Articoli

Memorial Tommaso Rocco al Camunia Rally

Chi ha conosciuto Tommaso Rocco sa che si sta parlando di una persona speciale e non solo di una bravo navigatore. Tra i primissimi a credere nelle note attraverso l’IPad, il navigatore bresciano di Adro ha corso con piloti di rilievo e dal piede pesante: su tutti Andrea Dallavilla, Emanuele Dati, Umberto Consigli, Sandro Sottile, Matteo Gamba ed Ilario Bondioni.

A poco più di tre anni dalla sua scomparsa avvenuta nell’ottobre 2015 a causa di una malattia che “Tommy” aveva sempre affrontato a testa alta, i suoi amici vogliono continuare a ricordarlo attraverso il mondo delle corse: i “Soliti 4 Gatti (Sabrina, Carlo, Leo, Sergio, Gigi ed Ercole) hanno indetto il 4° Memorial Tommaso Rocco in coincidenza con il 6° Camunia Rally che si terrà i prossimi 18 e 19 maggio.

Il premio, un IPad con l’applicazione ICodriver per leggere le note, verrà assegnato al navigatore più giovane meglio classificato. Un modo per permettere ai giovani di coltivare un metodo differente e tecnologico nell’approccio alle corse proprio come Tommaso stava sperimentando.

Il Memorial Rocco si è corso due volte in occasione del Rallyday del Sebino mentre dallo scorso anno è “traslocato” in Vallecamonica. Selene Pina Casalini, Massimiliano Milivinti e Denis Ghislini sono i tre giovani navigatori che hanno vinto il trofeo nelle tre precedenti edizioni.

Rallyday 2 Laghi: Caffoni come da pronostico

Davide Caffoni ha rispettato i pronostici ed aggiornato le statistiche. Il quarantunenne pilota di casa ha siglato la sua quarta vittoria sulle strade del 2 Laghi con la sempre impeccabile Renault Clio S1600 del team Balbosca. Insieme al pellese Minazzi col quale solo tre mesi fa ha preso parte al mondiale di Montecarlo, Caffoni ha avuto ragione dei 93 avversari presenti grazie ad una condotta fulminea e precisa; senza sbagliare nulla ha affondato i colpi fondamentali nel corso del primo giro di speciali mentre nell’ultimo tris ha tenuto un passo veloce ma senza incorrere in inutili rischi. Vittoria di speciale a Montecrestese, Antrona e nei due passaggi a San Domenico.

“Sono soddisfatto di questo successo, il mio tredicesimo in carriera. Vincere, specie se davanti al pubblico amico, è sempre qualcosa di emozionante. Dopo il MonteCarlo, proseguono le gioie della nostra stagione agonistica” ha dichiarato il pilota ora residente a Montecrestese. Nel suo palmares personale sono dunque quattro le vittorie al 2 Laghi. Tre quelle del Valli Ossolane, due quelle maturate sulle strade del Rubinetto e del Rally dell’Ossola mentre una arrivata al bergamasco Rally del Sebino e al pavese Valleversa.

Niente da fare per i rivali che pure si sono dannati per tenere il passo del “meccanico volante”. L’unico ad avvicinare i tempi di Caffoni è stato il comasco Alex Vittalini che sulla Citroen DS3 R3T del Wita Team era navigato dalla conterranea Clarissa Chiacchella: l’inedito duo ha vinto una prova speciale, l’Antrona2 e ha compiuto una gara in crescendo specie dopo un dritto in Ps2 che ha causato la “fuga” di Caffoni.

Se la seconda piazza non è mai stata in discussione, è stato invece acceso il duello per il podio. In molti si sono contesi l’ultimo scalino libero rimasto: dal domese Laurini al valtellinese Gianesini, dal driver di Varzo Bruni all’altro idolo locale Fabrizio Margaroli. Alla fine è stato Marco Laurini a fare lo sprint migliore; insieme a Mauro Grossi, sulla Clio S1600 della Twister Corse, il musicologo 49enne ha vinto la Montecrestese2 e ha sancito una terza piazza maturata con merito sugli asfalti amici. Bravi comunque Gianesini-Franzi (Clio Top Rally) e F.Margaroli-Dresti (id. Erreffe) che hanno tenuto viva la lotta fino alla fine.

Buoni spunti per il novarese Tondina con Cecchetto che al debutto in R3C ha portato alla vittoria la Renault Clio by Valsesia a dispetto del vercellese Quaderno che, dato per favorito, è incappato in una giornata no. Bene Petrucciani (Citroen C2 K10) e Minesi (Peugeot 106 A6) primi delle rispettive categorie. La classe R2 ha visto una lotta da coltello tra i denti fra il crevolese Fradelizio ed il 25enne di Trontano Pelgantini: dopo una sfida giocata sul filo dei centesimi l’ha spuntata Pelgantini per soli 3”6.

