Thierry Neuville riflette sul successo di Ypres

Primo successo stagionale per Thierry Neuville che sulle strade di casa di Ypres ha firmato un weekend praticamente perfetto, tornando alla vittoria che gli mancava dal lontano gennaio 2020. In conferenza stampa il pilota belga ha espresso tutta la sua felicità per la vittoria conquistata che lì permette di agguantare Elfyn Evans al secondo posto in classifica generale.

“Sono felice! Tutti si aspettavano da noi un risultato di prestigio, oppure la vittoria, quest’ultima è sempre stata il nostro obbiettivo fin dalla vigilia del rally. Ho avuto il controllo del rally fin dalle prime battute, questo mi ha messo subito a mio agio permettendomi di gestire il ritmo di gara. Avrei potuto imprimere un ritmo maggiore, ma non è stato necessario. Avevo paura di poter commettere qualche sciocchezza, la quale mi avrebbe impedito di portare a casa la vittoria”.

“Questo risultato è molto importante per l’intero Team perché ci tiene in gioco in entrambi i campionati, quindi posso dire che è stato un fine settimana positivo. Abbiamo recuperato punti a Séb e Elfyn e anche in ottica Costruttori. Ho avuto l’onore di ricevere il trofeo del vincitore della mani di Jacky Ickx ed è stato emozionante. Ci conosciamo da dieci anni, spesso ci scambiamo messaggi. L’ultimo è stato sabato sera quando mi ha mandato delle emoji con delle fiamme, gli ho risposto: ci vediamo domani”. Domenica per chi legge.

Detto questo Thierry Neuville sposta il suo discorso sul suo debutto a Spa e si complimenta con gli organizzatori della gara: “Come prima cosa vorrei fare un grosso plauso agli organizzatori. Era la prima volta per loro nel WRC e hanno svolto un’ottimo lavoro. Le prove mi sono piaciute molto, mi sono divertito a guidare la macchine su queste speciali. Alla fine è stato un bel fine settimana. Correre a Spa, sul circuito più bello del mondo con una vettura WRC mi è piaciuto moltissimo. La parte dentro il circuito mi lo particolarmente apprezzata, il grip era veramente molto alto e bisogna sapersi adattare, in più le nostre vetture sono molto flessibili e alte (come assetto) è questo ti da l’effetto di planare ad alte velocità. E’ stato molto divertente”.

In chiusura la dedica al suo nuovo co-equiper Martijn Wydaeghe, vincitore di un’evento del WRC per la prima volta. “Tutti pensavano che la nostra stagione potesse essere complicata dopo il tardivo cambio di navigatore effettuato alla vigilia del Rallye Monte-Carlo – conclude Neuville -. Martijn è arrivato super motivato è sta svolgendo un’ottimo lavoro. Mi sono accorto della sua professionalità fin dai primi chilometri assieme, stiamo bene assieme nell’abitacolo. A volte mi dà una mano nella preparazione della gara, questo è molto importante, è una gran bella cosa. Sono nel mondo dei rally da molto tempo e a volte hai delle abitudini ed è bello imparare cose nuove e nuovi modi di pensare. Mi piace e mi fa sentire di nuovo più giovane. Sembra funzionare”.