Articoli

Giandomenico Basso vince il Valais e il Ter

Giandomenico Basso e Lorenzo Granai con una Skoda Fabia R5 gommata Pirelli hanno vinto il Rally du Valais, la celebre gara internazionale svizzera con cui si è concluso sia il Tour European Rally Fia che il campionato nazionale svizzero. Con questo successo il pilota italiano si è assicurato anche la vittoria in questa serie Fia completando il monopolio dei titoli continentali, visto che i piloti Pirelli si erano già assicurati tutti i maggiori titoli del Campionato Europeo Rally Fia: con i russi Alexey Lukyanuk e Alexey Arnautov (Ford Fiesta R5) campioni assoluti, il lettone Martins Sesks (Opel Adam R2) campione europeo Junior Under 27 e leader della categoria ERC3, il russo Nikolay Gryazin (Skoda Fabia R5) campione europeo Junior Under 28, l’ungherese Tibor Erdi jr. (Mitsubishi Lancer) campione europeo della categoria ERC2.

Ivan Ballinari campione svizzero. Continuano ad aumentare anche i titoli nazionali vinti dai piloti che corrono con Pirelli. Grazie al quinto posto ottenuto al Rally du Valais, lo svizzero Ivan Ballinari in coppia con Paolo Pianca su Skoda Fabia R5 hanno conquistato il titolo nazionale svizzero. I prodotti. I piloti Pirelli hanno utilizzato i PZero K5 e in alcune prove i più morbidi K7B grazie alle condizioni metereologiche favorevoli, che hanno consentito l’utilizzo di gomme da asfalto asciutto per la gara.

Terenzio Testoni, rally activity manager Pirelli. “Il Rally du Valais è uno degli appuntamenti di maggiore tradizione del rallysmo europeo, ed anche uno dei più impegnativi. La vittoria di Basso con i pneumatici Pirelli è per questo molto significativa, come peraltro questo nuovo titolo FIA a livello continentale, che idealmente completa lo straordinario plateau di titoli europei di nostri piloti, giovani ed esperti, con vetture a due e a quattro ruote motrici. Una serie di allori che continua a livello nazionale: dopo il titolo italiano di Paolo Andreucci ora è arrivato quello svizzero di Ivan Ballinari. Complimenti al pilota ticinese”.