Articoli

Rally Valli Ossolane: festa per Davide Caffoni e Mauro Grossi

Il Valli Ossolane vede il quinto successo personale di Davide Caffoni che insieme a Mauro Grossi porta in trionfo la Skoda Fabia R5 Evo del team Balbosca. Il duo ossolano ha avuto la meglio sul varesino Damiano De Tommaso che con Max Bizzocchi ha saputo ben interpretare le strade che calpestava per la prima volta; la lotta serrata ben si riassume con il tabellino finale; entrambi hanno vinto tre prove speciali su… cinque: l’ultima Cannobina ha riscontrato un pari merito!

“Damiano è andato molto forte – sentenzia un raggiante Caffoni al traguardo- e noi abbiamo fatto al differenza sulla prima Cannobina: sapevamo che lui non conosceva la prova e volevamo provare a staccarlo lì e così è stato”. Dopo le tre vittorie con la Ford Fiesta R5 nel 2014, 2015 e 2016, Caffoni bissa la quella firmata Skoda di un anno fa salendo a quota cinque e avvicinando così il recordman Franco Uzzeni.

Con il successo assoluto Caffoni si aggiudica il memorial dedicato a Donato Cataldo mentre il “Diego Caffoni” (dedicato allo scomparso fratello di Davide) è andato a Damiano De Tommaso in quanto primo Under 25 all’arrivo. Balbosca e la New Turbomark si sono aggiudicati il premio Team e quello Scuderia. Terza posizione per il novarese Mattia Pizio a 36”3 che tornato sulla Skoda (PA Racing) ha replicato al podio dello scorso anni dimostrandosi efficace soprattutto nelle prove di oggi.

Con una bella zampata sull’ultima prova il locale Fabrizio Margaroli ha conquistato la quarta piazza assoluta (a 41”4) insieme ad Andrea Dresti su Skoda Fabia TamAuto; a nulla sono valsi i tentativi di arginarlo da parte di Corrado Pinzano che insieme a Corrado Zegna si è così dovuto accontentare della quinta posizione (Skoda PA) per soli 0”9.

Erminio Barbieri e Luca Broglia si sono aggiudicati il premio per la migliore livrea natalizia sfoggiando una grafica decisamente affascinante: a loro spetterà l’iscrizione gratuita per il prossimo Valli Ossolane che è già a calendario per i prossimi 24 e 25 aprile 2021.

Brillante prova per Fabrizio Giovanella che insieme a Nicolò Gonella si è aggiudicato la classe S1600 e la graduatoria delle Due Ruote Motrici grazie ad una super prestazione nella tappa odierna: al traguardo il driver di Masera ha dedicato il suo successo a Daniele Ramoni, amico pilota scomparso a seguito di un incidente in montagna quest’estate. Il francese Quilichini ed il bresciano Trevisani hanno animato la lotta della R2C con le nuove Peugeot 208 di ultima generazione: il transalpino ha chiuso quindicesimo mentre il lombardo è arrivato subito alle sue spalle. Dei 74 partiti sono 71 i classificati: solo tre ritirati e tutti per guasto.

Il sabato del Rally Valli Ossolane 2020

Il Rally Valli Ossolane è partito e la PS1 di Crodo-Mozzio ha già iniziato a dare qualche indicazione su quello che potrà essere il leitmotiv della gara e -ovviamente- della giornata di domani. Sulla prova di apertura odierna, la Crodo-Mozzio di 9,4 chilometri, Davide Caffoni e Mauro Grossi hanno prevalso con la Skoda Fabia R5 Evo (Balbosca) col tempo di 6’50”7 mentre alle loro spalle si sono classificati Damiano De Tommaso e Massimo Bizzocchi con solo mezzo secondo di ritardo e su medesima vettura (DP Autosport). Alla vigilia erano loro i principali indiziati al successo e questo primo scorcio di gara sta dimostrando che i pronostici erano più che mai corretti.

Usciti con due mescole di pneumatici differenti, il tre volte vincitore del Valli ed il due volte campione dell’IRC hanno staccato due tempi pressoché identici. Terzo in classifica c’è il duo formato da Fabrizio Margaroli ed Andrea Dresti, sempre su Skoda (TamAuto); l’equipaggio locale ha accusato un distacco di 4”2 che permette loro di guidare il gruppetto degli inseguitori del duo di testa; dietro a soli 0”4 si sono piazzati infatti i biellesi Corrado Pinzano e Marco Zegna (Skoda PA Racing) dimostrando che la lotta per il podio è e sarà serrata. Pizio e Cecchetto, poco soddisfatti del loro tempo, seguono in quinta posizione a 7”.

La prima vettura “non R5” è la Peugeot 208 R2C del francese Quilichini in coppia con Gordon in quattordicesima posizione. Alle loro spalle si sono collocati i primi leader della S1600 vale a dire Massimo Fradelizio e Nancy Dragonetti (Clio Twister Corse). Martinelli e Bagolin, come già al recente Rubinetto, provano a staccare tutti gli avversari della A7 a bordo della loro Opel Astra così come intendono fare Massimo Margaroli e Mario Cerutti, capofila tra le R2B (Miele). L’unico ritiro della giornata è per i bresciani Bettoni-Polonioli, fermati da un guasto sulla loro Renault Clio R3C.

