Articoli

WRC 2020, calendario con 10 rally? Ecco su cosa lavora la FIA

Il WRC 2020 ha attualmente un’ipotesi di calendario a 10 rally. Sconvolto dalla emergenza sanitaria legata a Covid-19, il WRC 2020 è in pausa forzata da metà marzo. Di recente, le cancellazioni del Rally di Finlandia, del Rally di Nuova Zelanda e del Rally GB hanno sollevato timori sul fatto che quest’anno possa venire annullato il Mondiale. Tutti si chiedono: avremmo un campionato e un campione del mondo, nonostante tutto e a quale prezzo?

Dietro le quinte, la FIA e il promotore hanno lavorato molto nelle ultime settimane per trovare soluzioni da serie iridata, mostrando comunque la massima disponibilità nel raccogliere condidature per riuscire ad imbastire un WRC 2020 con almeno 10 rally. Abbiamo certezza del fatto che il Consiglio Mondiale del 19 giugno è orientato a consentire un format di rally “smart” con un percorso ridotto del 20% e un programma più concentrato nel tempo rispetto a quanto preveda adesso il regolamento internazionale.

Anche se nulla è ufficiale e probabilmente sarà ancora necessario attendere alcune settimane per avere certezza definitiva delle scelte varate, il calendario WRC sta diventando sempre più delineato. La stagione dovrebbe riprendere durante il mese di agosto con un nuovo evento ad inaugurare la ripartenza: il Rally di Estonia. I concorrenti del WRC si sposteranno quindi in Turchia, come previsto, prima di dirigersi in un Paese che non ha mai ospitato una gara di Mondiale Rally: il Belgio.

Ypres Rally dovrebbe essere l’epicentro di un evento non limitato a Westhoek e che, anzi, potrebbe toccare visitare altre regioni del Paese. Qualcuno sogna di fare concludere il rally a Francorchamps, dove solitamente si disputa la prova belga della World RX. La federazione belga è da giorni al lavoro per cogliere questa opportunità di rilancio sportivo e turistico del ricco stato in cui ha sede la UE.

Dopo il Belgio, secondo l’ipotesi di calendario che sarà discussa il 19 giugno nella riunione del Consiglio Mondiale, il WRC riprenderà il suo corso con Germania, Sardegna, che dovrebbe recuperare la data del Rally GB. Il Giappone vuole mantenere la sua data in calendario, ma non si esclude che con la nuova visione eurocentrica del WRC possano venire presi realmente in considerazione gli asfalti del Rally Roma Capitale o gli sterrati del Rally delle Canarie, per concludere un WRC senza precedenti che dovrebbe avere un totale di 10-11 prove.

ERC, un calendario che si rimodula per emergenza

Ormai non c’è bisogno di spiegare perché una gara viene rinviata o annullata. Mentre il promoter del WRC, congiuntamente alla FIA, dichiara di “tenere sotto osservazione gli eventi”, l’organizzazione dell’ERC non esita e riprogramma tutto, spostando in avanti le gare di inizio stagione. Il Rally delle Azzorre è stato rinviato. La gara, originariamente fissata per il 26-28 marzo e valevole come primo round dell’ERC 2020, si disputerà il 17-19 settembre come sesto appuntamento.

La situazione, in continuo divenire, verrà monitorata anche nelle prossime settimane. Organizzatori, promoter, organi di governo stanno dialogando quotidianamente per garantire un interesse e il miglior spettacolo a tutti appena i motori da corsa potranno essere riaccesi.

“Tutti i membri di Azores Rallye e del promoter ERC, Eurosport Events, sono a conoscenza della gente che ha perso la vita e delle difficoltà che sta creando questa situazione. Seppur non si volesse rinviare l’evento, ciò si è reso necessario considerando la salute e il benessere dei coinvolti, che non dovevano essere compromessi”, è scritto in una nota stampa degli organizzatori.

ERC, Rally delle Canarie forse, Cipro a metà ottobre

La stagione 2020 dell’ERC sarebbe dovuta iniziare dal bellissimo Rally delle Canarie del 7-9 maggio. La gara verrà posticipato a causa della pandemia di coronavirus che ha costretto il governo locale ad adottare restrizioni ferree. Gli organizzatori di Club Deportivo Todo Sport hanno confermato che verrà anche scelta una nuova data per la competizione che si sarebbe dovuta svolgere il weekend del 7-9 maggio.

Il Rally di Cipro, ora, è in previsione subito dopo il Rally delle Azzorre. La gara si svolgerà il weekend del 16-18 ottobre per consentire il recupero della gara azzorriana il 17-19 settembre.

Gli organizzatori presentano il nuovo Rally Islals Canarias

Il FIA European Rally Championship andrà nuovamente a correre il Rally Islas Canarias nel 2020 e gli organizzatori hanno svelato il percorso dell’evento che si terrà il 7-9 maggio 2020. Saranno 17 le PS di gara per un totale di 202,33 km di strade che passeranno da Guía, Valsequillo, San Mateo, Artenara, Tejeda, Las Palmas de Gran Canaria, Valleseco, Gáldar, Moya ed Arucas, alcune di queste colpite dagli incendi dello scorso agosto.

“L’impegno di tutta la società delle Canarie è importante e non dobbiamo fermarci sul dolore subìto la scorsa estate – ha detto Germán Morales, Presidente del comitato di organizzazione – Vogliamo che il rally passi in questi paesi per rivitalizzare l’economia delle aree colpite. Per ora è ancora presto per rivelare i dettagli di ogni PS, ma il primo passo era rendere noto l’itinerario della prossima edizione”.