Articoli

Sebastian Dallapiccola: sorpresa 2019 e conferma 2020 a RIT

Giovani rallysti crescono. Conoscete il ragazzo nella foto? Lo vedrete alla finale di Rally Italia Talent ad ottobre, grazie all’impegno di Renzo Magnani ideatore, fondatore e coordinatore di Rally Italia Talent, e di Massimo Nalli, presidente di Suzuki Italia che sostiene l’iniziativa.

Il giovanissimo debuttante si chiama Sebastian Dallapiccola e ha appena sedici anni. È di Baselga di Piné, in provincia di Trento. Sebastian ha esordito e ha sorpreso per i tempi e per la determinazione, nell’edizione 2019 di Rally Italia Talent, ha compiuto gli anni a maggio ed è stato la conferma del 2020.

Più rally per tutti: RIT apre ai diversamente abili

Il Rally Italia Talent apre ufficialmente ai diversamente abili e il loro sogno di diventare piloti può diventare realtà. Dopo il positivo test nell’edizione 2020 del Gran Fratello dei motori targato Aci e Suzuki con oltre 100 iscritti, in cui è stata messa a disposizione dei diversamente abili una Swift del marchio giapponese con comandi speciali, nella 8^ edizione 2021 partirà ufficialmente il Progetto Rally Talent Ability riservato ai diversamente abili.

Grazie a questo progetto rivoluzionaria, inserito all’interno del Format Aci Rally Italia Talent, non ci saranno più barriere all’ingresso nel settore rally per i diversamente abili che potranno partecipare, gratuitamente, alle selezioni, alla semifinale ed alla finale come tutti gli altri iscritti e con le stesse prove, così da garantire l’integrazione agonistica dei diversamente abili.

Rally Talent Ability iniziativa unica nel panorama nazionale ed internazionale, metterà a disposizione, gratuitamente, dei diversamente abili anche una seconda Suzuki SWIFT con comandi speciali durante Selezioni, Semifinale e Finale. Sarà prevista la preparazione di una Suzuki Swift con comandi speciali grazie alla collaborazione con la Handytech di Moncalvo d’Asti e il Gruppo Hap di Massimiliano Gambel per la partecipazione, sempre gratuita, ad un vero Rally come gara premio.

Si terranno poi dei corsi speciali in occasione delle Selezioni regionali sempre per gli amici diversamente abili tenuti dagli esaminatori di Aci Rally Italia Talent, tutti grandi Campioni di Rally, e tante altre novità a loro dedicate Aci Rally Italia Talent è un Format sportivo, unico nel panorama nazionale ed internazionale, dove conta solo ed esclusivamente l’attitudine alla guida sportiva, naturalmente con particolare attenzione all’Educazione per la Sicurezza Stradale per la guida di tutti i giorni, pensato per offrire a tutti, anche a chi non ha mai corso, l’opportunità di realizzare un sogno: partecipare almeno una volta da pilota o da navigatore ufficiale a un rally.

Patrocinato dall’Automobile Club d’Italia (ACI) e da FIA Action for Road Safety (FIA), in collaborazione con Suzuki Italia, Generali Italia e Toyo Tires ha fatto registrare nella settima edizione 2020 il numero record di 10.569 nonostante l’emergenza Covid 19. Lunedì 21 settembre si apriranno ufficialmente le iscrizioni per l’ottava edizione di Aci Rally Italia Talent con il form online sul sito

Rally Italia Talent riparte dalla Toscana: #rallypertutti

Nel prossimo fine settimana, dal 17 al 19 gennaio, il Circuito di Siena ospiterà la seconda tappa di Aci Rally Italia Talent 2020, di cui Suzuki è auto ufficiale. L’edizione 2020 ha già battuto ogni primato di adesioni, con oltre 9.600 iscritti pronti a darsi battaglia a bordo di Swift Sport.

Quest’anno l’hashtag #rallypertutti si arricchisce di una nuova sfumatura: i piloti diversamente abili potranno partecipare gratuitamente alle selezioni disputando le stesse prove come tutti gli iscritti, a bordo di una Suzuki SWIFT con comandi al volante.

Archiviato con un migliaio di partecipanti il primo weekend di selezione interregionale, svoltosi dal 10 al 12 gennaio a San Martino del Lago (CR), Aci Rally Italia Talent 2020 è pronto a vivere un altro avvincente fine settimana all’insegna della passione per i motori.

