Articoli

WRC 2020, salta il Rally GB: nuovo calendario con il RIS

“Senza pubblico non si corre”. Agli organizzatori del Rally GB, valido per il WRC 2020, non vanno giù le restrizioni imposte dal governo nazionale e hanno deciso di dire ufficialmente basta, annullando l’edizione 2020 della gara britannica e annunciando l’arrivederci al 2021. Dopo che la settimana scorsa erano saltati il Rally di Finlandia e il Rally di Nuova Zelanda, ora bisogna prendere atto della cancellazione del Rally GB 2020. L’annullamento della gara valida per il WRC – che era nell’aria – offre alla FIA la possibilità di riscrivere il calendario rally del WRC con un orientamento eurocentrico (di cui abbiamo parlato qui).

Nel Consiglio Mondiale previsto per il 19 giugno 2020 sono attese altre due decisioni molto importanti, anzi tre. La prima: la FIA rivedrà il formato dei rally iridati del WRC 2020, consentendo agli organizzatori che garantiranno l’impegno per allestire una gara iridata di mandare in scena delle versioni “smart” delle loro gare. La seconda decisione: verrà stilato un nuovo calendario dal quale potrebbero venire esclusi il Rally del Giappone e il Rally di Argentina. Per quanto riguarda il Giappone, solo Toyota è d’accordo a disputare la gara. Di diverso avviso Hyundai e Ford. In Argentina, invece, si va verso l’inverno con prove innevate o ghiacciate. E in più si tratterebbe di un’altra trasferta costosa in un momento in cui squadre e Costruttori sono flagellati dalla crisi dell’auto.

La terza decisione riguarda il Rally Italia Sardegna. Fermo restando che l’ultima scelta sulla gara spetta agli organizzatori, che sono proprietari del marchio e responsabili dell’evento, la cancellazione del Rally GB in realtà ha reso più snello e rimodulabile un calendario WRC 2020 troppo stretto e ingolfato e ha creato una situazione perfetta per reintrodurre il Rally Italia Sardegna in autunno, ad ottobre. Certo, che nessuno brinda alla cancellazione di un evento storico come la gara discendente dal RAC, ma certamente in un contesto di pessime notizie, si aspre uno spiraglio di speranza in più per la gara italiana valida per il Campionato del Mondo Rally. Un po’ come un arcobaleno dopo la tempesta.

In palio il Rally GB per i vincitori delle serie britanniche

I vincitori dei principali campionati nazionali di rally del Regno Unito riceveranno l’iscrizione gratuita al Wales Rally GB 2020 (29 ottobre-1 novembre) grazie all’iniziativa Road to Wales. Giunto al suo ottavo anno, premia i vincitori dei principali campionati nazionali del Paese con partecipazione gratuita alla gara di fine stagione del Mondiale Rally. Tra i vincitori del passato c’è anche Elfyn Evans.

Il vincitore del nuovo BRC Road to Wales del Campionato Britannico Rally potrà partecipare gratuitamente al rally valido per il WRC, mentre i campioni dei quattro principali campionati nazionali – BTRDA Gold Star, McGrady Insurance Northern Ireland Stage Rally Championship, KNC Groundworks Scottish Rally Championship e Pirelli MSA Welsh Rally Championship – riceveranno iscrizioni gratuite alla gara nazionale, ma potranno partecipare al rally internazionale pagando la differenza della quota di iscrizione.

Gestita in collaborazione con Hyundai Motorsport Customer Racing, BRC Road to Wales è aperta a tutti coloro che sono iscritti al British Rally Championship 2020. Saranno nominati quattro finalisti: il campione BRC sarà affiancato da altri tre piloti scelti da una giuria per le loro capacità di guida e si sottoporranno a test di idoneità, media e attitudini, nonché analisi video a bordo delle loro abilità di guida.

Il vincitore di BRC Road to Wales si assicurerà il Wales Rally GB al volante di una Hyundai i20 R5 super competitiva, e la possibilità di mettersi in contatto con alcuni dei migliori piloti al mondo. Il Wales Rally GB di quest’anno avrà sede a Deeside e i fan saranno in grado di acquistare i biglietti quando saranno svelati tutti i dettagli del percorso 2020 in primavera.

Junior WRC: il Rally GB sostituisce quello del Cile

Dopo la cancellazione del Rally del Cile 2020, il Rally GB è stato scelto come quinta e ultima prova del Junior WRC. Il rally è stato già teatro della conclusione al campionato 2019, che ha visto Jan Solans emergere come campione dopo una lotta durata una stagione con gli svedesi Tom Kristensson e Dennis Radstrom.

Il Rally GB è stato per decenni il rally chiamato a decidere le sorti del Campionato del Mondo Rally ed è una gara con delle caratteristiche molto particolari, tra cui prove speciali uniche. Spesso umido, nebbioso e strade forestali fangose e tante altre insidie rendono molto difficile terminare questa corsa.