizionato al quarto posto alla fine della prima tappa, pronto allo scatto in avanti per prendersi il posto occupato da Ott Tänak, Kalle Rovanperä si ritrova in una situazione ideale al termine di questa prima giornata.

Intervistato al parco assistenza, il pilota Toyota si è detto soddisfatto della sua prestazione. Con due compagni di squadra davanti e un buon vantaggio rispetto ai suoi inseguitori, il leader del campionato può stare calmo e punta a giocarsi la vittoria.

“La pioggia ovviamente mi ha aiutato. La prima speciale di questa mattina è stata la più complicata della giornata. Durante la ricognizione, sembrava già essere la più difficile. È stato davvero complicato. Nel secondo passaggio, la terra si era leggermente compattata, quindi non è stato facile. Le condizioni sono cambiate molto. In alcune parti era asciutto e si scivolava molto e abbiamo perso tempo. In altre, si poteva recuperare tempo, quindi non è stato così male. Ma non era scontato nulla. Amo correre sotto la pioggia e abbiamo già fatto registrare dei bei tempi in queste condizioni. Penso che sia chiaro che cercheremo di rimanere in lotta per il successo finale”. Se non fosse chiaro lo ha detto.