Non perderti nessuna notizia sulle corse di velocità in salita. Entra e scopri le news sulla tua tipologia di competizione preferita.

CIVM 2020, nuovo calendario gare: si riparte a fine luglio

Sono 8 le gare che compongono il CIVM 2020, tutte con validità anche per il Trofeo Italiano Velocità Montagna, suddiviso nelle zone nord e sud, ad alcune gare è riconosciuta anche la validità per il Campionato Italiano “Le Bicilindriche”, specialità dedicata alle energiche vetture che animano il Tricolore Salita, con 6 gare, e quello pista con 5, che avranno in comune la prova sul circuito pugliese di Binetto dell’11 ottobre e quella conclusiva della salita a Luzzi del 15 novembre.

Dunque, a poco più di un mese dal prestigioso appuntamento dell’8 e 9 agosto prossimi sulla “montagna dei Bellunesi”, la Giunta Sportiva ACI approva il nuovo calendario del Campionato Italiano Velocità Montagna 2020 e la classica competizione automobilistica, organizzata da Tre Cime Promotor, si ritrova fra gli appuntamenti che concorreranno ad assegnare il titolo tricolore del CIVM 2020. Per l’Alpe del Nevegal e il sodalizio presieduto da Achille “Brik” Selvestrel la promozione era nell’aria da tempo, vista la situazione creatasi con lo stop forzato conseguente all’emergenza sanitaria COVID-19; ora, con il via libera di ACI Sport, ha assunto i crismi dell’ufficialità.

Il CIVM 2020 inizierà a Belluno, nel fine settimana del 9 agosto, per la Alpe del Nevegal, che dopo le edizioni 2018 e 2019 si conferma nel calendario tricolore per il terzo anno consecutivo. Due settimane più tardi, il 23 agosto, ci sarà la tappa umbra del 55° Trofeo Luigi Fagioli, a Gubbio. Il 30 agosto si svolgerà la Svolte di Popoli. Gli altri appuntamenti sono previsti il 13 settembre la Alghero-Scala Piccada; il 4 ottobre la Cividale-Castelmonte; il 18 ottobre la Monte Erice, a Trapani; il 25 ottobre la Salita Monti Iblei, in provincia di Ragusa; chiusura il 15 novembre la Luzzi-Sambucina, a Cosenza.

La Giunta Sportiva ACI non si è limitata a rimodulare il calendario della maggiore serie tricolore: le nove gare CIVM hanno mantenuto anche la validità per il Trofeo Italiano Velocità Montagna. Inoltre è stato approvato il Trophy Track Climb Mixed, il nuovo trofeo da conquistare tra salita e pista, riservato alle zone Nord, Centro e Sud. Il TTCM è dedicato soprattutto ai piloti che desiderano partecipare agli eventi più vicini e potranno sfidarsi oltre che nella gare di Velocità Montagna della propria zona, anche in gare su pista, sempre con la modalità della partenza singola, che saranno tre per ciascuna zona d’appartenenza.

In realtà, la gara inaugurale sarebbe dovuta essere la Trento-Bondone, che l’organizzatore aveva già annullato in precedenza, salvo poi, evidentemente ripensarci per poche ore, visto che subito dopo la comunicazione ufficiale di Aci Sport sui calendari sportivi 2020, l’organizzatore ha comunicato che la gara trentina “è stata annullata. La gara organizzata dalla Scuderia Trentina e dall’AC Trento non si svolgerà dal 24 al 26 luglio, come da calendario di Campionato Italiano Velocità Montagna rimodulato, ma l’edizione numero 70 da appuntamento al 2021”.

Fiorenzo Dalmeri si è detto deluso dalla mancata concretizzazione di un lavoro durato mesi: “Sono costretto a comunicare che purtroppo devo cancellare la Trento Bondone 2020. Abbiamo lottato fino al ultimo ma lanciamo oggi, nella giornata che avrebbe visto le verifiche nella data originale, un triste arrivederci al 2021. Purtroppo le autorità locali hanno temuto di autorizzare delle occasioni di possibili assembramenti data l’importanza ed il forte richiamo dell’evento.”. Gli organizzatori hanno anche annunciato che è già iniziato il lavoro per l’edizione del prossimo anno ed è stata avanzata anche la data del primo week end di luglio.

