WRC, Estonia: Rovanperä allunga, foratura per Lappi

Il sabato mattina in Estonia si apre nello stesso modo in cui si era chiusa la giornata di ieri, col dominio incontrastato di Kalle Rovanperä e del suo navigatore Jonne Haltunnen. L’equipaggio finlandese sulle veloci e umide strade baltiche mette in mostra tutta la sua classe, vincendo tre speciali (su quattro disputate) e allunga ulteriormente il suo vantaggio sul compagno di squadra Elfyn Evans.

Il gallese c’è da dire che sta provando in tutti i modi a tenere testa al veloce compagno di squadra, ma Kalle ha dalla sua quel qualcosa in più che sta facendo la differenza in una gara con prove molto veloci, dove il set-up e le giuste regolazioni della vettura possono dare quel secondo in più che poi fa la differenza. Il gap tra i due a metà rally è di quasi 20” (19”1 per l’esattezza).

Alle spalle del duo Toyota, troviamo i due alfieri Hyundai Motorsport, che distacchi alla mano, sono nella cosiddetta “terra di nessuno”, con Ott Tänak terzo assoluto e staccato di quasi un minuto dal leader e Thierry Neuville quarto, attardato di 1’50” dal finlandese. La top five è completata da Takamoto Katsuta, il quale dopo un’avvio soft nella giornata di ieri e riuscito a far segnare tempi più in linea con il suo passo. Questo gli ha permesso di sopravanzare il francese Adrien Fourmaux, ora sesto assoluto e primo dei piloti M-Sport.

Una foratura con conseguente cambio gomme sulla SS12 ha fatto precipitare al settimo posto Esapekka Lappi, stessa sorte occorsa al britannico Gus Greensmith (Puma rally1) che al contrario del collega finlandese ha perso una sola posizione scendendo dall’ottava alla nona, permettendo al francese Pierre-Louis Loubet di recuperare una posizione . La top ten è chiusa da Andreas Mikkelsen, che occupa anche la prima posizione di WRC2 Open. Tra gli Junior comanda Marco Bulacia, mentre nel WRC2 Masters comandano in solitaria i nostri Mauro Miele e Luca Beltrame.