,

WRC Junior 2019, Rally Sweden: Enrico Oldrati tiene alto il Tricolore italiano

Enrico Oldrati con la Ford Fiesta R1

Inizia con un rally difficilissimo il nuovo Campionato del Mondo, WRC Junior 2019: il Rally di Svezia mette a dura prova i tredici iscritti provenienti da tutto il mondo. L’Italia è ben rappresentata da Enrico Oldrati, navigato da Elia De Guio, entrambi facenti parti dell’Aci Team Sport Italia, che portano all’esordio la nuova Ford Fiesta R2T denominata MK8.

Gara impegnativa per tutti gli equipaggi tanto che tutti i driver di punta sbagliano a ripetizione: fondo non particolarmente innevato, temperature alte e gomme in numero contingentato sono tutti elementi che portano molti ragazzi del WRC Junior ad uscire nella neve morbida e ripartire con il Super Rally.

Enrico, invece, con una condotta di gara attenta riesce ad evitare grossi problemi e, a parte un piccolo errore nella Power Stage che gli costa alcuni minuti per uscire da uno snow-bank grazie all’instancabile “compagnia della Spinta”, chiude la trasferta scandinava con una buona settima posizione che vuol dire sei punti nella classifica Junior.

Certamente non era questa la gara per Enrico dove fare bottino pieno. Fondo complicato e soprattutto molto strano a tratti più finlandese che svedese: a ciò si aggiunga che le piccole due ruote motrici transitano in prova dopo i mostri a quattro ruote trovando le strade segnate con sassi, buche e rotaie dove basta un attimo per uscire dalla linea e trovarsi in un cumulo di neve. Bene, quindi, aver visto il traguardo senza interruzioni e facendo segnare alcuni tempi di tutto rispetto come il sesto nella PS13.

Enrico ci spiega anche che “La nuova Fiesta ha incrementato notevolmente le prestazioni, grazie al nuovo turbocompressore è molto più fluida e veloce; sembra una R5 in piccolo, una vera macchina da gara; complimenti alla M-Sport” e conclude dicendo “Torniamo a casa con punti che all’inizio ci sembravano difficili da poter conquistare, ma soprattutto con tanta esperienza in più che ci servirà in futuro. Ci vediamo al Tour de Corse su un fondo a noi più amico”. Il WRC Junior va a Tom Kristensson, pilota di casa, che riesce a primeggiare con tranquillità dopo le uscite di Radstrom e di Sesks, davanti all’estone Poom Roland e allo spagnolo Jan Solans, fratello di Nil.