Da venerdì 17 a domenica 19 gennaio, il talent organizzato da Aci Sport e che ha scelto Suzuki come Auto Ufficiale, farà base a Castelnuovo Berardenga (SI). Qui, sul Circuito di Siena, scenderanno in pista gli aspiranti rallisti della Toscana e delle zone limitrofe, desiderosi di approdare alle fasi successive della manifestazione e di partecipare poi gratuitamente a un rally valido per i Campionati o i Trofei titolati ACI Sport.

Anche in questa occasione le adesioni che sono arrivate numerose e hanno contribuito a portare il totale degli iscritti a Aci Rally Italia Talent 2020 ben al di sopra di ogni precedente primato. Con oltre 9.600 iscrizioni finora effettuate, questa edizione ha infatti già superato la quota record dello scorso anno, quando furono 9.299 i candidati piloti e navigatori a salire a bordo delle SWIFT Sport per dar prova del loro talento.

Un’opportunità per tutti

In questa settima edizione, l’hashtag #rallypertutti che incarna lo spirito di Rally Italia Talent, si arricchisce di una nuova sfumatura: con il 2020 l’Organizzazione apre le selezioni anche ai disabili affetti da paraplegia agli arti inferiori. A loro disposizione c’è l’evoluto simulatore con doppi comandi Hap Simulator.D, messo a punto grazie all’impegno dell’imprenditore Massimiliano Gambel e alla collaborazione del rallista Alessandro Cadei, costretto su una sedia a rotelle da oltre dieci anni. Nel parco mezzi di Aci Rally Italia Talent 2020 è inoltre previsto l’ingresso di una SWIFT modificata dall’azienda piemontese Handytech, di Moncalvo D’Asti, con cui i diversamente abili potranno affrontare le stesse Prove Rally degli gli altri concorrenti.

Dietro i risultati di Rally Italia Talent c’è un format unico, ideato nel 2014 e che non ha eguali sulla scena internazionale. La formula prevede, infatti, che chiunque possa prendere parte alle selezioni, anche chi non ha mai gareggiato prima né conseguito una licenza o addirittura non ha la patente. Una volta compiuti i 16 anni (per i minorenni è necessaria la liberatoria dei genitori) tutto ciò che occorre è la voglia di mettersi alla prova e di superare i propri limiti per emergere, nel rispetto delle regole e dei rivali, proprio come fa Suzuki nelle competizioni a qualsiasi livello.

La sicurezza come priorità

A valutare tutti gli aspiranti rallisti è un gruppo di piloti e navigatori titolati e di caratura internazionale, che non si limitano a giudicare l’attitudine dei candidati ma danno loro preziosi consigli per migliorare il controllo dell’auto e per rendere la guida più sicura anche su strada. Sotto il patrocinio della FIA – Action for Road Safety, Rally Italia Talent vuole far avvicinare gli appassionati al motorSport e punta a diffondere una cultura automobilistica attenta all’educazione e alla sicurezza stradale specialmente tra i più giovani. A partire da questa edizione, Rally Italia Talent e Suzuki riservano ai giovani una magnifica sorpresa per il 2020. Oltre alle tradizionali classifiche Under 18, Under 35, Over 35, Femminile, Licenziati e Non Licenziati, l’Organizzazione stilerà quest’anno una graduatoria speciale Rally Italia Talent Dream riservata agli Under 23: per chi si distinguerà ci sarà in palio la partecipazione sempre gratuita a sei gare di Campionato Italiano nell’ambito dei Trofei Suzuki, a bordo di una Swift dell’Organizzazione.

Le tappe successive di Rally Italia Talent

  • 25 al 26 gennaio: Sardegna – Pista del Corallo (SS)
  • 31 gennaio-2 febbraio: Lazio – Circuito Internazionale di Viterbo (VT)
  • 7-9 febbraio: Veneto – Adria International Raceway (RO)
  • 21-23 febbraio: Abruzzo – location da definire
  • 28 febbraio-1 marzo: Puglia – Autodromo del Levante (BA)
  • 6-8 marzo: Piemonte – Circuito Internazionale di Busca (CN)
  • 13-15 marzo: Sicilia – Autodromo di Pergusa (EN)