Articoli

Alessio Profeta testa in Sardegna in vista del RIS

Alessio Profeta si prepara al debutto sulla terra, in programma a metà giugno in Sardegna. Il pilota siciliano dopo aver conquistato i primi punti tricolore al Targa Florio, ha infatti effettuato una giornata di test al volante della Skoda Fabia R5 gestita dalla RSport. Sugli sterrati in provincia di Cuneo, il portacolori di Island Motorsport ha così preso confidenza con un terreno del tutto sconosciuto, provando vari setup sulla vettura in vista dell’impegnativo appuntamento Tricolore in Sardegna, affiancato al mondiale rally, in programma dal 13 al 16 giugno prossimi.

“Primi chilometri su un fondo del tutto nuovo. Sono veramente contento delle sensazioni acquisite in questa giornata di test. – continua Profeta – La terra è un tassello fondamentale per la crescita di ogni pilota, pertanto era giunto il momento di compiere questo passo verso i fondi sterrati.”

Al fianco del giovane siciliano sarà presente Sergio Raccuia che, nel suo curriculum, annovera la partecipazione al Rally di Montecarlo nel 2013.

“E’ fantastico ritornare sulle strade del mondiale, seppur le difficoltà aumentano notevolmente con i soli due passaggi di ricognizione consentiti a prova. Sono felicissimo di portare Alessio al debutto sui blasonati sterrati sardi.” – afferma Raccuia.

La nostra guida interattiva sempre aggiornata al Rally Italia Sardegna la trovi qui.

RIS 2019: Breen e Andreucci i grandi ‘esclusi’

Le iscrizioni del RIS 2019 sono ufficialmente chiuse e i due principali nomi che mancano sono proprio quello di Craig Breen, atteso al confronto con Giandomenico Basso, Simone Campedelli e Luca Rossetti sulla difficile terra sarda, e quello di Paolo Andreucci, che sognava di disputare il Rally italia Sardegna con Rudy Briani ma alla fine non è riuscito nell’intento. Mentre di Ucci c’era pieno sentore del forfait in una manifestazione come il Rally Italia Sardegna, la notizia di Breen giunge come fulmine a ciel sereno. E soprattutto non ci si aspettava un’assenza così lunga nella serie tricolore, che inevitabilmente finirà per penalizzarlo in classifica: quella sarda sarà già la seconda prova che il driver irlandese che ha dovuto ripiegare sul Cir 2019 salterà.

A ben vedere non sembra proprio il miglior periodo per Breen, pilota di indubbio talento che continua a lottare contro avversità economiche senza smettere neppure per un minuto di credere nel proprio valore sportivo. Dopo aver dovuto rinunciare al Rally Targa Florio 2019, dove era atteso da tantissimi appassionati e tifosi, ora è costretto a rinunciare anche al Rally Italia Sardegna. Il team manager della Metior, Vittorio Sala, aveva spiegato così la scelta della Sardegna: “C’è un maggiore ritorno d’immagine, che per noi che siamo un piccolissimo team è una cosa importantissima, Craig Breen sulla terra è un osso duro, lui stesso desiderava tornare a correre in un evento WRC…”.

Sala aveva anche aggiunto: “A questo si aggiunga che la spesa per affrontare la gara siciliana e quella per effettuare la trasferta in Sardegna è praticamente identica. Però, o si andava in Sicilia o si andava in Sardegna. E visto che le tappe sulla terraferma non sono in discussione, allora mi è sembrata la cosa più giusta da fare. A Craig dispiace molto non essere al Rally Targa Florio, però non posso nascondere che anche l’idea di andare a correre il Rally Italia Sardegna è parecchio stimolante per tutti”. Peccato, la fine di un sogno. La fine di un incontro atteso, Craig e la Sardegna, lì dove le strade di Breen e quelle del Mondiale Rally si sarebbero di nuovo incrociate.

Campionati Italiani Rally: elenco iscritti 2019 (AGGIORNATO)

Ecco tutte le candidature ufficiali per i diversi titoli in palio, con le iscrizioni per i vari Campionati Italiani Rally. Ecco Un elenco iscritti sempre aggiornato piloti iscritti ai Campionati Italiani Rally.

