Rally Nuova Zelanda

WRC con soli 29 iscritti in Nuova Zelanda, ma c’è Bertelli

Elenco povero di iscritti per la gara neozelandese, spicca il ritorno di Ogier e il debutto sulle rally1 di Bertelli. Nel WRC2 sfida tra Kajto e il padrone di casa Paddon.

Saranno 29 gli iscritti che si sfideranno in Nuova Zelanda per il ritorno della gara nel Mondiale Rally dopo un’assenza di 10 anni. Un elenco che rispetta pienamente le attese con pochissime sorprese, le più interessanti sono sicuramente il debutto al volante di una Rally1 del nostro Lorenzo Bertelli e le presenze nel WRC2 Open del polacco Kajto e del tedesco Armin Kremer.

Di questi 29 iscritti 11 saranno al via nella categoria Rally1. Molta curiosità per il debutto assoluto in terra neozelandese di Kalle Rovanpera, che statistiche alla mano sarà anche l’unico finlandese al via del rally, che spera di arrivare a Auckland da campione del mondo. Ad affiancare il driver classe 2000, ci saranno il britannico Elfyn Evans, il nipponico Takamoto Katsuta e soprattutto Sébastien Ogier, che torna a correre in Nuova Zelanda a 12 anni dal secondo posto ottenuto nel 2012.

Nessuna sorpresa, almeno per ora, in casa M-Sport che conferma il francese Adrien Fourmaux. Ricordiamo che il transalpino, salterà il Rally di Grecia in programma questo fine settimana per via dell’impossibilità (così come comunicato dal team) da parte del team di riparare la vettura, seriamente danneggiata al Ypres Rally. M-Sport porterà in Nuova Zelanda quattro Puma Rally1, oltre a quella sopracitata per Fourmaux, le altre saranno portate in gara da Craig Breen, Gus Greensmith e dal debuttante al volante di una Rally1 Lorenzo Bertelli. In casa Hyundai Motorsport si è deciso di puntare sulla stessa formazione vista al recente Ypres Rally, dunque, con Ott Tänak , Thierry Neuville e Oliver Solberg che difenderanno i colori del team coreano in questa trasferta agli antipodi.

Dodici saranno i contendenti che si giocheranno la vittoria nel WRC2 Open con pronostici che vedono un duello tra Kajetan Kajetanowicz e Hayden Paddon. Il polacco sta percorrendo una strada tutta sua per vincere il titolo, quella di partecipare alle gare extra europee che assegnano punti “facili” rispetto a quelle sul suolo Europeo, dove la concorrenza è sicuramente più forte. Ma, sulle bianche strade di Auckland non avrà vita facile per via della presenza dell’idolo di casa Hayden Paddon, che venderà cara la pelle. Nel WRC2 Masters da segnalare la presenza del tedesco Armin Kremer, al via con la Citroen C3 Rally2.