Articoli

Corrado Pinzano sbroglia il Gomitolo di Lana

Corrado Pinzano per far sua la decima edizione della Ronde Gomitolo di Lana ha dovuto combattere innanzi tutto contro l’influenza che lo ha debilitato nei giorni di gara. Affiancato da Mario Cerutti, il pilota biellese della New Driver’s Team ha fatto appello a tutta l’adrenalina che aveva in corpo per vincere tre delle quattro prove speciali e riuscire a superare con la sua Volkswagen Polo R5 i cuneesi Alessandro Gino-Marco Ravera, che hanno pagato la minor conoscenza del percorso, essendo alla loro prima esperienza sulla speciale di Curino e una maggior rigidità della loro Ford Fiesta WRC, che non si è espressa al massimo specie nel primo passaggio sull’asfalto umido del mattino.

L’equipaggio cuneese ha migliorato di prova in prova al Gomitolo di Lana e quando le condizioni del fondo sono leggermente migliorate si è saldamente piazzato alle spalle del battistrada approfittando anche di una foratura occorsa nel corso del terzo passaggio al valdostano Elwis Chentre, affiancato da Andrea Canepa sulla Skoda Fabia R5. Quasi quattro minuti persi e addio ai sogni di gloria per il pilota valdostano precipitato dalla seconda alla quindicesima posizione.

Terzo gradino della gara biellese del podio per Mattia Pizio-Monica Rubinelli, Skoda Fabia, regolari nelle prestazioni che hanno permesso loro di portare a casa un risultato di prestigio dopo il beffardo ritiro del Rally Lana di Luglio. Il giovane pilota ossolano le ha tentate tutte per conquistare la medaglia d’argento e, nonostante il miglior tempo nell’ultimo tratto cronometrato ha “dovuto” accontentarsi della terza piazza.

A ridosso del podio chiude un ottimo Sergio Bruni, affiancato da Massimiliano Rolando, autore di una buona prestazione, considerando che era la prima volta che usava la Skoda Fabia per di più su un fondo umido ed insidioso in particolare nella prima speciale del mattino. Il giovane pilota ossolano è riuscito, con tempi di assoluto rilievo, a tenere dietro il più esperto Ilario Bondioni in coppia con Sofia D’Ambrosio quinti con la loro Skoda Fabia R5.

Il portacolori della New Turbomark ha approfittato dell’occasione per effettuare test in vista della prossima stagione ed infatti i tempi, molto diversi in ogni passaggio, ne sono la testimonianza. Simone Fornara-Enrico Brovelli, Volkswagen Polo R5, hanno chiuso la sestina dei migliori in una gara caratterizzata dal netto predomino delle vetture di Classe R5 (undici alla partenza) che hanno occupato tutti i primi otto posti della classifica assoluta, con la sola inclusione della Fiesta WRC di Gino-Ravera, la vettura sulla carta più potente del lotto.

Alle spalle delle inavvicinabili Skoda R5 – settimi Boetto-Mantovani, ottavi Tavelli-Gatto – in nona posizione ha chiuso il re dell’autocross Michele Andolina affiancato da Leo Moro, assoluto dominatore della Classe S2000 con la sua Peugeot 207.
A chiudere la Top Ten Diego Martinelli-Ermes Bagolin, che pur avendo privilegiato lo spettacolo con grandi traversi e freni a mano hanno portato in decima posizione assoluta la loro datata Opel Astra GSI, conquistando pure il titolo di più veloci fra le Due Ruote Motrici.

Da segnalare la prova di Jordan Brocchi, con Paolo Garavaglia sul sedile di destra, che ha dato spettacolo con la Nissan 350-Z, unica vettura a trazione posteriore, al via del Gomitolo di Lana cosciente di non poter ambire ad una posizione di prestigio nella classifica assoluta (36° alla fine), ma sicuramente il più applaudito sulle prove speciali. Trentaquattresimo si è classificato il padre di Corrado Pinzano, Diego, su Fiesta R2B con Marco Zegna al suo fianco, tornato alle gare dopo diciotto anni di inattività.

Poca fortuna per Andrea Vineis-Alessio Rodi, costretti al ritiro a metà gara per imperfette condizioni fisiche del pilota quando erano tredicesimi assoluti e i migliori fra le vetture Due Ruote Motrici con la loro Renault Clio S1600. Alla gara hanno preso parte 79 equipaggi, 63 dei quali hanno concluso il rally.

La decima edizione del Rally Gomitolo di Lana è stata caratterizzata da condizione climatiche estremamente favorevoli, considerando la stagione novembrina, con temperatura bassa e umidità nel primo passaggio sulla prova di Curino, che è andata asciugandosi, senza però pulirsi, nel corso della giornata per l’arrivo del sole. La prova finale è stata disputata dagli equipaggi alla luce dei fari, prima di tornare in Piazza Martiri della Libertà, salotto buono di Biella, per il gran finale con premiazione in pedana. Soddisfazione in casa New Turbomark che anche questa volta conferma l’ottimo feeling con Biella e i suoi piloti.

New Turbomark acquisisce Valli Ossolane, Ossola e Gomitolo di Lana

La notizia, specie per gli appassionati piemontesi, è di quelle che fanno scalpore: la scuderia New Turbomark annuncia di aver acquisito la titolarità del Rally Valli Ossolane, del Rally Ossola e della Ronde Gomitolo di Lana. Nelle scorse ore infatti, Paolo Fortunati – a capo della PSA Rally e rappresentante della Run Sport – ed i fratelli Claudio e Giuseppe Zagami, presidente e membro della scuderia New Turbomark, hanno trovato l’intesa per il passaggio di consegne delle tre gare molto sentite da pubblico e concorrenti.

“Per noi è un momento davvero importante – afferma Zagami – perché si tratta di un’operazione alla quale tenevamo parecchio. Il Valli Ossolane è uno dei rally più datati a livello nazionale e con un seguito davvero incredibile; qui si è fatta la storia del motorsport e ci piacerebbe regalare a questa gara e a questo pubblico una titolazione importante; la Ronde del Gomitolo è una corsa che invece si sta facendo largo in un territorio, quello biellese, che ha sete di motori dopo i lunghi digiuni della scorsa decade. Per ciò che concerne il Rally dell’Ossola possiamo dire di averlo acquisito ma che, per il calendario profilatosi negli scorsi mesi, non lo potremo organizzare nel 2019 per via di altri obblighi precedentemente assunti: sarà un impegno che ci assumeremo a partire dal 2020. Ora ci attende comunque un grosso lavoro per concretizzare al meglio questa bella opportunità.”

Il Rally delle Valli Ossolane è una delle corse più longeve a livello internazionale: in Italia è davvero ristretta la cerchia delle gare che hanno superato le cinquanta edizioni: oltre alla celebre Targa Florio si ricordano il Sanremo (già Rally dei Fiori), il Coppa Valtellina, l’Alpi Orientali, l’Elba o il Salento, tutte gare prestigiose. Il calendario delle corse facenti capo alla New Turbomark si va così ad arricchire con due eventi di prestigio. Ecco di seguito l’elenco completo: Rally 2 Laghi 13-14 aprile, Camunia Rally 18-19 maggio, Rally delle Valli Ossolane 22-23 giugno, Rally Lana (collaborazione con LanaAlive)13-14 luglio, Rally del Rubinetto (collaborazione con Pentathlon Motor Team) 28-29 settembre e Ronde del Gomitolo 9-10 novembre.