Le prove tecniche e il fondo molto viscido e fangoso della Antrona hanno causato diversi ritiri: tra le vittime illustri di questo 6° 2Laghi ci sono Margaroli- Cerutti  e Patritti-Porta (Clio S1600) per rottura di un semiasse; Barbieri-Pulici (Peugeot 208 R2) per incidente, Papa-Bevilacqua (Peugeot 208) per toccata, Del Custode-Ferrari (Mini Cooper) per la rottura dell’idroguida, Zucchi-Toniolo (Renault Clio N3) a causa di un incidente, Levati-Ferrari (Peugeot 106 N2) per uscita di strada e Varnero- Lauretta (Citroen SaxoA6) per guasto mentre Fontana-Bertolli (Citroen Saxo) si sono fermati per rottura di semiasse.

Davide Caffoni e Max Minazzi con il primo posto si sono aggiudicati il Memorial Nevio Rabogliatti; il Diego Caffoni è andato invece a Mirko Pelgantini in quanto primo Under 25 all’arrivo. Il Trofeo UGI (Unione Genitori Italiani), che premiava il salto più bello sulla Ps San Domenico Ski 1 è andato ad Alex Vittalini e Clarissa Chiacchella.

Trofeo delle Merende: l’appetito vien correndo

Unire la passione per le auto da corsa con la solidarietà e l’aggregazione è l’obiettivo di un gruppo di rallisti che, dal 2010, si ritrova a fine stagione per un fine settimana in amicizia che sfocia in una corsa con auto di categorie alla portata di tutti, quali R2, N3 e N2 in modo da rendere la sfida ancor più frizzante. La solidarietà è al centro dell’iniziativa con l’appoggio all’iniziativa “Io vinco nella ricerca” dedicata a promuove la ricerca di una cura per la fibrosi cistica. Inoltre il Merende assegna i memorial dedicati a Francesco Pozzi e Omar Pedrazzoli, due amici rallisti scomparsi prematuramente.

Dal 2010 il Trofeo delle Merende è stato itinerante toccando Valle d’Aosta, Emilia e varie zone del Piemonte; nel 2019, raggiunta la decima edizione, il Merende avrà una gara tutta sua, organizzata dal il Cinzano Rally Team promotore del Rally di Alba. La data scelta per il 1° Rally day Trofeo delle Merende è quella del 7 e 8 dicembre, giornate festive a fine stagione che permettono a tutti di essere presenti. La gara si svolgerà nella zona di Santo Stefano Belbo con il format rally day che prevede 40 km di prove speciali da disputare tutte alla domenica, dopo le verifiche e lo shakedown del sabato.

Oltre alla competizione, come da tradizione del Merende sarà prevista una serata di benvenuto, aperta ad appassionati e piloti, a scopo benefico e altre iniziative di solidarietà che hanno finora permesse di raccogliere cospicue donazioni.
Per il Trofeo delle Merende è stato messo a punto un logo tutto nuovo, con una grafica pulita e lineare che ricorda, al primo sguardo, il bianco e l’azzurro che da sempre compongono il tradizionale logo del Trofeo e le colline riportate anche nel marchio del Rally di Alba che saranno il piatto forte della corsa del 7 e 8 dicembre a Santo Stefano Belbo (Cuneo).

Rally Tartufo: Gagliasso-Beltramo questa volta fanno centro

Le spettacolari prove speciali delle colline astigiane hanno regalato agli appassionati una sfida avvincente e viva fino all’ultimo metro. A spuntarla sono stati i torinesi Patrik Gagliasso e Dario Beltramo che, dopo aver chiuso secondi alle spalle degli svizzeri Carron-Landais la passata edizione, quest’anno hanno difeso con i denti il risultato finale portando sul gradino più alto del podio il tricolore ai danni dei transalpini Riberi-Florian.

L’equipaggio francese ha dimostrato di essere molto veloce e, dopo aver vinto le prime due prove speciali ed aver perso la leadership a favore degli azzurri nella terza a causa di un testacoda, sono ripartiti dal parco assistenza con la decisa intenzione di riprendere il comando della gara. Tre vittorie parziali non sono bastate ai francesi che hanno trovato sulla loro strada un equipaggio affiatato e deciso a non mollare l’osso. I portacolori della Turismotor’s hanno affrontato il secondo giro di prove decisi a portare a casa il bottino pieno e sulla pedana di Nizza hanno stappato la bottiglia del vincitore con un margine di 3” sui francesi ma tanto è bastato a far risuonare in Piazza Martiri di Alessandria l’inno di Mameli.

