Articoli

Rallyday Vermentino: Stefano Guerra si impone su Francesco Marrone

La prima giornata del Rallyday Vermentino si chiude con la vittoria della PSP Berchidda 1 da parte di Francesco Marrone e Francesco Fresu, che con la loro Peugeot 208 T16  R5 del Team Autoservice Sport. Segue a 1.2 il duo Siddi-Corda su Skoda Fabia R5. A completare il podio l’equipaggio sanmarinese composto da Stefano Guerra e Silvio Stefanelli su Ford Fiesta R5. Quarto posto per l’ultima delle R5 con l’equipaggio composto da Giancarlo Pusceddu e Paolo Cottu su Skoda Fabia R5.

Nel Gruppo N duello tra i fratelli Marrone con Fabrizio, navigato da Massimiliano Frau, che precede Stefano navigato da Stefano Pudda di soli 0.7 secondi. A seguire Andrea Carta e Davide Pitturru su Mitsubishi Lancer Evo X a 1.8 secondi. Domenica 31 marzo, sveglia all’alba per gli equipaggi partecipanti al Rally dei Nuraghi e del Vermentino 2019. Alle 7 con l’apertura del riordino è cominciato il day 2 della gara berchiddese. Ben 7 le PS da disputare. Tre passaggi a Monte Olia, due passaggi a Telti e due a Taroni.

Tutti rincorrono Marrone-Fresu, che il giorno prima si sono aggiudicati la PSP di Berchidda mettendo dietro Siddi-Corda, Guerra-Stefanelli e Pusceddu-Cottu. Grande lotta anche per il gruppo N, con Fabrizio Marrone e Massimiliano Frau davanti a tutti. Stefano Guerra e Silvio Stefanelli su Ford Fiesta Rd del Team Movisport si aggiudicano il “Rally dei Nuraghi e del Vermentino 2019”. L’equipaggio sanmarinese precede il duo Marrone-Fresu su Peugeot 208 T16 del Team Autoservice Sport di 26.5 secondi. Chiudono il podio Siddi-Corda su Skoda Fabia R5 a 38.7 secondi.

Nel Gruppo N trionfano Mannu-Tendas su Renault Clio RS sull’equipaggio Vallino-Vitali con Opel Astra. Terzi Uscidda-Pau su Opel Astra OPC. Si aggiudica il “Memorial Lorenzo Fresu”, destinato all’equipaggio più spettacolare, la coppia composta da Ugo Valdarchi e Maria Elena Valdarchi su Seat Ibiza per il meraviglioso salto nella PSP di Berchidda.

“Una gara difficile, molto bella – ha detto Stefano Guerra –.  Ringrazio tutto il paese di Berchidda per il calore, mi porta fortuna. Due anni fa avevamo fatto una bella gara in Gruppo N e quest’anno ci siamo tolti la soddisfazione della vittoria assoluta. Monte Olia era la prova più insidiosa, tecnica. Alla fine è stata quella decisiva per la classifica. ”