Articoli

Ripartono i rally in Piemonte: si comincia con il Canavese

Dopo il parere positivo di Aci Sport, anche da Regione Piemonte e Coni sono giunte le indicazioni per il regolare svolgimento della Ronde del Canavese. L’appuntamento motoristico originariamente in programma nel week-end fra il 29 Febbraio e l’1 marzo è posticipato di una settimana. Dunque, passata l’allerta corona virus, ripartono i rally in Piemonte e si comincia con il Canavese

Resta invariato il programma che prevede le verifiche Tecniche e Sportive a Rivarolo dalle 9.30 alle 12.30, lo shake down dalle 10 alle 14 e la cerimonia di partenza dal piazzale dell’Urban Center di Rivarolo alle ore 19 di sabato 7 marzo. Confermate anche le manifestazioni collaterali previste a Courgnè.dove saranno allestiti parco assistenza e riordino nel giorno della gara. Nella serata di sabato si terrà la sfilata dei concorrenti che attraverserà il centro storico.

Momento particolarmente suggestivo in piazza Boettocon la rievocazione medioevale del corteo storico del torneo di maggio alla corte di Re Arduino, con la presenza di figuranti in costume medioevali con il Re e la Regina Berta che saluteranno il passaggio delle auto da gara. Tutto come da programma anche la Domenica con i quattro passaggi sulla prova di Pratiglione e l’arrivo finale pochi minuti dopo le 17 con la premiazione sul piazzale dll’Urban Center di Rivarolo. La sfida cronometrica prenderà il via la Domenica con i 4 passaggi sulla prova di Pratiglione che in questa edizione risulta sensibilmente allungata nella parte finale.

La stagione rallistica piemontese parte dal Canavese

Sembra soltato ieri. Eppure la Ronde del Canavese si appresta a raggiungere la sua 15° edizione. Storia di un rally e tradizione si intrecciano su quel fazzoletto di strada che gli appassionati definiscono l’università dei rally. Perchè di li ci è passata davvero la storia di un rallismo che ancora non ha spento le sue emozioni e che riecheggia nella mente di chi quel periodo esaltante lo ha vissuto sia da spettatore che da protagonista.

In un mondo dove cambiare è diventata una moda, sarebbe un peccato sprecare una tradizione così speciale. Ed è per questo che la Rt Motorevent pur avendo considerato l’opportunità di modificare la fisionomia di questa gara, alla fine ha scelto di apporre qualche lieve , inevitabile modifica, lasciando intatti quei tratti somatici che hanno reso celebre questa prova.

Anche per l’edizione 2020 sarà la storica “Pratiglione” il territorio di sfida che domenica 1 marzo sventolerà la bandiera a scacchi di una nuova stagione nella Provincia di Torino. Le inversioni di Rivara e di Prascorsano, le cento curve, l’ormai famosissimo stretto e veloce in saliscendi non mancheranno per una prova che verrà allungata di qualche centinaio di metri con lo stop posizionato poco prima di raggiungere frazione Carella.

Qualche novità anche per gli eventi collaterali che terranno banco nella giornata del sabato dove sono previste le verifiche tecniche e sportive a Rivarolo e lo shakedown su un tratto di strada nei pressi di Canischio e ovviamente le ricognizioni del percorso ma dove ci sarà spazio anche per una suggestiva passerella a Courgnè dalle 18.30 con le vetture che sfileranno nel centro storico accompagnate da Re Arduino e dai figuranti con i costumi d’epoca locali i quali distribuiranno ai concorrenti i prodotti tipici del luogo.

Subito dopo le vetture scenderanno a Rivarolo dove nel piazzale dell’Urban Center si terrà l’ormai consueta presentazione degli equipaggi. Il via ufficiale alla competizione verrà dato domenica 1 marzo con l’uscita dal Riordino notturno. Sono quattro i passaggi cronometrati mentre a Courgnè verranno allestiti dopo ogni prova il Riordino in Piazza Martiri della Libertà e il Parco Assistenza in Piazza Ponte Vecchio.

L’arrivo finale e la cerimonia di premiazione nel tardo pomeriggio all’Urban Center. Per l’edizione 2020 torna il Memorial Livio Bausano che ha accompagnato da sempre l’evento canavesano e verrà consegnato all’equipaggio primo assoluto. Le iscrizioni rimarranno aperte fino al 21 febbraio.

Lo scorso anno la classifica assoluta fu monopolizzata dalle vetture del marchio Skoda con il successo di Marco Colombi e Angelica Rivoir, il secondo posto di Elwis Chentre e Elena Giovenale e il terzo di Patrick Gagliasso e Dario Beltramo tutti sulla vettura ceca.

Ronde del Canavese: Alessandro Gino cerca sfidanti

L’appuntamento sulle agende è segnato con la penna rossa. Immancabile week-end che coincide con l’inizio della stagione motoristica nella provincia di Torino. Un menù è senza dubbio esclusivo quello che propone la 14° Ronde del Canavese. La gara promossa dalla Rt Motorevent propone al via oltre settanta equipaggi. Un elenco iscritti dove figurano praticamente tutti i protagonsiti del rallismo regionale.

Ad iniziare da Alessandro Gino (nella foto Loredana Magarini) vincitore lo scorso anno. L’imprenditore cuneese reduce dall’esperienza mondiale al Rally di Montecarlo sarà nuovamente al via sulla Ford Fiesta Wrc insieme a Marco Ravera. Con una vettura pressochè identica e nella stessa classe sarà presente anche il torinese Enrico Tortone. C’è grande attesa anche nella affolata classe R5 dove il valdostano Chentre in gara con Elena Giovenale guida la pattuglia Skoda formata da Patrick Gagliasso e Dario Beltramo, Fabrizio Bianchi e Fabio Grimaldi, Marco Colombi e Angela Rivoir.

Al debutto sulla una vettura ceca i locali Giovanni Bausano e Andrea Scali, oltre al torinese Riccardo Lopes che, lasciata momentaneamente la Punto Super 2000 sarà in gara con Bruno Silvetro su una Ford Fiesta. Nella stessa classe anche il canavesano Elwis Grosso insieme ad Andrea Nardini anche loro su una Fiesta R5. Completano uno schieramento d’eccezione, i protagonisti nella classe N4: Fabio Beccuti e Andrea Verzino su una Mitsubishi e Giovanni Lopes con Nicola Renner su una Subaru Impreza. Nell’elenco iscritti figurano anche i vari Bizzini, Mazzarà e Calvetti.

Il programma prevede nella giornata di sabato 23 dalle 8.30 le verifiche tecniche e sportive. A seguire lo shake down mentre alle 18.30 si terrà la consueta presentazione degli equipaggi. Novità di questa edizione, la cerimonia di presentazione e la cerimonia di arrivo si terranno sul piazzale adiacente l’Urban Center e non più nel centro di Rivarolo. Il comune ha aderito alla campagna antinquinamento promossa dalla Città Metropolitana. Domenica la sfida cronometrica si svilupperà sull’ormai classica prova di Pratiglione. Il tratto verrà ripetuto quattro volte inframezzato dai riordini e i parchi assistenza a Courgnè. L’arrivo e la premiazione alle ore 17.09 di domenica 24 febbraio.