Elenco iscritti Campionati Italiani

CAMPIONATO ITALIANO RALLY 2019

Albertini Stefano

Basso Giandomenico

Breen Craig

Campedelli Simone

Crugnola Andrea

Gilardoni Kevin

Michelini Rudy

Profeta Alessio

Razzini Marcello

Rossetti Luca

Rusce Antonio

Scattolon Giacomo

CAMPIONATO ITALIANO 2 RUOTE MOTRICI 2019

Ciuffi Tommaso

Lucchesi Christopher

Nicelli Davide

Panzani Luca

Perosino Patrizia

Somaschini Rachele

Trevisani Jacopo

CAMPIONATO ITALIANO JUNIOR 2019

Bernardi Giorgio

Bottarelli Luca

Mazzocchi Andrea

Pollara Marco

Pucella Pasquale

Testa Giuseppe

Vita Mattia

CAMPIONATO ITALIANO RALLY ASFALTO 2019

Albertini Stefano

Crugnola Andrea

Gilardoni Kevin

Michelini Rudy

Profeta Alessio

Razzini Marcello

Rusce Antonio

Scattolon Giacomo

CAMPIONATO ITALIANO COSTRUTTORI 2019

Citroen Italia

Ford Italia

CAMPIONATO ITALIANO COSTRUTTORI 2 RUOTE MOTRICI 2019

Ford Italia

Peugeot Automobili Italia

CAMPIONATO ITALIANO WRC 2019

Andriolo Rudy

Bizzotto Giampaolo

Fontana Corrado

Fontana Luigi

Santini Federico

Schileo Nicola

Signor Marco

Zigliani Rizziero

CAMPIONATO ITALIANO RALLY TERRA 2019

Andreucci Paolo 

Baldinini Filippo 

Battilani Fabio 

Barone Jr. 

Cagni Davide 

Campagnoli Gabriele 

Ceccoli Daniele 

Cobbe Luciano 

Codato Mattia 

Consani Stephane 

Costenaro Giacomo 

Dalmazzini Andrea 

Fanari Francesco 

Gallu Andrea 

Hoebling Luca 

Liceri Michele 

Manfrinato Giovanni 

Marchioro Nicolò 

Maspoli Luca 

Messori Giuseppe 

Ricci Luigi 

Scandola Umberto 

Squarcialupi Massimo 

Tali Francesco 

Tonso Massimiliano 

Versace Tullio Luigi

TROFEO GRUPPO N – 4 RUOTE MOTRICI 2019

Bardini James 

Bedini Piergiorgio 

Codato Mattia 

Gabbarini Christian 

Ioriatti Armando

Ultimo aggiornamento 15 maggio 2019 ore 9.00

Suzuki Rally Cup: Emanuele Rosso ‘samurai’ in Sicilia

Il terzo appuntamento della Suzuki Rally Cup, la Targa Florio, ha dato spettacolo regalando adrenalina, agonismo ed emozioni. Sono state le sfide tra i dodici equipaggi trofeisti ad elettrizzare il fine settimana siciliano, durante il quale le prestazioni delle compatte sportive della Casa di Hamamatsu hanno consentito ai giovani di salire alla ribalta del proscenio ed aggiudicarsi, al contempo, la classifica del Campionato Italiano R1.

Emanuele Rosso firma la sua prima prestazione vincente nel trofeo Suzuki e nella serie Tricolore Aci Sport. Il ventenne astigiano aveva dato dimostrazione di qualità e sensibilità di guida non comuni sin dalle prime prove dell’anno; assimilate le caratteristiche della Swift della Meteco, Rosso si è presentato a Palermo con all’attivo un quarto piazzamento al recente Rallye Elba, prova valevole per il Girone “WRC” della Suzuki Rally Cup, inequivocabile segno di crescita. “Maturazione” dovuta alla maggior conoscenza nell’utilizzo delle gomme Toyo Tire, che alla Targa ha dato i suoi frutti mettendolo in lizza per il vertice assoluto della classifica, sin dalle primissime battute di gara.

Primi chilometri cronometrati, delle diciassette mitiche prove speciali sulle Madonie e non solo, che hanno lanciato ai primi posti il parmense Simone Rivia, ma che alla quinta piesse ha lasciato il testimone a Rosso, per riprenderselo, poi, nelle prove successive. Terzo, sornione, si era posto il vicentino Andrea Scalzotto, il migliore sulla PS3 “Cefalù” e sulla PS4 “Tribune 1”, prima frazione del sabato.

Due scratch che sarebbero valsi a Scalzotto la terza posizione nella classifica del monomarca a 5″4. Corrado Peloso ha imposto il suo ritmo sul primo passaggio della “Targa”, la designata Power Stage al quale non ha dato seguito, dovendosi ritirare per noie al cambio. Il ligure Fabio Poggio, invece, non ha ingranato e si è attestato al quarto posto con un distacco di 12’’ da Rosso per poi ritirarsi per via di un distaccamento di un filo e la conseguente rottura di una candela nella sesta prova.

Il finale della “cursa” 2019 ha riservato ancora sorprese: Simone Rivia al comando della classifica tra le SWIFT R1B. Secondo Andrea Scalzotto che aveva sorpassato Emanuele Rosso sull’ultima speciale di Collesano. Dopo le quindici prove speciali a due dal termine, al comando della classifica c’era il parmense Simone Rivia con 6″3 di vantaggio sul vicentino ed otto sull’astigiano. Quarto il toscano Stefano Martinelli, autore di una buona gara e migliore sulla prova di Collesano 2. La penultima piesse, terzo passaggio sulla prova Tribune, ha visto il siciliano Giorgio Fichera più veloce di tutti con la BALENO 1.0 Boosterjet, per quattro decimi su Rivia che allungava a 7″2 il vantaggio sugli inseguitori.

