Articoli

Il Rally Valdinievole diventa un rally day: il programma

Un solo giorno di gara, due distinte prove speciali da ripetere tre volte, partenza da Lamporecchio ed arrivo a Larciano, il 10 maggio. Ecco i caratteri salienti del 36° Rally della Valdinievole (la passata edizione vide la vittoria dei lucchesi Pierotti-Milli, con una Skoda Fabia R5 nella foto di AmicoRally), che quest’anno Laserprom015 propone con la formula rally day, quindi con un format di gara e di logistica più snello, con due sole prove speciali da ripetere tre occasioni.

Un cambio “di pelle” ma non di sostanza, per una delle gare più apprezzate e longeve in ambito toscano, assai gradita anche da concorrenti da fuori regione, una modifica sostanziale dettata dal voler andare incontro a chi corre proponendo, in un momento in cui è difficile trovare risorse economiche importanti, un rally evidentemente appetibile ad un ampio respiro di equipaggi.

Poi, quanta più partecipazione la gara avrà, quanta anche più gente arriverà sul territorio, andando ad avvalorare la nostra idea dell’essere oltre che sport anche veicolo di promozione turistica e di ricaduta economica sul territorio. Perciò l’organizzazione ha deciso di dare una virata decisa all’evento proponendolo appunto in un format certamente più snello come logistica ed anche come lunghezza di percorso, da corrersi in un solo giorno.

“E’ stata una scelta operata pensando di dare uno stimolo in più a chi corre – commenta Gianni Lazzeri, a capo dell’organizzazione – certamente il format ridotto potrà dare modo a molti più piloti di poterlo inserire nei propri programmi del 2020 proprio perché ha costi di partecipazione ridotti ed inoltre chi vorrà aderire alla nostra proposta troverà un percorso che ha sostanza, come abbiamo sempre cercato di offrire. Ed il fatto che potranno arrivare molti più piloti a correre dà forza alla nostra idea di portare sempre più persone sul territorio, la gara sarà sempre più un veicolo di comunicazione dei nostri bellissimi luoghi, capace di generare un importante ricaduta economica per il comparto turistico-ricettivo”.

Il programma di gara prevede al sabato 9 maggio le verifiche sportive e tecniche ed anche lo “shakedown”, il test con le vetture da gara, previsto su un tratto di una delle due “piesse” in programma. La gara, come già accennato sarà interamente alla domenica, su un totale di sei prove speciali.

Quartier generale sempre a Larciano, nelle funzionali strutture del Ready Center, partenza da Lamporecchio ed arrivo a Larciano (conferma della notevole sinergia con le Amministrazioni locali), completano il programma del “Valdinievole” 2020, pronto ad accendere le sfide per confermarsi una delle competizioni su strada più avvincenti, per proseguire la tradizione che dura dal 1985.

Nasce il Campionato Pistoiese Rally: il regolamento

Una nuova ed interessante iniziativa a carattere sportivo è in serbo dall’Automobile Club Pistoia per i propri licenziati sportivi, con l’istituzione del Campionato Pistoiese Rally – Memorial Roberto Misseri, riservato ai soci, titolari di licenza Aci Sport.

Pistoia è da sempre un centro importante per l’automobilismo e per il motorsport, basti pensare che proprio da qui è partita la grande avventura di Carlo Chiti, colui che ha scritto un’ampia parte di storia dell’automobilismo moderno, avendo creato, nel 1963 l’Autodelta la squadra corse Alfa Romeo, tra le più amate ed iconiche al mondo. La tradizione prosegue poi ancor oggi con tecnici, piloti, organizzatori che mantengono la Città della “Giostra dell’Orso” un vero e proprio fulcro di progetti, idee, successi. Soprattutto di fatti concreti.

Sulla scorta di questo scenario di forte tradizione, l’Automobile Club Pistoia ha sempre supportato con passione tutte le manifestazioni motoristiche del territorio. E proprio con la passione, per il 2020, ha deciso dunque un ulteriore passo avanti avvicinandosi sempre più alla base, ai praticanti, istituendo un vero e proprio Campionato Pistoiese Rally che si giocherà sulle tre manifestazioni rallistiche della provincia di Pistoia, vale a dire i Rally Valdinievole, Abeti e Città di Pistoia.

Oltre al Campionato Pistoiese Rally si pensa anche alla valorizzazione dell’immagine e delle caratteristiche di un territorio ampio e ricco di risorse, stimolando appunto l’attività sportiva, con la collaborazione degli appassionati e molto professionali organizzatori delle singole gare.

Sulla spinta della passione è stato deciso, dal Comitato Organizzatore, di intitolare il Campionato Provinciale ACI Pistoia Roberto Misseri, commissario sportivo nazionale, uomo dalle grandi competenze nel settore del motorsport ed ancor prima dal grande amore per esso, prematuramente scomparso nell’aprile dello scorso anno.

