,

Targa Florio: incidente diplomatico risolto con Somaschini-Arena

somaschini

Quanto accaduto in Sicilia a Somaschini-Arena, se non fosse stato corretto con le scuse ufficiali dell’organizzatore, avrebbe rappresentato una prima volta, ma alla base di tutto c’era certamente un involontario errore commesso dai membri dell’organizzazione della Targa addetti alle premiazioni.

Soddisfazione e felicità erano le emozioni visibili sui volti dei tifosi accalcati attorno alla Citroen C3 Rally2 numero 22 di Rachele Somaschini e Nicola Arena in piazza Duomo a Termini Imerese. Come consuetudine, infatti, Rachele Somaschini e Nicola Arena a fine gara erano circondati dai tanti tifosi ed erano pronti ad essere omaggiati da lì a pochi minuti sulla pedana di arrivo della 108ª Targa Florio.

Somaschini-Arena aspettavano solo di poter salire in pedana per ritirare il trofeo riservato alla vincitrice della Coppa Aci Femminile del Campionato Italiano Rally, classifica che li aveva visti assoluti dominatori con nove miglior tempi su nove prove speciali disputate e ben due minuti e mezzo di vantaggio sul primo equipaggio inseguitore formato dalla brava Arianna Doriguzzi con Elena Sica, che a differenza di Rachele e Nicola sono un equipaggio interamente femminile e se esiste un’ulteriore sottoclassifica di una sottoclassifica di una classifica, allora sarebbero il primo equipaggio femminile al traguardo.

Sottolineiamo questo “bizantinismo” perché questa differenza è, probabilmente, alla base di un clamoroso equivoco avvenuto nel contesto delle premiazioni finali della gara, che ha generato una polemica prontamente spenta dagli organizzatori con delle scuse ufficiali e che, per dovere di cronaca e completezza di informazione, vi raccontiamo di seguito. Cominciamo dall’inizio, dalle parole di Rachele Somaschini, pilotessa tenace e testarda ma sempre umile e sorridente.

“Correre in Sicilia è sempre un’ emozione unica. L’affetto degli appassionati siciliani e dei tifosi della Targa Florio è qualcosa di unico e noi abbiamo dato il massimo per onorarlo, facendo una gara in crescendo. Festeggiare sul podio alla fine di una buona prestazione è per tutti i piloti il coronamento di uno sforzo e la condivisione di una grande soddisfazione, e ci è stato ingiustamente negato – spiega molto rattristata Rachele, che un “pezzo” di quella meravigliosa Sicilia da rally voleva giustamente portarselo a casa –. Quello che è successo sul palco di arrivo del Targa Florio da questo punto di vista è stato deludente, non solo per me, ma per tutto il team che lavora tantissimo e per gli sponsor che ci permettono di correre. Comunque e la nostra vittoria (sua e di Nicola Arena, ndr) rimane e, a modo nostro, abbiamo festeggiato lo stesso, seppur con un bel mazzo di fiori. Per correttezza, devo anche informare tutti del fatto che, poi, lunedì 13 maggio sono arrivate le scuse ufficiali da parte dell’organizzatore per quanto accaduto. Sicuramente, un gesto che ho molto apprezzato. Mi auguro che quanto successo a noi, serva almeno ad evitare il ripetersi di situazioni spiacevoli come questa in futuro”.

Somaschini-Arena, Targa 2024
Somaschini-Arena, Targa 2024

Per fare chiarezza, abbiamo visionato il regolamento particolare di gara della Targa Florio non trovando nessun punto avente come oggetto il metodo di composizione della classifica Femminile, pertanto abbiamo ricercato dapprima nel RDS Campionato Italiano Rally e successivamente nelle Norme generali Rally 2024 dove da pagina 102 a pagina 106 vengono normati i Campionati, Trofei e Coppe Aci-Sport Settore Rally 2024. Al punto 1 si legge: “Le Coppe Femminili sono riservate ai primi conduttori di sesso femminile. Nel caso in cui il secondo conduttore non sia di sesso femminile dovrà produrre una dichiarazione che non potrà condurre la vettura in qualsiasi fase della gara”. Dunque, la regola (che prima esisteva) che richiedeva un equipaggio totalmente femminile è stata abrogata alla fine del 2019.

Quanto accaduto in Sicilia, se non fosse stato corretto con le scuse ufficiali, avrebbe rappresentato una prima volta, ma alla base di tutto c’era certamente un involontario errore commesso dai membri dell’organizzazione della Targa addetti alle premiazioni, perché ad onor del vero l’anno prima non c’erano stati problemi nel premiare Arianna Doriguzzi, per l’occasione affiancata da Simone Crosilla.

Restano le foto ufficiali di una premiazione sbagliata sul podio e il trofeo dato all’altro equipaggio. Ma Rachele ricorderà certamente che, nel 1980, a Dario Cerrato, ad esempio, fu tolta quasi inspiegabilmente la vittoria assoluta del Rally Elba, dopo le premiazioni di rito e la foto uscita su Autosprint del martedì successivo. La vittoria fu poi assegnata ad Adartico Vudafieri. Questo per dire che nella carriera di ogni grande pilota c’è un ricordo che “brucia”, ma che può essere da stimolo per fare meglio. La Somaschini, che condivide l’abitacolo con Arena dal 2020, ha ottenuto 24 vittorie nella Femminile con un navigatore al suo fianco, l’ultima meno di un mese fa sugli asfalti di Alba secondo appuntamento del Campionato Italiano Rally, lo sa bene.

Le classifiche ufficiali del Rally Targa Florio, pubblicate alle 20 di sabato 11 maggio, vedevano regolarmente classificato l’equipaggio numero 22 e le classifiche di campionato pubblicate nella mattinata di lunedì 13 maggio assegnano punteggio pieno alla pilota milanese. Insomma, tutto è bene quel che finisce bene.