Tosi-Del Barba con la Skoda Fabia R5

Tosi resta nell’IRCup e mette il podio nel mirino

Il pilota reggiano, quarto alla fine della passata edizione della serie, si riproporrà ai nastri di partenza del campionato per cercare di migliorare il piazzamento del 2019.

Gianluca Tosi vara l’operazione zona medaglie. Il pilota di Carpineti sarà ancora una volta tra i protagonisti della International Rally Cup e quest’anno l’obiettivo sarà quello di agganciare quel podio finale mancato per pochi punti (appena cinque) lo scorso autunno.

Un target ambizioso – soprattutto se davvero dovessero essere al via i vari Re, Porro, Sossella, Razzini e Bernardi, tra gli altri – ma certamente non al di fuori della portata dell’alfiere di Movisport. Il 2019 ha infatti mostrato un Tosi decisamente tonico, capace di veleggiare nelle zone alte delle classifiche (pur se con un passo non sempre costante) nonostante fosse alla sua prima stagione al volante di una vettura a quattro ruote motrici.

A consolidare i propositi dell’emiliano è la conferma dei tasselli che hanno consentito a Tosi di vivere la positiva stagione scorsa: questo significa che Gianluca sarà come sempre affiancato dal suo storico navigatore Alessandro Del Barba e correrà con un team, Gima, con il quale il rapporto di collaborazione va avanti da parecchi anni; la vettura sarà sempre la Skoda Fabia (R5), auto con la quale il rallysta reggiano ha dimostrato di trovarsi più che bene. Non ultimo, gli pneumatici Pirelli – come sempre un must, per chi disputerà l’IRCup – non hanno ormai più segreti per equipaggio e team.

Le carte in regola per ben figurare, insomma, ci sono. E Tosi  ne è perfettamente consapevole: “Riparto con l’obiettivo di migliorare il risultato dello scorso anno – sorride sornione il carpinetano, in azione nella foto di Dino Benassi -, pur nella consapevolezza che, per farcela, dovremo confezionare una stagione pressoché perfetta. Ma la fiducia nel team e nel mio navigatore, la buona esperienza maturata sulla Fabia lo scorso anno e la conoscenza delle cinque gare che compongono il campionato m’infondo grande fiducia. L’ideale sarebbe cominciare l’IRCup con un risultato importante nella nostra gara di casa, l’Appennino Reggiano, gara nella quale lo scorso anno abbiamo chiuso terzi assoluti. Sono molto curioso di scoprire i valori in campo in un campionato che, storicamente, vede in azione diversi piloti dal piede decisamente pesante…”.