Il regolamento del Campionato Pistoiese Rally è disponibile nella sua versione integrale nel sito web istituzionale è molto snello e con esso ci si prefigge di premiare la regolarità dei piazzamenti ottenuti da ciascun concorrente nelle tre gare previste ed inoltre verranno predisposti premi speciali, sempre per gli iscritti al Campionato, a coloro che risulteranno i migliori classificati nel contesto di altre competizioni, quali la LimAbetone, i rally storici Abeti e Coppa Città di Pistoia, la Coppa della Collina, oltre al miglior classificato di karting.

L’iscrizione al Campionato Pistoiese Rally è personale e quantificata in 30,00 euro e la quota dà diritto a partecipare alla serata finale di premiazione e si ritiene validamente formalizzata se fatta pervenire al Comitato Organizzatore entro il termine valido per l’iscrizione alla prima gara in calendario.

Sarà valida con la sottoscrizione di apposito modulo ed il versamento della relativa quota. Il modulo di iscrizione sarà reperibile sul sito web, nell’apposita sezione dedicata al Campionato, oppure presso l’ufficio sportivo dell’Ente e nelle 9 Delegazioni (Agliana, Lamporecchio, Monsummano, Montecatini, Pescia, Pistoia Stadio, Pistoia Porrettana Gomme, Quarrata, San Marcello).

Attribuzione punteggi e classifiche

Alla fine della stagione sportiva 2020 saranno stilate classifiche per:

  • Pilota Rally
  • Navigatore Rally
  • Femminile Rally
  • Under 25 Rally
  • Matricola Rally (miglior neo licenziato che abbia staccato la licenza nel 2020)
  • Di Gruppo A-N-R Racing Star (pilota e navigatore Rally)

Saranno ovviamente redatte le classifiche di ogni singola gara, regolarmente omologata, con l’assegnazione dei relativi punteggi, da calcolare per ciascuna classe costituita.

  • 1° Classificato p.ti 10
  • 2° Classificato 8
  • 3° Classificato 6
  • 4° Classificato 5
  • 5° Classificato 4
  • 6° Classificato 3

In aggiunta a quanto sopra, sarà attribuito a tutti i partenti un bonus di 1 punto (di partecipazione) anche se non classificati. Un ulteriore bonus di 1 punto sarà assegnato a tutti coloro che risulteranno classificati oltre il 6° posto.

Il punteggio sarà attribuito al pilota e al navigatore rispettivamente nella classifica di appartenenza, indipendentemente dalla composizione dell’equipaggio nella gara.

Alle classi che non raggiungono i tre partenti sarà attribuito un punteggio d’arrivo ridotto del 40%, mentre alle classi che non raggiungono i cinque partenti sarà attribuito un punteggio d’arrivo ridotto del 20%.

Ai conduttori e navigatori che prenderanno la partenza ai tre Rally Pistoiesi verrà riconosciuto un ulteriore coefficiente di 1,5 da aggiungere ai punteggi accumulati nella classifica del Campionato.

Nel caso di alternanza alla guida nel corso delle Prove Speciali, il punteggio non potrà essere assegnato.

Al termine della stagione sportiva 2020 saranno proclamati vincitori assoluti del Campionato provinciale, con classifica separata, il pilota ed il navigatore che avranno accumulato i maggiori punteggi nella somma dei risultati acquisiti nelle gare disputate.

Con le stesse modalità, saranno proclamati vincitori pilota e navigatore Under 25 (nati entro il 31/12/1995) e “Femminile”. Inoltre, ai conduttori e navigatori che prenderanno la partenza alle tre competizioni valevoli per il Campionato provinciale, sarà attribuito un punteggio aggiuntivo di 8 punti – per “manifesta coerenza” alla perfetta riuscita del campionato stesso – che andrà a sommarsi ai punti accumulati nell’ambito delle singole gare e nelle rispettive qualifiche.

Rally Valdinievole nel segno di Luca Pierotti

I lucchesi Luca Pierotti e Manuela Milli, alla loro seconda occasione a bordo della Skoda Fabia R5, sono i vincitori del 35° Rally della Valdinievole, valido per il Trofeo Rally Toscano e per il Premio Rally ACI Lucca, svolto tra il pomeriggio di ieri e l’intera giornata odierna.

Già dalle prime battute agonistiche di ieri, la sfida è stata condizionata dai capricci del tempo, che ha dato costantemente incertezza agli equipaggi per la scelta giusta degli pneumatici da adottare. Pierotti, che con questa vittoria passa al comando del Campionato Regionale, è balzato al comando della gara dalla prima “piesse” di Larciano, poi interrotta per motivi di sicurezza dopo soli undici equipaggi, causa un temporale poco dopo il via.