Simone Tempestini è la sorpresa di Cheile Gradistei

Gara bagnata gara fortunata. Almeno sembra essere è stato per la ripresa delle attività automobilistiche della Romania con la bella gara di Cheile Gradistei, che ha regalato spettacolo con una prima manche baciata dal sole e una seconda manche con la pioggia, che ha reso viscido il percorso e ha regalato tantissimo divertimento. Alla fine, il vincitore è stato colui che ieri aveva battuto il proprio precedente record del tracciato, Emil Nestor, ma la sorpresa (non per noi) è stato il “nostro” Simone Tempestini, in gara solo per togliere la ruggine.

Emil Nestor è per il secondo anno consecutivo recordman del tracciato e vincitore della prima gara del Campionato Rumeno di Velocità in Salita, la Coasta de la Cheile Gradistei. Simone Tempestini ha approfittato della pioggia caduta a dirotto nella seconda manche per mettere a frutto la sua esperienza di rallysta. E infatti è finito secondo assoluto. Altra grande sorpresa è Radu Benea, che ha completato il podio. Benea è solo al secondo anno di gare, dopo il debutto nel 2019.

Simone Tempestini è la sorpresa di Cheile Gradistei
Simone Tempestini è la sorpresa di Cheile Gradistei

CIVM in bilico: Trento molla, a Gubbio si lavora

CIVM sempre più in bilico e organizzatori sempre più spaccati. Gli organizzatori della Trento-Bondone gettano la spugna e annullano l’edizione 2020 della gara, mandano su tutte le furie gli albergatori e le strutture turistiche che auspicavano invece nella famosa e prestigiosa competizione, richiamo per piloti di tutta Europa, per riuscire a rifarsi della crisi che fino ad oggi gli aveva bruciato almeno tre mesi di mancati incassi. Intanto, si segnala che in Romania le cronoscalate sono ripartite.

“La delusione è tanta. È inutile nasconderlo. Abbiamo lavorato sottotraccia per molte settimana per cullare un sogno che è svanito. Oggi abbiamo avuto la conferma che la Trento-Bondone 2020 non si disputerà. Ha vinto il Covid virus e hanno perso il nostro sport e il Trentino. La più antica gara automobilistica al mondo di cronoscalata in montagna quest’anno rimarrà ai box. Come è successo poche volte dalla sua nascita…”, dicono gli organizzatori della principale gara di velocità in salita del Nord Est.

“Sono deluso come cittadino, come trentino e come appassionato di motori – aggiunge scorato Fiorenzo Dalmeri – perché abbiamo perso una grande occasione. Con l’edizione 2020 avremmo conquistato, tra l’altro, un ulteriore record storico da affiancare a quelli già accumulati negli anni dalla nostra competizione automobilistica: Trento e il Monte Bondone avrebbero ospitato la prima competizione automobilistica in assoluto dell’anno in Italia e quasi sicuramente d’Europa, se si esclude la F1”.

Si lavora per organizzare il Trofeo Luigi Fagioli 2020

Nonostante il CIVM 2020 sia in bilico, si registra la lodevole volontà degli organizzatoti eugubini. A Gubbio sono iniziati i preparativi per lo svolgimento del 55° Trofeo Luigi Fagioli. Il Comitato Eugubino Corse Automobilistiche ha ripreso l’attività dopo il forzato stop imposto dalle restrizioni legate alla diffusione del covid-19 ed è al lavoro sull’edizione 2020 della classica cronoscalata umbra.

Organizzata dal comitato presieduto da Luca Uccellani, sotto l’egida di ACI Sport e in collaborazione con il Comune di Gubbio, la gara è valida per il Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM) ed è in programma nel weekend del 21-23 agosto lungo il tracciato di 4150 metri che dalle porte della città medievale sale a Madonna della Cima attraverso la Gola del Bottaccione.

Viste le attuali disposizioni, il comitato organizzatore predisporrà quanto necessario affinché l’evento si tenga nel pieno rispetto delle normative anti covid-19 e dei protocolli sportivo-sanitari richiesti. Una delle più importanti variazioni riguarderà la collocazione del paddock, che sarà necessariamente spostato dall’usuale ubicazione della zona intorno al Teatro Romano a quella circostante lo stadio “Pietro Barbetti” per il fatto che dovrà essere un’area protetta e accessibile ai soli piloti e addetti ai lavori.

Al momento la disputa delle manifestazioni sportive è prevista a porte chiuse e gli organizzatori della cronoscalata eugubina proseguiranno il confronto con istituzioni e federazione per adottare ed eventualmente aggiornare tutte le misure previste, con l’auspicio che la situazione sanitaria legata alla diffusione del covid-19 continui a migliorare.