Fuori subito Araldo-Boero e Fassio-Tirone per uscita di strada a fare da terzo incomodo ci hanno provato Massimo Marasso e Daniele Araspi con la terza Skoda rimasta in gara. L’equipaggio astigiano, analizzato il ritmo forsennato degli equipaggi che li precedeva ha giustamente pensato di “accontentarsi” della medaglia di bronzo. Quarta piazza per Armando Defilippi e Claudia Dondarini che di più non potevano fare con la Peugeot 207 S2000 contro lo strapotere delle R5 che li precedevano.

Sfida ai massimi livelli anche tra le performanti Peugeot 208 R2b dove i parmensi Leonardi-Banaudi hanno dato vita, insieme ai cuneesi Baravalle-Ghietti, ad un’avvincente lotta sul filo dei secondi fino al traguardo. Tra i due un distacco di una decina di secondi che la dice lunga su come i due equipaggi abbiano affrontato le difficili strade della Langa Astigiana. Settimi con la Ford Fiesta R5 i liguri Berchio-Tesi. Chiudono la top ten tre equipaggi della Meteco Corse con i canellesi Bertola-Mora primi di N3 con la Renault Clio davanti ai liguri Ferrando-Olivo. Decima piazza per Cillis-Traversa che con la piccola Peugeot 106 N2 hanno tenuto dietro un bel numero di avversari.

Rally Valli Vesimesi Historic: ecco i primi dettagli

Cambiare tutto per non cambiare niente. Questa è la sostanza della terza edizione del Rally Valli Vesimesi Historic Rally, che si stacca dal rally moderno, ma si congiunge e non solo idealmente al 31° Rally del Tartufo riservato alle vetture moderne, precedendo di un’ora nello stesso giorno e sulle stesse prove speciali i concorrenti di questa gara. La gara storica, infatti, manterrà la sede di partenza ed arrivo a Vesime, mentre condividerà con la tradizionale gara astigiana le prove speciali e parte della logistica.

Le tre prove speciali da ripetere due volte, in programma domenica 31 marzo, sono le classiche San Marzano Oliveto (6,15 km, ore 8.55 e ore 12.49) San Vito (14,10 km, ore 9.25 e ore 13.19) e San Giorgio Scarampi (13,35 km, ore 10,23 e ore 14.17) che porteranno i tratti cronometrati a 67,20 km per un totale di 196,02 di percorso. Due i riordini. Il primo di 30 minuti alle ore 11.13 a Calamandrana, il secondo, immediatamente prima dell’arrivo alle ore 14.43 a Cessole in piazza Roma. Un solo parco assistenza di 30 minuti alle ore 12.03 presso Balbi Zuccheri di Agliano Terme.

La gara, valida come primo appuntamento del Trofeo Rally di Zona, entrerà nel vivo con la consegna dei Road Book ai concorrenti sabato 23 marzo dalle ore 9.00 alle 13.00 presso il bar il Mulino di Vesime; le ricognizioni autorizzate delle prove speciali si svolgeranno nella stessa giornata, dalle 9.30 alle 18.30 e venerdì 29 marzo negli stessi orari. Appuntamento a Vesime per le verifiche sportive e tecniche sabato 30 marzo dalle ore 10.00 alle 16.30 che si svolgeranno contestualmente allo Shakedown (11.00-17.00). Piazza Vittorio Emanuele di Vesime sarà il palcoscenico della presentazione dei concorrenti sabato 30 marzo a partire dalle ore 18.00 e della passerella di arrivo alle ore 15.18. Non mancherà la tradizionale cena rallistica, in programma sabato sera presso la trattoria della Torre a Perletto.

Programma del Rally Valli Vesimesi Historic

Chiusura iscrizioni – Lunedì 25 marzo 2019

Consegna Road Book – Sabato 23 marzo 2019 dalle ore 9:00 alle 13:00
Bar Mulino – via Del Prino 28 – Vesime

Ricognizioni Autorizzate

Sabato 23 marzo 2019 dalle ore 9:30 alle 18:00
Venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 9:30 alle 18:00

Verifiche Sportive

Sabato 30 marzo 2019 dalle ore 10.00 alle 16.00
Al Museo della Pietra Piazza Gallese Damaso 28 – Vesime

Verifiche Tecniche

Sabato 30 marzo 2019 dalle ore 10.30 alle 16.30
Davanti alle scuole medie , Via Einaudi – Vesime

Shakedown

Sabato 30 marzo 2019 dalle ore 11.00 alle 17.00

Presentazione Concorrenti

Sabato 30 marzo 2019 ore 18:00 – Piazza Vittorio Emanuele II – Vesime

Briefing verbale obbligatorio con il Direttore di Gara e Cena C/O Trattoria della Torre -Via Roma 15 – Perletto
Sabato 30 marzo 2019 dalle ore 20:00

Arrivo-Premiazione

Domenica 31 marzo 2019 – alle 15:18 – Piazza Vittorio Emanuele II – Vesime