Pierucci, Coppa Città di Pistoia

Tornano le storiche al Coppa Città di Pistoia

Un’attenzione particolare alle vetture storiche perché danno lustro e prestigio alla competizione. Questa è l’idea di Pistoia Corse Sport, insieme all’Automobile Club Pistoia, per il 42° Rally Città di Pistoia in programma per il 2 e 3 ottobre, ultima prova della Coppa Rally di Vi zona (coefficiente 1,5), che propone per il terzo anno consecutivo il proprio rally “historic”, denominato “Coppa Città di Pistoia” oltre all’iniziativa non competitiva “All Stars”.

Proprio per incentivare l’arrivo delle vetture storiche, veri e propri argomenti di storia sportiva, Pistoia Corse Sport ha deciso di offrire uno sconto del 20% sulla tassa di iscrizione per coloro che si iscriveranno alla gara storica.

Sotto l’aspetto sportivo vi sono conferme ed anche novità insieme, con tre diverse prove speciali da ripetere due volte in un tracciato che si ispira alla tradizione. La prima sfida sarà la “Sarripoli” (Km. 9,270), rivista nella parte iniziale rispetto all’ultima occasione di due anni fa, poi viene confermata la “San Baronto” (km. 6,460), nella versione classica ma accorciata nella parte finale ed è invece riproposta la prova di “Berso” (la più lunga della gara, con 14,940 Km.), che fu proposta l’ultima volta nel 2014. Questa parte dalla omonima località di Berso e termina a Castagno nei pressi della SP 17.

In totale la gara, interamente alla domenica, conta 203,290 chilometri, dei quali 61,340 di prove speciali.

La logistica viene confermata come nel 2020 nella zona industriale di “Sant’Agostino”, al fine di seguire le norme previste dai protocolli sanitari: verifiche e quartier generale saranno di nuovo alla Concessionaria FCA “Brandini”, poco lontano vi sarà allestita la zona di partenza/arrivo, ubicata adiacente al PalaCarrara (in prossimità anche del Parco di Assistenza) ed i riordinamenti saranno alla BFM utensileria, sempre nella zona industriale.

Il Rally Città di Pistoia 2021 non prevede, allo stato attuale delle normative dettate dal protocollo sanitario federale, presenza di pubblico lungo le prove speciale ed anche i luoghi sensibili come partenza/arrivo, riordinamenti e parco assistenza saranno accessibili esclusivamente agli addetti ai lavori, registrati secondo nel norme anti-contagio.