Piemonte a due velocità: Valli Ossolane sì, Monferrato no

Il Rally Valli Ossolane, rinviato nelle scorse settimane, trova una data libera, quella del 12 e del 13 dicembre 2020. In quel weekend gli appassionati dovranno scegliere tra la gara piemontese e il Prealpi Master Show, valevole per il Raceday Rally Terra. Nella comunicazione con cui l’organizzatore, Peppe Zagami, aveva dovuto annunciare il rinvio del rally ossolano veniva spiegato che si procedeva al rinvio in considerazione della situazione sanitaria. Un gesto solidale.

“Erano molti i motivi ed uno di quelli erano le ambulanze, che comunque avevamo – dice Peppe Zagami -. Siccome andiamo verso la zona arancione sono fiducioso. Gli amministratori sono con me”. Una lieta notizia che dà speranza, in un contesto, quello piemontese, in cui invece nello stesso giorno in cui il Valli Ossolane trova una nuova data viene annullata la Ronde Colli del Monferrato.

“Tutto era in perfetta regola, ogni ente ci aveva dato il parere positivo e lo svolgimento della gara sembrava ormai una formalità – sono le parole di Moreno Voltan, organizzatore monferrino. Ieri, all’improvviso, il sindaco di Camino, uno dei comuni interessati dal transito della prova speciale, all’ultimo momento e due giorni prima del collaudo del percorso ci ha negato l’autorizzazione al transito e non possiamo fare altro che rinunciare. La motivazione sarebbe quella di non creare disagio alla popolazione in vista di una possibile apertura post lockdown, quindi nessun motivo legato all’attuale emergenza sanitaria o alla zona rossa piemontese”.

Dunque, la situazione sanitaria causata dall’epidemia di Covid-19, indirettamente, agisce in maniera differente in base alle esigenze e alle interpretazioni delle autorità locali. Prova ne è che a nord del Piemonte si ragiona in un modo e a sud in un altro. “Se la comunicazione fosse arrivata giorni prima avremmo potuto variare il percorso, ma oggi è troppo tardi e purtroppo non c’è modo di rimediare. I miei ragazzi si sono mossi subito (Marcello Coppi e Paolo Caretti, ndr), senza però trovare una valida alternativa percorribile in tempi brevi”.

New Turbomark rinvia a data da destinarsi il Rally Valli Ossolane

“Da sempre il Rally delle Valli Ossolane significa divertimento, festa, aggregazione. Ogni immagine della gara è contornata da decine e decine di spettatori. Organizzare il rally senza che la popolazione ossolana possa godere di uno degli eventi più affascinanti e di maggior richiamo sarebbe quantomeno inutile”. Giuseppe Zagami, della scuderia New Turbomark, comunica la scelta di rinviare a data da destinarsi il 56° Rally Valli Ossolane. Uno spiraglio resta, dunque, per vedere la disputa dell’edizione 2020 entro la fine dell’anno. “Ovvio che tutto dipenderà da come si evolverà la situazione del territorio e in generale del paese”.

Peccato. Perché il 3 novembre 2020, Sport24News.it attribuiva all’organizzatore Zagami la decisione di correre (si può leggere qui): “Il 56mo Rally delle Valli Ossolane si correrà regolarmente il 14 e 15 novembre. Tutto questo se, nuove disposizioni legate alla pandemia, non rendessero impossibile lo svolgimento della gara motoristica. A confermarlo è l’organizzatore, Giuseppe Zagami, reduce da un rally del Rubinetto che, nonostante tutto, s’è rivelato un successo. La mancanza del pubblico ha infatti dimezzato la festa, ed anche per il Valli Ossolane c’è da dimenticarsi, almeno per quest’anno, le ali di folla lungo il tracciato e all’arrivo delle prove. Ma l’importante è correre”. Il 4 novembre, sul profilo Facebook di Zagami compariva il post: “Si corre”. Cosa avrà causato questo repentino cambio di idea?

“Non ce la sentiamo di richiedere l’impegno di figure sanitarie, di mezzi come ambulanze ecc. quando queste sono impegnate in prima linea per affrontare l’emergenza sanitaria; inoltre sarebbe stato “inutile” organizzare un evento per il quale il territorio, da sempre molto ricettivo e sensibile, non avrebbe potuto giovare giacché bar, alberghi e ristoranti dovranno rimanere chiusi né il pubblico avrebbe potuto venire ad assistere. E’ un peccato ma ci sembra corretto nei confronti degli ossolani tutti”.

In ultimo, Zagami tiene a sottolineare la totale sintonia di lavoro con gli enti del territorio: “è doveroso ringraziare tutti gli amministratori che ci hanno appoggiato e che erano pronti a farlo anche a queste condizioni; speriamo di poter essere pronti a gareggiare quanto prima perché senza Valli Ossolane è difficile restare!”.