WRC, MonteCarlo: Tanak non sbaglia e Ogier si difende

WRC, MonteCarlo: Tanak non sbaglia e Ogier si difende

Nessun errore per l’estone che ha concluso con un vantaggio di 3”3 su Kalle Rovanperä. Tänak, alla guida della Hyundai i20, ha vinto la prova speciale di 20,58 km da Saint-Disdier a Corps 3”0 davanti al giovane finlandese. Ha aggiunto altri 0”3 al suo vantaggio sui successivi 20,78 km di PS da Saint-Maurice a Saint-Bonnet, nonostante lo stallo in partenza.

Le condizioni nel test di apertura erano bagnate, ma il ghiaccio a chiazze all’inizio della fase successiva ha reso l’aderenza imprevedibile. Tuttavia, Tänak, come praticamente tutti gli equipaggi di testa, ha optato per pneumatici Pirelli con mescola asfaltata supersoft.

“Sembrava una partenza abbastanza semplice per il “Monte”, normalmente non siamo mai partiti di giorno e in queste condizioni costanti. Alla fine il primo non è stato così male ma il secondo, con tanti tagli e tratti fangosi, è stato impegnativo con molte sorprese”, spiega l’ex campione del mondo.

Rovanperä si è goduto una corsa senza problemi con la sua Toyota Yaris chiudendo la giornata a 5”2 dal compagno di squadra Elfyn Evans. Il gallese è stato quasi sorpreso su una curva scivolosa a destra nella PS1 e ha faticato a mandare in temperatura le gomme nella prima parte della PS2.

Thierry Neuville è quarto con l’altra i20, a 16” dal compagno di squadra. Il belga è copilotato da Martijn Wydaeghe, per la prima volta dopo la separazione con il compagno di lunga data Nicolas Gilsoul la settimana prima della gara. La coppia si è ambientata bene, nonostante i problemi di suono nell’interfono.

Sébastien Ogier ha iniziato a difendere il titolo dal quinto posto, a meno di un secondo da Neuville. Il francese ha avuto problemi intermittenti ai freni della Yaris, ma aveva quasi mezzo minuto su Dani Sordo, innervosito da uno strano rumore nella sua i20.

Pierre-Louis Loubet si è classificato settimo su una vettura simile, 25”1 dietro lo spagnolo, con il leader WRC2 Andreas Mikkelsen che è seguito dietro con la Skoda Fabia. Adrien Fourmaux è nono e Gus Greensmith, frustrato, solo decimo con la Ford Fiesta.

Takamoto Katsuta era appena fuori dalla top ten dopo aver fatto girare la sua Yaris in entrambe le PS. Teemu Suninen è stato il primo ritiro della gara (ne abbiamo parlato qui).