,

WRC, AC Monaco spiega il tetto dei 70 iscritti

Dopo le numerose critiche (soprattutto in Francia) l’Automobile Club Monaco ha spiegato il motivo del tetto di iscritti al Monte-Carlo 2024

Di fronte alle tantissime critiche arrivate da ogni dove per il tetto dei 70 iscritti al Rally Monte-Carlo, AC Monaco ha deciso di uscire finalmente allo scoperto, giustificando i motivi di questa scelta. A spiegare le motivazioni è stato Eric Barrabino, Direttore del rally, che ha giustificato il ridotto numero di vetture al via con gli spazi limitati nel parco assistenza di Gap.

“I nostri uffici hanno ricevuto 112 domande di iscrizione, di cui 93 in regola con i criteri stabiliti. Purtroppo di queste 93 richieste, 23 sono state scartate. Dover scartare degli equipaggi per chi organizza non è cosa da fare alla leggera, credeteci. Non voglio entrare nei dettagli del grattacapo che rappresenta il dover selezionare oppure no un equipaggio, ma per far questa scelta sono entranti in gioco una marea di fattori che hanno permesso ad una ventina di equipaggi regionali di poter competere contro i migliori piloti al mondo. Purtroppo, questa scelta ha reso felice alcune persone e ne ha scontentate altre – spiega Eric Barrabino Il nostro obbiettivo è quello di trovare una superficie di oltre 30’000 mq per poter aumentare il numero di equipaggi ammessi alla gara, in maniera tale da non dover più escludere nessun equipaggio”.