Il pilota di Lucca ha poi preso con decisione il largo dalla seconda prova di Lamporecchio, la prima odierna, approfittando anche delle difficoltà di alcuni dei più accreditati competitor, come il vincitore del 2018 Tobia Cavallini, in coppia con Manfredi, anche lui con una Fabia R5. Attardato da un “testacoda” durante la seconda prova, con vettura anche spenta, il pilota di Cerreto Guidi ha cercato poi la reazione ma le condizioni della strada, spesso indecifrabili hanno sconsigliato spesso l’attacco, per evitare errori.

Una volta constatato che era impresa ardua riprendere il leader o comunque metterlo in difficoltà, Cavallini ha controllato il secondo gradino del podio controllando l’arrembante Paolo Moricci, in coppia con Garavaldi, di nuovo al via con la Hyundai i20 R5 sulla quale montavano per la quarta volta. Poi, durante la settima prova speciale Cavallini si è arreso a causa di una foratura, consegnando così “l’argento” a Moricci, autore di una gara perfetta, nonostante le difficoltà a sistemare a dovere l’assetto sulla strada bagnata.

Terza piazza finale per il livornese Roberto Tucci, in coppia con Micalizzi, anche loro su Skoda Fabia R5. Una gara sofferta, la loro, con il pilota debilitato da un’indisposizione fisica, ma comunque positiva, tenendo conto che la coppia veniva da due ritiri consecutivi per incidente con la medesima vettura.

Il podio finale del Rally Valdinievole 2019
Il podio finale del Rally Valdinievole 2019

Luca Artino fuori dal podio del Rally Valdinievole

Soltanto quarto l’attesissimo locale Luca Artino, con la Skoda Fabia R5 anche lui, affiancato da Gabelloni. Una prestazione sofferta anche quella del pilota di Lamporecchio, già due volte vincitore a Larciano, praticamente già estromesso dalla lotta di vertice causa il tempo alto fatto registrare nella prima prova di ieri avendo affrontato il violento temporale con pneumatici da strada asciutta, con circa un minuto perso.

La gara ha detto male anche al garfagnino Federico Santini, con alle note Romei, la cui ennesima Fabia R5 ha alzato bandiera bianca durante la sesta prova per rottura meccanica quando gravitava in quarta posizione assoluta, tenuta con forza nonostante iniziali problemi di natura elettrica.

La top five è stata firmata dai maremmani Paolini-Nesti, con una Renault Clio S1600. In costante – e spettacolare – lotta sul filo dei decimi di secondo con i fratelli fiorentini Ancillotti (prima gara per loro con una Renault Clio S1600), hanno tirato un respiro profondo quando questi ultimi hanno abbandonato la scena per uscita di strada durante la settima prova. E se il dualismo tra Paolini e Ancillotti è stato tanto entusiasmante quanto tirato, quindi con riscontri cronometrici di spessore, non da meno sono state le performance di Jari Gori-Simone Di Giulio, sesti assoluti alla loro prima esperienza con Clio S1600 e bravi anche Fagni-Massaro con la anche loro con la millesei francese.

Spettacolare è stata poi la prestazione globale del giovane pisano Mirco Straffi, con la Peugeot 208 R2, con copilota l’esperto Butelli. Per tutta la gara ha viaggiato al ritmo da top ten allontanandosi progressivamente dai competitor di categoria, finendo poi in una considerevole ottava posizione.

La gara, organizzata da Laserprom 015, in collaborazione con l’ACI Pistoia e con il sostegno delle amministrazioni comunali di Larciano, Lamporecchio, Monsummano Terme e Pescia ha conosciuto una nuova edizione di successo, data dal fatto di aver riproposto prove speciali “prese” dagli anni ottanta, che hanno esaltato tanto gli equipaggi in gara quanto i molti appassionati arrivati sul territorio sfidando il maltempo.

Top ten assoluta del Rally Valdinievole

1. Pierotti-Milli (Skoda Fabia R5) in 58’56”3; 2. Moricci-Garavaldi (Hyundai I20 R5) a 1’02”2; 3. Tucci-Micalizzi (Skoda Fabia R5) a 3’04.8; 4. Artino-Gabelloni (Skoda Fabia R5) a 5’18”3; 5. Paolini-Nesti (Renault Clio S1600) a 6’33”8; 6. Gori-Di Giulio (Renault Clio S1600) a 6’49”9; 7. Fagni-Massaro (Renault Clio S1600) a 6’56”5; 8. Straffi-Butelli (Peugeot 208 R2) a 7’20”3; 9. Mori-Dinelli (Peugeot 208 R2) a 8’11”7; 10. Zelko-Cecchi (Renault Clio S1600) a 8’29.3.