La guida: percorso e programma del Rally di MonteCarlo

WRC: il Rally di MonteCarlo rischia di saltare

Aumentano i casi di coronavirus nel Principato di Monaco, che al momento vive tra semi lockdown e coprifuoco e che deve decidere se è possibile fare ripartire le attività sportive o continuare a tenere bloccate anche quelle. Nella giornata del 8 gennaio sono stati registrati altri ventitré casi di positività al coronavirus con il bilanco che sale a 1.041 persone colpite dal Covid dall’inizio della crisi sanitaria.

Sono 26 i pazienti ricoverati all’ospedale Principessa Grace, di cui 8 in terapia intensiva. Si registra anche un morto, un uomo di 82 anni ma anche 21 guarigioni, che portano il totale di persone guarite a 814. Sono infine 145 le persone seguite dal Centro di Monitoraggio Domestico. Questa situazione crea allarme in una comunità piccola come quella monegasca che dovrebbe aprirsi al mondo per alcuni giorni.

Per quanto riguarda la tappa di apertura del WRC 2021, il Rally di Montecarlo previsto per il weekend del 21-24 gennaio, la situazione è critica. La giunta regionale di Gap ha dato il nulla osta alla manifestazione. Tuttavia il governo francese avrà la possibilità di confermare o meno la decisione.

Il prossimo 13 gennaio si riunirà il Consiglio per la Difesa e la Salute, che metterà al vaglio, al netto della situazione sanitaria, se riaprire alle attività sportive (e quindi anche al rally) o meno. Un Mondiale Rally che sicuramente non parte con i migliori auspici, ma speriamo si sappia riprendere nell’arco della stagione.