Un margine che non è stato sufficiente a contenere la rimonta di Rosso. Il ventenne piemontese dava tutto nell’impegno finale, segnando il miglior tempo che gli consentiva di superare a piè pari sia Scalzotto, che Rivia, andando a vincere. Quarto al traguardo il toscano Martinelli, quinto Costantino, autore di uno scratch nella quattordicesima prova di Geraci. Sesto Fichera, esaltandosi sulle strade di casa, portando a livello assoluto la Baleno 1.0 Boosterjet.

È uno sconsolato Stefano Strabello a chiudere in settima piazza, poco usuale per il veronese che ha lottato per il vertice della Suzuki Rally Cup nelle passate edizioni. Ottavo Simone Borgato a precedere il duo siciliano “Pinopic”, nono, e Sergio Denaro decimo, incredulo nel non riuscire a prendere il passo del quale è capace alla guida della Suzuki SWIFT 1.6 Sport dell’Alma Racing.

Classifica Suzuki Rally Cup al Rally Targa Florio

1. E. Rosso e A. Ferrari (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – meteco Corse) in 1h48’54.4; 2. S. Rivia e A. Dresti (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet R1 – N.C.) a 6.6; 3. A. Scalzotto e D. Cazzador (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Funny Team) a 20.3; 4. S. Martinelli e F. Grilli (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – G.R. Motorsport) a 59.4; 5. D. Costantino e A. Parodi (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Meteco Corse) a 1’06.5; 6. G. Fichera e S. Duro (Suzuki Baleno 1.0 Boosterjet R1 – R1B – Team Automobilistico Phoenix) a 1’08.7; 7. S. Strabello e S. D’ambrosio (Suzuki Swift 1.0 Boosterjet R1 – Destra 4) a 1’15.5; 8. S. Borgato e E. Dinelli (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Versilia Rally Team) a 1’43.7; 9. ‘Pinopic’ e G. Barbaro (Suzuki Swift 1.6 Sport R1B – Project Team) a 3’25.8; 10. S. Denaro e M. De Paoli (Suzuki Swift 1.6 Sport R1 – Alma Racing) a 3’42.2  

Classifica Suzuki Rally Cup Girone CIR

1. Poggio punti 40 (Rally Il Ciocco e Rally Sanremo); 2. Scalzotto 35; 3. Rivia 34; 4. Rosso 27 (Targa Florio); 4. Peloso 27; 6. Denaro 23; 7. Martinelli 17; 8. Costantino 15; 9. Borgato 14; 10. Strabello e Fichera 12; 12. “Pinopic” 9; 13. Iacconi 8; 14 Soliani 7; 15. Lunelli 2

Kevin Gilardoni soddisfatto della prestazione

Kevin Gilardoni torna da Palermo con un bel sorriso frutto di un Rally Targa Florio vissuto a ottimi livelli e chiuso in settima posizione. Il portacolori della scuderia Movisport, insieme a Corrado Bonato e sulla Hyundai i20 R5 del team HMI, ha ottenuto il suo miglior risultato nel Cir da che è passato alle 4×4 nel tricolore; una bella soddisfazione giacché è arrivata in uno dei contesti più prestigiosi quale la Targa Florio, la “cursa” ovvero la gara più antica del mondo.Un quinto ed un quarto assoluto sono i due migliori parziali ottenuti nelle impegnative prove isolane e, dato l’alto tasso tecnico dei presenti, la settima piazza finale è da considerarsi ottima visto che ad essa corrispondono anche 8 punti relativi alla classifica del Campionato Italiano Rally Asfalto.

“Siamo contenti per questo prestigioso risultato che corrisponde per ora al nostro miglior piazzamento nel CIR; tutto è finalmente andato nel miglior dei modi: abbiamo potuto lavorare per affinare il set up ed il feeling con la macchina considerando che non  facciamo mai test pre-gara; siamo felici dell’ottimo lavoro svolto dal team HMI e da Michelin, un pacchetto che ci ha messo nelle condizioni di essere al top e permesso di essere competitivi; da questo momento pensiamo già al Rally di Roma. È sempre un piacere correre su queste strade, in quest’isola dai fantastici colori e con un pubblico estremamente caloroso; questo per noi non dovrà essere un punto arrivo ma uno di partenza che ci permetterà di essere già carichi in vista dell’appuntamento di luglio a Roma che sarà valevole anche per il Campionato Europeo!” ha dichiarato Gilardoni.